CIAK, MI GIRA! - MANNAGGIA ALLA MAJELLA! MENTRE IN TUTTO IL MONDO LO SCONTRO È TRA “KUNG FU PANDA 4” E QUELLE “COCCE DE CAZZO DE” GODZILLA E KING KONG, IN ITALIA, NEL GIORNO DI PASQUA, LA COMMEDIA ABRUZZESE “UN MONDO A PARTE”, CON ANTONIO ALBANESE E VIRGINIA RAFFAELE SUPERA TUTTI E INCASSA, COME AI VECCHI TEMPI, 773 MILA EURO CON 107 MILA SPETTATORI E UN TOTALE IN QUATTRO GIORNI DI 1 MILIONE 820 MILA EURO…

-

Condividi questo articolo


 

 

Marco Giusti per Dagospia

 

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

Mannaggia alla Majella! Ci siamo. Mentre in tutto il mondo lo scontro è tra “Kung Fu Panda 4”, arrivato a 347 milioni di dollari di incasso che diventeranno, secondo le previsioni, 575, e i due vecchi mostri vecchi quanto il cinema, quelle “cocce de cazzo de” Godzilla e king Kong protagonisti di “Godzilla e Kong : Il nuovo impero”, che vince la sua prima settimana in America con 80 milioni di dollari e segna un totale globale di 194 milioni incassandone 44 in Cina, in Italia nel giorno di Pasqua la commedia abruzzese “Un mondo a parte” diretta da Riccardo Milani, prodotta da Gianani e Gangarossa e distribuita da Medusa, con Antonio Albanese e Virginia Raffaele supera tutti i film americani e incassa, come ai vecchi tempi, 773 mila euro con 107 mila spettatori e un totale in quattro giorni di 1 milione 820 mila euro.

 

 

virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte

Mannaggia alla Majella, appunto. Ha funzionato sia la commedia italiana provinciale, qui tutti parlano abruzzesi perché sono davvero abruzzesi, a parte i due protagonisti, sia la ricostruzione di una coppia modello Albanese-Cortellesi di “Come un gatto in tangenziale”, con il lancio di Virginia Raffaele come sub-Cortellesi, regina del cinema quest’anno con “C’è ancora domani”.

 

Per la prima volta, magari esagero, si è tentata un’operazione produttiva intelligente applicata alla commedia italiana e non la solita riproposta facile di un modello già usato o uno sciagurato remake di un successo estero. Anche se, in effetti, come ho già detto, la storia non va tanto oltre il mischione di “Io speriamo che me la cavo” e “Benvenuti al Sud”.

 

virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte virginia raffaele antonio albanese un mondo a parte

Ma se davvero la Raffaele riuscisse a prendere la scia della Cortellesi nei favori del pubblico, capite che per il nostro cinema un po’ depresso, ricordatevi solo gli incassi di “Un altro ferragosto”…, sarebbe una svolta fondamentale. Subito un film in coppia con Carlo Verdone, subito il sequel di “Un mondo a parte”. Subito il recupero dei comici abruzzesi, da quello finto di Virgilio Riento, romano che si era inventato il personaggio di Donato Collacchioni, avatar comico abruzzese, a “Nduccio, il Martufello locale e, ovviamente, il più sofisticato Maccio Capatonda.

 

godzilla e kong il nuovo impero 3 godzilla e kong il nuovo impero 3

Non esiste un cinema funzionante senza star, una produzione sana, una regia costruttiva, sceneggiatori intelligenti. Quindi “Un mondo a parte” è primo nel giorno di Pasqua in barba a tutte le previsioni, con 773 mila euro. Lo segue al secondo posto “Kung Fu Panda 4” con 710 mila euro, 92 mila spettatori e un totale di 7 milioni 377 mila euro. Terzo posto per “Godzilla e Kong: Il nuovo impero” con 480 mila euro, 58 mila spettatori e un totale di 1 milione 846 mila euro.

 

 

timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due 1

“Dune: parte due” è quarto con 99 mila euro, 11 mila spettatori e un totale di 9 milioni 591 mila euro. Quinto è “Priscilla” di Sofia Coppola con 95 mila euro, 12 mila spettatori e un totale di 387 mila euro, che ricordiamo coprodotto da “The Apartment” di Lorenzo Mieli. “La zona d’interesse” di Jonathan Glaser è sesto con 44 mila euro e un totale di 4 milioni 373 mila euro, seguito da “May December” di Todd Haynes con 43 mila euro, e un totale di 537 mila euro, “Race for Glory” di Stefano Mordini, coprodotto da Jeremy Thomas e Riccardo Scamarcio, 37 mila euro e un totale di 1 milione 248 mila euro e l’horro “Imaginary” con 22 mila euro e un totale di 636 mila euro.

 

un mondo a parte un mondo a parte

In America a Pasqua ha vinto “Godzilla e Kong: Il nuovo impero”, malgrado le critiche negative, 16, 4 milioni di dollari, 80 milioni nella sua prima settimana, che diventano 194 milioni globali. Di questi, abbiamo detto, ben 44 vengono dalla Cina.

 

Secondo posto per “Ghostbusters: Frozen empire” di Jason Reitman, sequel del reboot dei Ghostbusters originali, 3, 8 milioni per un totale americano di 73 e globale di 108. Terzo posto a Pasqua per “Dune: Parte due” con 2,8, che vanta un totale americano di 252 milioni e globale di 626 milioni. Supera quindi il potente “Kung Fu Panda 4”, quarto con 2, 3 milioni con un totale americano di 152 milioni e globale di 347.

 

 

priscilla 3 priscilla 3

Ne ha incassati 28 in Messico, 10, 5 in Germania, 8, 8 in Spagna, 8 da noi, 6, 5 in UK, 4,9 in Francia. Si pensa che possa arrivare quindi a 575 milioni di dollari. Mentre in Francia si chiedono, come da noi, ma perché abbiamo messo così tanti soldi pubblici, 252 milioni di euro, e tanti soldi in generale, 885 milioni, per produrre troppi film, 216, che non sono certo capolavori, in America è uscito in tre sale, ma con un grande riscontro di critica, il nostro “La chimera”, diretto da Alice Rohrwacher. Con Josh O’Connor e Isabella Rossellini in tre sale a Pasqua risulta 24°  on 13.850 dollari ma è il film che tutti gli intellettuali americani vogliono vedere. Perché in Italia non l’abbiamo capito?

antonio albanese virginia raffaele un mondo a parte antonio albanese virginia raffaele un mondo a parte josh o connor in la chimera josh o connor in la chimera godzilla e kong il nuovo impero 2 godzilla e kong il nuovo impero 2 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 antonio albanese virginia raffaele un mondo a parte antonio albanese virginia raffaele un mondo a parte priscilla 1 priscilla 1 un mondo a parte. un mondo a parte.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…