CIAK, MI GIRA! - BELLA GIORNATINA PER IL CINEMA, IERI. NEMMENO “DUNE: PARTE DUE” ARRIVA A UN INCASSO DECENTE, CON 119 MILA EURO - LA NEW ENTRY “RACE FOR GLORY”, SULLA VITTORIA NEL 1983 DELLA LANCIA DI FIORIO CONTRO LA AUDI NEL RALLY, AL SUO PRIMO GIORNO INCASSA 74 MILA EURO, 10 MILA SPETTATORI IN 310 SALE. MEGLIO DI ALTRI FILM ITALIANI, VA DETTO. VEDIAMO COME SI MUOVERÀ, MA È UN FILM COME NON SE NE FACEVANO DA PARECCHIO - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

timothee chalamet in dune parte due 2 timothee chalamet in dune parte due 2

Bella giornatina per il cinema, ieri. Nemmeno “Dune: Parte due” di Denis Villeneuve arriva a un incasso decente, con 119 mila euro, 15 mila spettatori con 334 sale. In attesa del pubblico di sabato e domenica. Il totale è di 7 milioni 367 mila euro. La new entry “Race for Glory” diretto da Stefano Mordini, prodotto da Riccardo Scamarcio e Jeremy Thomas con lo stesso Scamarcio e Daniel Bruhl, dedicato alla vittoria nel 1983 della Lancia di Fiorio contro la Audi nel Rally, al suo primo giorno incassa 74 mila euro, 10 mila spettatori in 310 sale. Meglio di altri film italiani, va detto.

race for glory audi vs. lancia 5 race for glory audi vs. lancia 5

 

Ieri alle 15 all’Adriano c’erano 5 spettatori, tutti maschi, con me, Ciro Ippolito e Paolino Ruffini arrivavamo a 8. Insomma… Vediamo come si muoverà, ma è un film, come non se ne facevano da parecchio, di coproduzione europea, girato in tante lingue, soffre del doppiaggio italiano di molti personaggi. Terzo posto per “La zona d’interesse” di Jonathan Glaser, 9 mila spettatori in 366 sale, che diventeranno più di 500 da sabato a domenica, per un totale di 3 milioni 145 mila euro. Doppia la commedia “Un altro ferragosto” di Paolo Virzì, 31 mila euro, 5 mila spettatori in 355 sale, un totale di 1 milione di euro.

 

imaginary imaginary

L’horror americano “Imaginary” è quinto con 28 mila euro, 4 mila spettatori in 267 sale. “Poor Things” di Yorgos Lanthimos è sesto con 20 mila euro, e un totale di 8, 7 milioni, mentre “La sala professori” lo segue con 16 mila euro, 710 mila euro totali. “Oppenheimer” di Christopher Nolan con Cillian Murphy è ottavo con 14 mila euro, 2 mila spettatori e un totalone, lo sappiamo, di 28, 2 milioni. Il thriller australiano “Force of Nature – Oltre l’inganno” di Robert Connelly, sequel di un precedente e riuscito “The Dry”, con Eric Bana, Anna Torv, Robin McLeavy, al suo primo giorno è nono con 11 mila euro.

non aprite quella bara non aprite quella bara

Mi interessa di più l’horro comico toscano di Matteo Querci “Non aprite quella bara” con Tomas Arana, Paolo Hendel, Barbara Enrichi, Gaia Nanni, David Brandon, al suo primo giorno è dodicesimo con 8 mila euro, 1.104 spettatori. Tra le altre uscite, vi segnalo “Drive Away Dolls” di Ethan Coen con Margaret Qualley 22° con 3 mila spettatori, 495 spettatori, proprio buttatto via. Al 25° posto vediamo il potente kolossal danese “La terra promessa” con Mads Mikkelsen, già presentato a Venezia settembre scorso, 2.421 euro, 409 spettatori.

 

il diavolo e' dragan cygan il diavolo e' dragan cygan

Il curioso drammatico “Il diavolo è Dragan Cygan” di Emiliano Locatelli con Enzo Salvi, Sebastiano Somma, Adolfo Margiotta è 43°.  La vera consolazione è che “C’è ancora domani” di e con Paola Cortellesi, al suo terzo giorno nelle sale francesi, ne ha 220, è già terzo in classifica, dietro “Dune; Parte due” e “Une vie”. Il primo giorno ha avuto 40 mila spettatori. Bella soddisfazione.

timothee chalamet in dune parte due timothee chalamet in dune parte due force of nature – oltre l'inganno force of nature – oltre l'inganno force of nature – oltre l'inganno force of nature – oltre l'inganno imaginary imaginary imaginary imaginary daniel bruhl riccardo scamarcio race for glory audi vs. lancia daniel bruhl riccardo scamarcio race for glory audi vs. lancia enzo salvi il diavolo e' dragan cygan enzo salvi il diavolo e' dragan cygan force of nature – oltre l'inganno force of nature – oltre l'inganno florence pugh in dune parte due florence pugh in dune parte due il diavolo e' dragan cygan il diavolo e' dragan cygan imaginary imaginary non aprite quella bara non aprite quella bara florence pughe dune parte 2 florence pughe dune parte 2 riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 2 riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 2 timothee chalamet e austin butler in dune parte due timothee chalamet e austin butler in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 1 riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 1 timothee chalamet e zendaya in dune parte due timothee chalamet e zendaya in dune parte due race for glory audi vs. lancia 2 race for glory audi vs. lancia 2 race for glory audi vs. lancia 3 race for glory audi vs. lancia 3 race for glory audi vs. lancia 1 race for glory audi vs. lancia 1 race for glory audi vs. lancia 4 race for glory audi vs. lancia 4 timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO