CIAK, MI GIRA – “DUNE PARTE DUE” DOMINA LA SCENA ANCORA INDISTURBATO: IERI, SABATO, HA INCASSATO 377 MILA EURO, PORTANDO IN SALA 44 MILA SPETTATORI. IN TUTTO IL MONDO È ORMAI ARRIVATO A 396 MILIONI DI DOLLARI - LO INSEGUE UN FILM DIFFICILE, MA MOLTO CHIACCHIERATO DOPO L’OSCAR COME MIGLIOR FILM STRANIERO, COME “LA ZONA D’INTERESSE”, 222 MILA EURO, 31 MILA SPETTATORI. AL TERZO POSTO IL FILM DI CORSE, “RACE FOR GLORY”...

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

zendaya in dune parte due zendaya in dune parte due

Mentre prosegue in America la dura battaglia tra “Kung Fu Panda 4” e “Dune Parte due”, con il grosso panda che si prepara alla vittoria anche questa settimana raggiungendo i 100 milioni di dollari totali, e venerdì gli incassi erano 8, 8 milioni per il panda contro 8, 1 per Dune 2, da noi la situazione è più chiara. “Dune: Parte due” di Denis Villeneuve seguita infatti a dominare la scena ancora indisturbato, anche perché i distributori hanno deciso che “Kung Fu Panda 4” sarà il film di Pasqua per i bambini.

 

LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE

Così, ieri, sabato, “Dune Parte due” ha incassato 377 mila euro portando 44 mila spettatori in sala per un totale di quasi 8 milioni di euro (7.948). In tutto il mondo “Dune 2” è ormai arrivato a 396 milioni di dollari. Lo insegue un film difficile, ma molto chiacchierato dopo l’Oscar come miglior film straniero, come “La zona d’interesse” di Jonathan Glazer, 222 mila euro, 31 mila spettatori e un totale di 3 milioni 472 mila euro. Al terzo posto il film di corse, il mitico Rally del 1983, prodotto da Riccardo Scamarcio e Jeremy Thomas, “Race for Glory”, diretto da Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio e Daniel Bruhl rivali a capo delle macchine della Lancia e dell’Audi. La cosa curiosa è che sembra un film antica, tipo “Bolidi sull’asfalto a tutta birra”.

timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due 1

 

Ieri ha incassato 197 mila euro portando al cinema 25 mila spettatori per un totale di 384 mila euro. Quarto posto per ciò che resta della commedia all’italiana alla sub-Scola, cioè “Un altro ferragosto” di Paolo Virzì con Silvio Orlando, Laura Morante e Sabrina Ferilli che tornano a Ventotene, fanno finta di avere parecchio caldo, ma si capisce che siamo al massimo a marzo. Ieri ha incassato 161 mila euro, 23 mila spettatori per un totale di 1, 2 milioni. L’horror americano “Imaginary” è sesto con 129 mila euro, 15 mila spettatori e un toale di 214 mila euro. Seguono i migliori film della stagione.

 

riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 1 riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 1

“Povere creature” di Yorgos Lanthimos con Emma Stone è sesto con 77 mila euro, con un totale di 8, 8 milioni, “La sala professori” è settimo con 76 mila euro e un totale di 818 mila euro. “Oppenheimer” di Christopher Nolan, tornato in sala dopo i tanti Oscar,  è ottavo con 75 mila euro e un totale di 28, 3 milioni. La new entry “Force of Nature – Oltre l’inganno”, thriller australiano di Robert Connelly con Eric Bana, sequel di “The Dry”, è nono con 53 mila euro e un magro totale di 87 mila euro.

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI  GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO