CIAK, MI GIRA!ARRIVA QUALCHE FILM NUOVO, MA LE COSE NON CAMBIANO E “C’È ANCORA DOMANI” DOMINA ANCHE LA GIORNATA DI IERI CON 251 MILA EURO. IL NAPOLEONE BAMBACIONE DI JOAQUIN PHOENIX È SECONDO CON 143 MILA EURO, MENTRE L’ULTIMO FILM DI WOODY ALLEN “UN COLPO DI FORTUNA” È TERZO CON 67 MILA EURO - VEDO CHE QUELLO CHE PER I CAHIERS DU CINÉMA DOVREBBE ESSERE IL MIGLIOR FILM DELL’ANNO, L’ARGENTINO “TRENQUE LAUQUEN” VERRÀ RILANCIATO A DICEMBRE CON VARIE PROIEZIONI SPECIALI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

c'e ancora domani 1 c'e ancora domani 1

Arriva qualche film nuovo, come “Un colpo di fortuna” di Woody Allen, ma le cose sostanzialmente non cambiano e “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi domina anche la giornata di ieri con 251 mila euro, 45 mila spettatori forte di 454 sale e un totalone di 27 milioni 989 mila euro, diciamo 28 mila euro, che arriveranno a 30 entro la fine del weekend. "Napoleon” di Ridley Scott con Joaquin Phoenix bambacione dietro alle sottane della Josephine di Vanessa Kirby, è secondo con 143 mila euro, 22 mila spettatori forte di 418 sale con un totale di 5 milioni 992 mila euro.

 

Un colpo di fortuna - Coup de chance di woody allen Un colpo di fortuna - Coup de chance di woody allen

L’ultimo film di Woody Allen, già presentato fuori concorso a Venezia, “Un colpo di fortuna”, un buon film, è terzo con 67 mila euro, 10 mila spettatori e 274 sale. Un buon richiamo. Quarto posto per “Paolo Conte alla Scala”, film concerto cje incassa 43.410 euro, con 5 mila spettatori e 191 sale, un soffio in più, ma solo di incasso di “Hunger Games La ballata dell’usignolo e del serpente", quinto con 43 mila euro, 6.301 spettatori in 192 sale con un totale di 5 milioni 39 mila euro. Scende al sesto posto il serissimo film di Albanese “Cento domeniche” con 28 mila euro, 4.957 spettatori in 221 sale con un totale di 1 milione 280 mila euro.

palazzina laf 3 palazzina laf 3

Lo segue al settimo posto “Diabolik, chi sei?” dei Manetti bros con 27 mila euro, 4.618 spettatori in 288 sale e un totale di 412 mila euro. Sale “Palazzina LAF”, opera prima di Michele Riondino dedicata alla vita a Taranto per i lavoratori dell’ILVA, 21.638 euro, 4 mila spettatori, un totale di 255 mila euro. Non è un film perfetto, ma è un film sentito, civile e importante. Sale anche “Godzilla Minus One”, 33° della serie giapponese, con 21.416 euro, 2.280 spettatori e un totale di 116 mila euro. Decima la commedia “La guerra dei nonni” di Gianluca Ansanelli, 20 mila euro, 3.559 spettatori e un totale di 365 mila euro.

 

LA CHIMERA LA CHIMERA

11° posto per “La chimera” di Alice Rohrwacher con Josh O’Connor, finora l’unico film italiano davvero considerato all’estero, 19 mila euro, 3.139 spettatori e un totale di 291 mila euro. Domani, venerdì 8 dicembre, al Cinema Troisi di Roma sia alle 15 che alle 18  lo presenterà il protagonista, Josh O’Connor. La riedizione in 4K dei “Goonies” di Richard Donner è 12° con 17 mila euro, 2.219 spettatori e un totale di 51 mila euro. L’horror calabrese distribuito dalla Warner Bros “Home Education”, opera prima di Andrea Nadia è 14° con 15 mila euro, 2258 spettatori. Al 25° posto lotta “I limoni d’inverno” di Caterina Carone e incassa 2.762 euro con 433 spettatori fedeli in 19 sale. Al 26° posto troviamo al suo primo giorno il complesso “Il male non esiste” del giapponese Ryusuke Hamaguchi.

PROIEZIONI DI TRENQUE LAUQUEN PROIEZIONI DI TRENQUE LAUQUEN

29° posto per l’horror parmense “Il paese del melodramma” di Francesco Barilli con Luc merenda in versione Morte Secca, 2007 euro, 299 spettatori in sei sale. 51° posto per l’opera prima di Alessandro Roia “Con la grazia di un Dio” con Tommaso Ragno, 729 euro, 105 spettatori in 9 sale.

 

Vedo che quello che per i Cahiers du Cinéma dovrebbe essere il miglior film dell’anno, l’argentino “Trenque Lauquen” di Laura Citarella, presentato a Orizzonti a Venezia, ieri era 92° con 206 euro, 38 spettatori in una sala. Mi ha scritto Iris Peralta che lo distribuisce come Exit Media e mi ha detto che il film verrà rilanciato a dicembre con varie proiezioni speciali, ad esempio a Roma al Troisi il 13 dicembre. Mi hanno scritto anche dal Queer Festival International di Palermo che lo hanno fatto vedere assieme a una retrospettiva dei film della regista. Ottimo.

c'e ancora domani 3 c'e ancora domani 3 il paese del melodramma il paese del melodramma Il paese del melodramma Il paese del melodramma Trenque Lauquen Trenque Lauquen josh o connor e alice rohrwacher sul set di la chimera josh o connor e alice rohrwacher sul set di la chimera LA CHIMERA LA CHIMERA Trenque Lauquen Trenque Lauquen c'e ancora domani 2 c'e ancora domani 2 vanessa kirby napoleone vanessa kirby napoleone joaquin phoenix e vanessa kirby napoleone joaquin phoenix e vanessa kirby napoleone vanessa kirby e joaquin phoenix napoleone vanessa kirby e joaquin phoenix napoleone c e ancora domani paola cortellesi c e ancora domani paola cortellesi woody allen sul set di un colpo di fortuna coup de chance woody allen sul set di un colpo di fortuna coup de chance paola cortellesi c e ancora domani 3 paola cortellesi c e ancora domani 3 Un colpo di fortuna - Coup de chance di woody allen Un colpo di fortuna - Coup de chance di woody allen

 

la chimera di alice rohrwacher la chimera di alice rohrwacher LA CHIMERA LA CHIMERA Il paese del melodramma Il paese del melodramma Trenque Lauquen Trenque Lauquen palazzina laf 7 palazzina laf 7 palazzina laf 1 palazzina laf 1 Paolo Conte alla Scala Paolo Conte alla Scala palazzina laf 2 palazzina laf 2 joaquin phoenix napoleone joaquin phoenix napoleone Paolo Conte alla Scala Paolo Conte alla Scala woody allen sul set di un colpo di fortuna coup de chance woody allen sul set di un colpo di fortuna coup de chance

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE