CHE FA LORENZETTO DI NOTTE? LE PULCI AI GIORNALI! - INTERVISTA ALL’ASSESSORE REGIONALE VENETO ALL’ISTRUZIONE, ELENA DONAZZAN, SULLA VERITÀ: «PURA INCOMPETENZA, ECCO QUEL CHE VEDO. E PENSARE CHE DI MINISTRI DELL’ISTRUZIONE NE HO VISTI TANTI IN QUESTI ANNI, MA COME LAURA AZZOLINA MAI». INFATTI NON ESISTE, SEMMAI C’È UNA LUCIA AZZOLINA

-

Condividi questo articolo

Stefano Lorenzetto Stefano Lorenzetto

“Pulci di notte” di Stefano Lorenzetto da “Anteprima. La spremuta dei giornali di Giorgio Dell’Arti” e pubblicato da “Italia Oggi”

(http://www.stefanolorenzetto.it/telex.htm)

 

Daniele Capezzone, già portavoce di Forza Italia, scrive sulla Verità: «L’autocensura di ieri non è dunque una buona notizia per i cristiani perseguitati in tutto l’Estremo Oriente, e in generale per chiunque difenda la libertà, religiosa e non».

 

Eh no, sarebbe bastato ricordarsi di “Uomini e no”, il romanzo di Elio Vittorini. «L’avverbio negativo olofrastico (detto così perché, da solo, costituisce un’intera frase) in italiano è soltanto “no”», ricordava il linguista Luca Serianni nel periodico dell’Accademia della Crusca (numero 11, ottobre 1995).

 

daniele capezzone daniele capezzone

«L’uso tradizionale richiede dunque “o no” in coordinate disgiuntive ridotte appunto alla sola negazione olofrastica». Il dantista Remo Fasani nel “De vulgari eloquentia” (Padova, Liviana editrice, 1978, pagina 15) condannò senza appello la forma «o non», «forse lo sfregio più grande – e più gratuito – che si poteva fare all’italiano», aggiungendo: «E subito dopo viene il “meno”: “diretti o meno”, che sembra l’invenzione di un ubriaco».

 

***

 

Da un editoriale del direttore di Libero, Pietro Senaldi, si apprende che Giuseppe Conte «ha posto la fiducia sul provvedimento che dovrebbe dare il là alla risalita». Questo governo è davvero un disastro: riesce persino a trasformare le note musicali in avverbi.

 

***

GIUSEPPE CONTE MEME GIUSEPPE CONTE MEME

 

Sommario dall’Espresso: «Jole, 86 anni, pagato l’affitto le restano 250 euro al mese». Invece c’è abbondanza di anacoluti in redazione.

 

***

pietro senaldi pietro senaldi

 

Nella sua bellissima intervista con Ernesto Franco, direttore editoriale dell’Einaudi, apparsa su Robinson, il settimanale di Repubblica, Antonio Gnoli comincia dando del lei all’interlocutore, ma nel giro di otto domande passa al tu. Si vede che hanno fatto amicizia in fretta. Attenuante generica: la rubrica dell’eccellente Gnoli si chiama “Straparlando”. Quindi era autorizzato a chiudere il colloquio dandogli del voi.

 

***

 

LUCIA AZZOLINA LUCIA AZZOLINA

Intervista di Antonio Di Francesco all’assessore regionale veneto all’Istruzione, Elena Donazzan, sulla Verità: «Pura incompetenza, ecco quel che vedo. E pensare che di ministri dell’Istruzione ne ho visti tanti in questi anni, ma come Laura Azzolina mai». Infatti non esiste, semmai c’è una Lucia Azzolina.

elena donazzan 2 elena donazzan 2 antonio gnoli foto di bacco antonio gnoli foto di bacco conte azzolina conte azzolina LUCIA AZZOLINA LUCIA AZZOLINA luigi di maio lucia azzolina luigi di maio lucia azzolina LUCIA AZZOLINA AL MARE LUCIA AZZOLINA AL MARE lucia azzolina 2 lucia azzolina 2 ernesto franco ernesto franco lucia azzolina 6 lucia azzolina 6 LUCIA AZZOLINA LUCIA AZZOLINA SABINA GUZZANTI E LUCIA AZZOLINA SABINA GUZZANTI E LUCIA AZZOLINA lucia azzolina 1 lucia azzolina 1 lucia azzolina lucia azzolina elena donazzan elena donazzan elena donazzan 1 elena donazzan 1 elena donazzan elena donazzan elio vittorini elio vittorini

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“PER SPIEGARE LA DISSOLUZIONE DELLA SINISTRA IN ITALIA MI SOFFERMO SU UNA FOTO DI MARIA ELENA BOSCHI” - FULVIO ABBATE: “LO SGUARDO SI RITROVA CALAMITATO UNICAMENTE DALLA “H” DORATA DELLA FIBBIA DELLA CINTURA, INIZIALE DI UN MARCHIO DI LUSSO E ORGOGLIO GLOBALE, PLANETARIO, PROVINCIALE, RIONALE, DA SABATO IN DISCOTECA. LA CONVINZIONE CHE LA SINISTRA DEBBA MOSTRARSI MUTANTE, ESTRANEA AL SUO STESSO GERME, COSÌ DA DIVENTARE CONVINCENTE AGLI OCCHI DEGLI ESTRANEI, LA RENDE RISIBILE, E NESSUNO PENSI CHE…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute