LA CANNES DEI GIUSTI - VI DICO SUBITO CHE "THE IDOL", LA NUOVA SERIE-MISCUGLIONE TRA "È NATA UNA STELLA" IN SALSA POP E UN SOFTPORNO, CON L'ESPLOSIVA LILY ROSE DEPP (INQUADRATA PIÙ DI CULO CHE DI FACCIA) E THE WEEKND, È UNA BOMBA - QUI, A CANNES, E' STATA PRESENTATA A UN PUBBLICO DI CRITICI FURIOSI E OFFESI, MA AMMETTIAMOLO, C'È PIÙ CANNES DI OGGI, COI SUOI RICCHI AMERICANI, LE RAGAZZE, LE FESTE DOVE SI PIPPA FACILE, IN QUESTA SERIE CHE NEI FILM DA CRITICONI CHE CI SCIROPPIAMO OGNI GIORNO FINGENDO CHE CI SIA ANCORA IL CINEMA. COME SE NON FOSSE NATO QUI IL POTERE DI WEINSTEIN… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

the weeknd lily rose depp the idol the weeknd lily rose depp the idol

Cannes settimo giorno. Magari ottavo. Vi dico subito che "The Idol" (in esclusiva su Sky e NOW dal 5 giugno) , la nuova serie del Sam Levinson di "Euphoria", miscuglione di "È nata una stella" in salsa pop e del softporno con le varie sfumature di grigio, con l'esplosiva Lily Rose Deep inquadrata più di culo che di faccia in primo piano e The Weeknd col codino alla Fiorello di trent'anni fa, è una bomba. Soprattutto se immagini di vederlo a casa tua sul divano.

 

lily rose depp the idol lily rose depp the idol

Qui, a Cannes, dove sono state presentate pe prime due puntate a un pubblico di critici furiosi e profondamente offesi, è una sorta di provocazione. L'oggetto più odiato del festival, probabilmente, presentato con lo stesso fastoso red carpet sul quale vedi arrancare i vecchi gloriosi registi ottantenne, sotto gli sguardi delle ragazzine urlanti. Profonda ipocrisia di Cannes. Si passa dall 'odio per le serie e le piattaforme al volerle per fare spettacolo popolare con l'abbinata Depp + Depp irritando le femministe militanti di Adele Haenel.

lily rose depp the idol lily rose depp the idol

 

Nessuno dei due Depp è un grande attore, ma Johnny è una vecchia star bollita buono per l'apertura regale come Louis XV, e Lily-Rose ha una bella carica sexy che può farci scordare Zendaya negli eccessi, che poi si limitano al ghiaccio nelle mutande, un mezzo autostrangolamento con la sinistra che lancia un ditalino con la destra, e grandi piani del suo favoloso sedere dilaganti ovunque.

lily rose depp the idol lily rose depp the idol

 

Ma, ammettiamolo, c'è più Cannes di oggi, coi suoi ricchi americani, le ragazze, le feste dove si pippa facile, il montaggio da serie TV di nuovo culto che nei film da criticoni che ci sciroppiamo ogni giorno fingendo che ci sia ancora il cinema. Come se non fosse nato qui il potere di Weinstein.

the weeknd lily rose depp the idol the weeknd lily rose depp the idol

 

Non sarà magari all'altezza di "Euphoria" che ci ha fatto digerire per un po' anche la pandemia, ma questo "The Idol" ci ha svegliato di brutto dal torpore da troppi film mattonate, con i suoi manager cattivi, i giornalisti venduti, la star che piange la morte della mamma, la nascita di un'eterna Eva (contro Eva) magari asiatica. Devi fare come Donna Summer, devi farci sentire che vuoi cantare come che vuoi scopare. Ci caschiamo. Sempre.

lily rose depp the idol lily rose depp the idol the weeknd lily rose depp the idol the weeknd lily rose depp the idol lily rose depp the idol lily rose depp the idol the weeknd lily rose depp the idol the weeknd lily rose depp the idol the weeknd lily rose depp the idol the weeknd lily rose depp the idol lily rose depp the idol lily rose depp the idol il culo di lily rose depp the idol il culo di lily rose depp the idol

 

Condividi questo articolo

media e tv

“NON LASCIO IL SAN CARLO, IL DECRETO DEL GOVERNO È DISCRIMINATORIO” - IL DIRETTORE ARTISTICO DEL TEATRO, STEPHANE LISSNER, SI OPPONE AL PENSIONAMENTO E DEFINISCE “NULLO, ILLEGITTIMO, INGIUSTIFICATO, INEFFICACE, ARBITRARIO, IRRAGIONEVOLE” IL PROVVEDIMENTO CHE MANDA DI FATTO IN PENSIONE A 70 ANNI I DIRETTORI DEI TEATRI (LISSNER LI HA COMPIUTI A GENNAIO) – LO RITIENE UN DECRETO "AD PERSONAM" PER AFFIDARE QUEL POSTO A FUORTES E INDURLO AD ABBANDONARE IL POSTO DI AD RAI – LO SCIOPERO AL SAN CARLO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute