CIAK, MI GIRA!OVVIAMENTE NELLA GIORNATA DI IERI È CRESCIUTO L’INCASSO DI “KUNG FU PANDA 4”. NON C’È STORIA. 442 MILA EURO, PASQUA SARÀ SUA, DIFFICILE BATTERLO. “PRISCILLA” DI SOFIA COPPOLA FA IL SUO ESORDIO AL QUARTO POSTO, CON 55 MILA EURO, 8 MILA SPETTATORI IN 248 SALE - OGGI ESCONO NUOVI FILM, MA DOVREMO ASPETTARE IL 15 APRILE PER VEDERE QUELLO CHE ATTENDO DI PIÙ, IL BIOPIC DI ENNIO DORIS, CIOÈ PROPRIO “ENNIO DORIS”, SU "X" SCRIVONO CHE “È SOLO IL PRIMO DEL BERLUSCONI CINEMATIC UNIVERSE…" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

Ovviamente nella giornata di ieri è cresciuto l’incasso di “Kung Fu Panda 4”. Non c’è storia. 442 mila euro, 68 mila spettatori in 408 sale per un totale di 4 milioni 782 mila euro. Pasqua sarà sua. Difficile batterlo. Al secondo posto ieri il film-concerto dei Led Zeppelin girato nel 1973, uscito nel 1976, firmato da Joe Massot, il regista originario e da Peter Clifton, che girò ulteriori brani e lo rimontò, “The Song Remains the Same”, 126 mila euro, 10 mila spettatori in 209 sale e un totale di 209 mila euro. Terzo posto per l’ormai spompatello “Dune: parte due” di Denis Villeneuve, 73 mila euro, 10 mila spettatori in 251 sale, un totale di 9 milioni 276 mila euro.

 

led zeppelin the song remains the same. 3 led zeppelin the song remains the same. 3

Fa il suo esordio al quarto posto con 55 mila euro, 8 mila spettatori in 248 sale, “Priscilla” di Sofia Coppola, con Camilla Spaeney nel ruolo di Priscilla Beaulieu, la moglie-bambina di Elvis Presley, interpretato da Jacob Elordi, forte di una presentazione a Venezia lo scorso settembre con tanto di Coppa Volpi vinta dalla giovane protagonista. Quinto posto per “Quarto potere”, il capolavoro di Orson Welles, 38 mila euro, 5 mila spettatori e un totale di 153 milòa euro, seguito da “Race for Glory” con Riccardo Scamarciol e Daniel Bruhl, 35 mila euro, un totale di 1 milione 130 mila euro.

priscilla 2 priscilla 2

 

Settimo posto per “La zona d’interesse” di Jonathan Glaser, 33 mila euro, un totale di 4 milioni 238 mila euro. Ottavo per per May December” di Todd Haynes con Natalie Portman e Julianne Moore, 30 mila euro, un totale di 401 mila euro. Nono posto per il documentario di Giulia Innocenzi “Food for Profit”, 19 mila euro, un totale di 245 mila euro.

massimo ghini ennio doris c'e anche domani massimo ghini ennio doris c'e anche domani

Oggi escono nuovi film. Una forte commedia italiana come “Un mondo a parte" di Riccardo Milani con Antonio Albanese e Virginia Raffaele, “Godzilla e Kong: Il nuovo impero” con Dan Stevens, Rebecca Hall, Brian Tyree Henry, “Dicono di te” di Umberto Carteni con Max Giusti, Paolo Calabresi, Ilaria Spada e Dado, “Il teorema di Margherita” con Ella Rumpf, Jean-Pierre Darroussin, Clotilde Courau, Julien Frison, l’importante documentario autobiografico “Orlando, My Political Biography” di Paul B. Preciado, filosofo e attivista trans.

 

Dovremo aspettare il 15 aprile per vedere il film che attendo di più il biopic santino di Enniol Doris, cioè proprio “Ennio Doris”, diretto da Giacomo Campiotti con Massimo Ghini nel ruolo di Ennio Doris e Alessandro Bressanello in quello del suo amico del cuore Silvio Berlusconi. In “Loro – parte due”, Paolo Sorrentino ebbe la strepitosa idea di farli interpretare entrambi da Toni Servillo, ma il film, finito nel listino di Mediaset, non si può più vedere in Italia.

daniel santantonio e alessandro bertolucci in ennio doris c'e anche domani daniel santantonio e alessandro bertolucci in ennio doris c'e anche domani

 

Al massimo ne potete ordinare una copia in blue ray in Francia, ma non nell’edizione completa di 4 ore. Leggo che su X gli spiritosoni del web scrivono che “Ennio Doris” è solo il “primo del Berlusconi Cinematic Universe®. A seguire, "Il bibliofilo di Trinacria",  su Marcello Dell'Utri, "Anfami!", dark comedy su Cesare Previti, "Tenue preghiera", biopic su Sandro Bondi, ecc.”.

massimo ghini e lucrezia lante della rovere in ennio doris c'e anche domani massimo ghini e lucrezia lante della rovere in ennio doris c'e anche domani led zeppelin the song remains the same. 2 led zeppelin the song remains the same. 2 led zeppelin the song remains the same. 1 led zeppelin the song remains the same. 1 il film priscilla 6 il film priscilla 6 il film priscilla 5 il film priscilla 5 il film priscilla 4 il film priscilla 4 il film priscilla 2 il film priscilla 2 il film priscilla 3 il film priscilla 3 priscilla 1 priscilla 1

Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4 Kung Fu Panda 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…