LA CANNES DEI GIUSTI - IL SEDERE DI OPHELIE BAU HA LASCIATO IL SEGNO. DA ''LIBERATION'' DIFESA A OLTRANZA DI ''MEKTOUB MY LOVE-INTERMEZZO'', BOLLATO DI VOYEURISMO MASCHILE. LA PROTAGONISTA NON SI È PRESENTATA ALLA CONFERENZA STAMPA CON LA SCUSA CHE STAVA GIRANDO. LE DOMANDE INEVITABILI SULLA SCENA CHIAVE DEI 12 MINUTI DI SESSO ORALE, DEVONO AVERLA IMBARAZZATA PIÙ CHE GIRARLA - GRANDI APPLAUSI PER ''ZOMBI CHILD''

-

Condividi questo articolo

il cast di mektoub my love a cannes il cast di mektoub my love a cannes

 

Marco Giusti per Dagospia

 

Cannes. Il sedere di Ophelie Bau ha lasciato il segno. Se la maggior parte dei critici ha massacrato Mektoub My Love-Intermezzo, per non parlare di chi ha bollato il suo regista,  Abdellatif Kechiche, di voyeurismo maschile, sulle pagine di Liberation si è levata una difesa a oltranza che arriva a esaltare il film paragonandolo a La region central di Michael Snow, capolavoro del cinema sperimentale.

 

mektoub my love canto uno mektoub my love canto uno

Canto d'amore alla giovinezza e al corpo soprattutto della sua protagonista, proprio lei  Ophelie Bau, ha preferito non presentarsi però stamane alla conferenza stampa del film con la scusa che stava girando. Evidentemente le domande inevitabili sulla scena chiave dei 12 minuti di sesso orale, devono averla imbarazzata più che girarla.

mektoub my love canto uno 3 mektoub my love canto uno 3

 

Kechiche ha difeso a spada tratta il suo film, che promette anche una terza parte. "Cerco di mostrare quello che mi fa vibrare, dei corpi, dei ventri. La cosa più importante per me era celebrare la vita, l'amore, il desiderio, la paura, la musica, il corpo e tentare un'esperienza cinematografica più libera possibile".

 

mektoub my love canto uno 2 mektoub my love canto uno 2

Grandi applausi alla Quinzaine des Realisateurs oggi per Zombi Child di Bertrand Bonello, complesso horror movie moderno che cerca di fondere una forte critica all'imperialismo francese con le storie superclassiche del voodoo haitiano e del terribile Baron Samedi. Poteva uscire un film bizzarro ma confuso, invece Bonello riesce a ben dosare i suoi elementi unendo all'interno di un collegio femminile per figlie di cittadini premiati con la Legion d'onore una ragazza haitiana nipote di in vero zombi degli anni 60, una ragazza bianca invasata dall'amore per un ricciolone e dotte lezione sui valori e sui significati della Rivoluzione francese.

 

zombi child zombi child

 Il tutto mentre assistiamo alla zombificazione e alla resurrezione del nonno della ragazza haitiana. Bonello unisce al tutto variazioni horror, musica moderna da teen movie intelligente. Ma non perde mai il controllo del racconto.

zombi child zombi child mektoub my love mektoub my love mektoub, my love canto uno 1 mektoub, my love canto uno 1 mektoub my love canto uno 1 mektoub my love canto uno 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

I DOSSIER FBI SUL 'SUICIDIO' DI MARILYN MONROE - “ROBERT KENNEDY ERA INNAMORATO DI MARILYN. LE AVEVA PROMESSO DI DIVORZIARE DALLA MOGLIE PER SPOSARLA. INULTILMENTE. E LEI MINACCIO' DI RENDERE PUBBLICA LA LORO STORIA” - SI ACCENNA A UNA RELAZIONE LESBICA DI MARILYN CON ... (CENSURA)... - “DURANTE UN RAPPORTO SESSUALE CON MARILYN. IN ALCUNE OCCASIONI, JOHN F. KENNEDY PARTECIPAVA AI FESTINI CON...(CENSURA)... ATTRICI”. E UNO DI QUESTI PARTY ERA STATO FILMATO DA UN DETECTIVE PRIVATO DI LOS ANGELES

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute