CIAK, MI GIRA – LA NOTIZIA È CHE QUALCUNO AL CINEMA, FORTUNATAMENTE CI VA. CI ANDAVANO ANCHE IN UCRAINA PRIMA DELLA GUERRA. E “UNCHARTED” ERA PRIMO, COME LO ERA E LO SARÀ IN RUSSIA. E LO È ANCHE DA NOI IN ITALIA. IERI HA INCASSATO 548MILA EURO CON UN TOTALE DI 3,7 MILIONI – SECONDO “ASSASSINIO SUL NILO” DI BRANAGH, CHE INCASSA IL SUCCESSO DEL SUO FILM PIÙ PERSONALE, “BELFAST, IERI TERZO. SCIVOLA AL QUARTO POSTO IL FORMIDABILE “ENNIO” DI TORNATORE – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

mark wahlberg tom holland uncharted 1 mark wahlberg tom holland uncharted 1

La notizia è che qualcuno al cinema, fortunatamente, ci va. Ci andavano anche in Ucraina prima che scoppiasse la guerra. E “Uncharted” era primo. Come lo era e lo sarà ancora in Russia. Lo è anche da noi in Italia. Ieri “Uncharted” ha incassato 548 mila euro con un totale di 3, 7. In Ucraina erano 1, 8 milioni di dollari. E temo che gli incassi si siano fermati lì.

 

armie hammer gal gadot assassinio sul nilo armie hammer gal gadot assassinio sul nilo

Secondo posto per “Assassinio sul Nilo” di Kenneth Branagh con 250 mila euro e un totale, davvero buono, di 4,2 milioni.

 

Poche ore fa ho letto un cattivissimo tweet della scrittrice americana Joyce Carol Oates contro il film, definito “leggero, superficiale, inutilmente sfarzoso e obsoleto” e contro il Poirot del regista-attore, “disinvolto e improbabile”.

 

kenneth branagh assassinio sul nilo kenneth branagh assassinio sul nilo

Ribatte anche che Branagh “sembra voler fare di Poirot un personaggio realistico con un background e veri sentimenti, quando Poirot sta solo recitando per un pubblico mentre risolve il tipo di crimini enigmistici inventati da Agatha Christie”. Brutta botta, eh?

 

belfast 1 belfast 1

Intanto però Branagh incassa il successo del suo film più personale, “Belfast”, che da noi ieri era terzo con 177 mila euro e un totale di 274 mila euro.

 

Scivola così al quarto posto con 151 mila euro e un totale di 1,4 milioni il formidabile “Ennio” di Giuseppe Tornatore, che andrebbe visto sicuramente per saperne di più di questo geniale compositore italiano e di come costruiva le sue melodie in maniera assolutamente matematica se non scacchistica, sia del nostro cinema, visto che ha composto ben 500 colonne sonore, sia del complesso mondo della cultura pop, visto che è stato l’arrangiatore alla RCA di quasi tutti i maggiori successi italiani degli anni ’60.

 

ENNIO MORICONE GIUSEPPE TORNATORE ENNIO MORICONE GIUSEPPE TORNATORE

 

Dice Dago imitando il grande Phil Spector. Può essere. Ma nel film lo vediamo giocare su più tavoli e mischiare continuamente le carte, musica contemporanea alla John Cage, cinema, musica classica, rumori presi per strada, contrappunti, Petrassi.

 

riccardo scamarcio benedetta porcaroli l'ombra del giorno riccardo scamarcio benedetta porcaroli l'ombra del giorno

Quinto posto con 46 mila euro e un totale di 84 mila per “L’ombra del giorno” di Giuseppe Piccioni, il Casablanca alla marchigiana con Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli al posto di Humphrey Bogart e Ingrid Bergman. Ma è un buon film che dimostra che sia Scamarcio che la Porcaroli sono perfetti e credibili anche per il mélo e il dramma in costume.

ilenia pastorelli occhiali neri ilenia pastorelli occhiali neri

 

Sesto posto con 38 mila euro, infine, per l’ultima opera di Dario Argento, “Occhiali neri”, con Ilenia Pastorelli come escort cieca inseguita da uns erial killer di prostitute. Un film che ha molto diviso i fan giovani e vecchi di Dario. Ma che va assolutamente visto perché dimostra quanto sia ancora vitale Dario a ottant’anni e quanta voglia abbia di fare il suo tipo di cinema alla faccia del chiacchiericcio dei social e delle brutte copie dei suoi film che vediamo spalmate sulle piattaforme.

tom holland uncharted tom holland uncharted ilenia pastorelli occhiali neri. ilenia pastorelli occhiali neri. ILENIA PASTORELLI - OCCHIALI NERI ILENIA PASTORELLI - OCCHIALI NERI mark wahlberg tom holland uncharted mark wahlberg tom holland uncharted benedetta porcaroli l'ombra del giorno 2 benedetta porcaroli l'ombra del giorno 2 jamie dornan belfast jamie dornan belfast benedetta porcaroli l'ombra del giorno benedetta porcaroli l'ombra del giorno benedetta porcaroli l'ombra del giorno benedetta porcaroli l'ombra del giorno

 

ENNIO - DOCUMENTARIO DI TORNATORE ENNIO - DOCUMENTARIO DI TORNATORE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)