CIAK, MI GIRA! - QUALCUNO VA AL CINEMA? NON MI PARE. IERI “DUNE PARTE DUE” DI DENIS VILLENEUVE È PRIMO, MA CON SOLI 201 MILA EURO, PORTANDO IN SALA 25 MILA SPETTATORI. POCHINO. CAPISCO LE PREOCCUPAZIONI DEGLI ESERCENTI. MAGARI FOSSE STATO PROIETTATO IN IMAX LE COSE SAREBBERO CAMBIATE. AL SECONDO POSTO CON 110 MILA EURO E 14 MILA SPETTATORI TROVIAMO IL FILM DI CORSE “RACE FOR GLORY” - TERZO POSTO CON 104 MILA EURO, 15 MILA SPETTATORI, "LA ZONA D'INTERESSE"...

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

zendaya in dune parte due zendaya in dune parte due

 

Qualcuno va al cinema? Non mi pare. Ieri “Dune Parte due” di Denis Villeneuve è primo, ma con soli 201 mila euro, portando in sala 25 mila spettatori. Pochino. Per un totale di 7, 5 milioni di euro. Capisco le preoccupazioni degli esercenti. Magari fosse stato proiettato in Imax le cose sarebbero cambiate. Ma quanto costa mettere in piedi in una sala romana una proiezione in Imax? Lasciamo stare.

 

riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 1 riccardo scamarcio in race for glory audi vs. lancia 1

Al secondo posto con 110 mila euro e 14 mila spettatori troviamo il film di corse “Race for Glory” diretto da Stefano Mordini con Riccardo Scamarcio, anche co-produttore con Jeremy Thomas e co-sceneggiatore, e Daniel Bruhl sul Rally del 1983 e la sfida tra la Lancia e l’Audi. Non è il massimo, direte, ma almeno Mordini ci prova a fare un film alla Stelvio Massi, anche se non ha né Fabio Testi né Vittorio Mezzogiorno né un Remy Julienne né qualche bellona anni ’80 da esporre come ai tempi di “Speed Cross”. Un po’ di pubblico ci va. Troverò anche un finto Gianni Agnelli visto di spalle (insomma…).

 

LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE

Terzo posto con 104 mila euro, 15 mila spettatori e un totale di 3, 2 milioni per l’ormai potentissimo “La zona d’interesse” di Jonathan Glazer con Sandra Huller, forte di Oscar e di mille polemiche. Non penso più a quella italiana tra David Parenzo e Massimo Ceccherini, penso piuttosto a quella scaturite sulle pagine di “The Guardian” tra Glazer e László Nemes, il regista di “Son of Saul”, altro film sull’Olocausto, che fu premiato con l’Oscar nel 2015, sui fatti di Gaza. Per Nemes era meglio se Glazer stava zitto, ha trovato pericoloso il suo discorso dal palco.

 

timothee chalamet in dune parte due 1 timothee chalamet in dune parte due 1

Per L’Anti-Defamation League, addirittura, “I commenti di Glazer agli Oscar sono sia fattivamente errati che moralmente riprovevoli. Minimizzano la Shoah e giustificano il terrorismo della forma più atroce”. L’horror americano “Imaginary”, quello con l’orsetto pupazzo minaccioso, è quarto con 56 mila euro, 7 mila spettatori e un totale in due giorni di 85 mila euro. “Un altro ferragosto” di Paolo Virzì coi suoi fasci-palestrati in lotta coi radical chic rincojoniti scende al quinto posto con 55 mila euro, 8 mila spettatori e un totale di 1 milione 74 mila euro.

 

LA ZONA DI INTERESSE LA ZONA DI INTERESSE

Farò quanto “Romeo è Giulietta” di Giovanni Veronesi, un milione e mezzo. Non credo arrivi a due milioni. Sesto posto per l’ormai vistissimo “Poor Things” di Yorgos Lanthimos con Emma Stone, 39 mila euro, 5 mila spettatori, un totale di 8, 7 milioni. Devo dire che pensavo potesse fare di più dopo gli Oscar. “La sala professori” di Ilker Çatak, uno dei cinque candidati all’Oscar per il miglior filmn straniero, è settimo con 31 mila euro, 4 mila spettatori e un totale di 742 mila euro. “Oppenheimer” di Christopher Nolan sale all’ottavo posto con 30 mila euro, 4 mila spettatori e un totalone di 28, 2 milioni.

 

race for glory audi vs. lancia 4 race for glory audi vs. lancia 4

Nono il thriller australiano con Eric Bana “Force of Nature – Oltre l’inganno” (ma in realtà si intitola in inglese solo “The Dry 2”), 22 mila euro, 3 mila spettatori un totalino in due giorni di 33 mila euro. Vabbé. Buone notizie dalla Francia. “C’è ancora domani” (“Il reste encor demain”) di Paola Cortellesi è ancora quarto in classifica in sala. Al festival di animazione di Annency due i film in concorsi italiani, “La voix de les sirènes” di Gianluigi Toccafondo e “The Meatseller” di Margherita Giusti, mia figlia.

race for glory audi vs. lancia 2 race for glory audi vs. lancia 2 daniel bruhl riccardo scamarcio race for glory audi vs. lancia daniel bruhl riccardo scamarcio race for glory audi vs. lancia timothee chalamet in dune parte due timothee chalamet in dune parte due

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)