CIAK, MI GIRA - ALLA FACCIA DELLA GUERRA IN UCRAINA, IL GIOCATTOLONE AVVENTUROSO “UNCHARTED”  VINCE AL BOX OFFICE IN TUTTO IL MONDO ARRIVANDO COSÌ, ALLA SUA SECONDA SETTIMANA, A 226 MILIONI DI DOLLARI. ANCHE IN ITALIA, È PRIMO, IERI CON 445 MILA EURO CHE LO PORTANO A 1,8 MILIONI NELLA SETTIMANA E A UN TOTALE DI 4, 2 . LO SEGUE, COL CARICO DEI SUOI SPETTATORI PIÙ VECCHIOTTI E VACCINATI, “ASSASSINIO SUL NILO” DI KENNETH BRANAGH

-

Condividi questo articolo


 

 

mark wahlberg tom holland uncharted 1 mark wahlberg tom holland uncharted 1

Marco Giusti per Dagospia

 

Alla faccia della guerra in Ucraina, il giocattolone avventuroso “Uncharted”  con Tom Holland vince al box office in tutto il mondo arrivando così, alla sua seconda settimana, a 226 milioni di dollari.

 

the batman 5 the batman 5

Ben sapendo che questa settimana arriverà però il più potente “The Batman” con Robert Pattinson. Anche in Italia, quindi, “Uncharted” è primo, ieri con 445 mila euro che lo portano a 1,8 milioni nella settimana e a un totale di 4, 2 milioni.

 

kenneth branagh assassinio sul nilo kenneth branagh assassinio sul nilo

Lo segue, col carico dei suoi spettatori più vecchiotti e vaccinati, “Assassinio sul Nilo” di Kenneth Branagh, ieri con 219 mila euro, che arrivano a 885 mila nella settimana e a un totale di 4, 4.

 

Al terzo posto se la battono egregiamente i due film diciamo più d’autore, cioè “Ennio” di Giuseppe Tornatore, ieri a 172 mila euro, nella settimana con 662 mila con un totale di 1,6, e il nuovo venuto “Belfast” di Kenneth Branagh, ieri con la stessa cifra di 172 mila euro che arrivano nella settimana, da giovedì, a 448 mila euro.

 

ENNIO MORICONE GIUSEPPE TORNATORE ENNIO MORICONE GIUSEPPE TORNATORE

 

Quindi è quasi una parità completa. “Belfast” però, coi suoi incassi globali, arriva a 34 milioni di dollari che, per un piccolo film in bianco e nero, è un bel successo. Quinto posto ieri per il dramma storico sentimentale di Giuseppe Piccioni “L’ombra del giorno” con 56 mila euro che diventano 140 mila settimanali.

kenneth branagh e jude hill belfast kenneth branagh e jude hill belfast

 

Solo ottavo “Occhiali neri” di Dario Argento con Ilenia Pastorelli con 34 mila euro ieri e un totale di 110 mila euro. Francamente pensavo che potesse andare meglio.

 

ilenia pastorelli occhiali neri ilenia pastorelli occhiali neri

Non so quanto abbia incassato invece un film che mi sta molto a cuore perché racconta un’Italia diversa da quella che vediamo in tv, “Il legionario” di Hleb Papou, distribuito da Fandango, storia di un poliziotto nero, interpretato dal romanissimo Germano Gentile, della celere fascistoide di Roma, che vediamo in piazza non caricare i cortei di destra e menare a sinistra, che si ritrova a dover sgombrare un palazzo dove abitano abusivamente tante famiglie. E una, ahimé, è la sua. Non è solo un bel tuffo nella realtà, è anche girato e interpretato molto bene.

 

il legionario. il legionario.

 

In America, si è detto che “Uncharted” è ancora una volta solidamente primo nel weekend con 23, 2 milioni di dollari per un totale americano di 83 milioni e globale di 226 milioni di dollari. Ovviamente “The Batman” dovrebbe spazzarlo via facilmente.

 

“Dog”, il film con Channing Tatum che recita insieme a un cane, è secondo con 10 milioni di dollari e un totale americano di 30 milioni. A sorpresa è ancora terzo “Spider-Man: No Way Home” con Tom Holland, con 5, 7 milioni e un totale globale monstre di 1 miliardo 800 milioni. Sarà difficile per Batman fare di meglio.

channing tatum dog channing tatum dog

 

“Assassinio sul Nilo” è quarto con 4, 5 milioni per un totale americano di 32 milioni e globale di 101 milioni di dollari. Ma per fare pari rispetto a quanto è costato, 160 milioni, dovrebbe almeno arrivare a 250-300 globali.

 

Due new entries come l’horror-rock-demenziale “Studio 666” con i Foo Fighters capitanati da Dave Grohl e il musical “Cyrano” di Joe Wright con Peter Dinklage sono rispettivamente ottavo con 1, 5 milioni e nono con 1, 4 milioni di dollari.

 

 

il padrino il padrino

Vi avviso che oggi avete in sala il grande ritorno de “Il Padrino” di Francis Coppola con Marlon Brando, Al Pacino, Robert Duvall e James Caan. Capolavoro assoluto, si sa.

 

Ma temo che abbia ragione Riccardo Rossi, maniaco dei vecchi doppiaggi, cioè che in Italia in sala stanno distribuendo la copia col nuovo doppiaggio del 2008 e non quella storica che tutti noi abbiamo visto e amato con le voci di Giuseppe Rinaldi e Ferruccio Amendola.

 

gal gadot assassinio sul nilo gal gadot assassinio sul nilo

Da controllare, ma nel caso, ovvio, meglio vederlo in originale. Anche perché il cinefilo maniaco vedrebbe tutto il film con l’incazzatura continua di non poterlo sentire come lo sentì allora. Con le battute che conosce a mente. Riccardo Rossi me le ha già sparate tutte al telefono… Capite quello che voglio dire?  

tom holland uncharted tom holland uncharted uncharted 4 5 uncharted 4 5 Il Padrino - Coppola Il Padrino - Coppola mark wahlberg tom holland uncharted mark wahlberg tom holland uncharted

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)