CIAK, MI GIRA - SOGNO E RISVEGLIO. FINITE LE FESTE, LE SALE CINEMATOGRAFICHE TORNANO VUOTE E I FILM VENGONO VISTI SOLO DAGLI ACARI SEDUTI BEN COMODI SULLE LORO POLTRONE ROSSE. CROLLA ANCHE “AVATAR: LA VIA DELL’ACQUA” DI JAMES CAMERON, IERI INCHIODATO A SOLI 155 MILA EURO - SALE ADDIRITTURA AL SECONDO POSTO “LE OTTO MONTAGNE” DI FELIX VAN GROENINGEN CON MARINELLI&BORGHI - TERZO POSTO PER L’HORROR DEL MOMENTO, “M3GAN” DELLA BLUMHOUSE, 37 MILA EURO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

Avatar - The Way of Water 3 Avatar - The Way of Water 3

Sogno e risveglio. E’ così. Finite le feste, pur senza un pericolo Covid evidente, le sale cinematografiche tornano vuote e i film vengono visti solo dagli acari seduti ben comodi sulle loro poltrone rosse. Crolla anche “Avatar: La via dell’acqua” di James Cameron, ieri inchiodato a soli 155 mila euro, 17.857 spettatori, sob!, per un totale di 37 milioni 607 mila euro. In tutto ha raccolto da noi 4 milioni 259 mila presenze, contre le 10 milioni francesi.

luca marinelli le otto montagne luca marinelli le otto montagne

Con le sale svuotate degli spettatori delle feste, sale addirittura al secondo posto “Le otto montagne” di Felix van Groeningen con Marinelli&Borghi che è molto piaciuto al pubblico più sofisticato (ma non troppo), 47 mila euro, 7.724 spettatori, un totale di 3 milioni 776 mila euro. Terzo posto per l’horror del momento, “M3GAN” della Blumhouse, 37 mila euro e un totale di 1, 1 milioni. Scivolano al quarto, quinto e sesto posto le commedie italiane delle feste, “Tre di troppo” con Fabio De Luigi e Virginia Raffaele incassa 28 mila euro, con un totale di 3, 1 milioni, “Il grande giorno” con Aldo Giovanni e Giacomo incassa 24 mila euro, con un totale di 6, 5 milioni, “I migliori anni” di Leo e Bruno incassa 17 mila euro con un totale di 1, 2.

close di lukas dhont close di lukas dhont

 Seguono “The Fabelmans” di Steven Spielberg, 16 mila euro e un totale di 2, 1 milioni e “Close” di Lukas Dhont, ottavo con 8 mila euro e un totale di 170 mila euro. “Il gatto con gli stivali 2” è nono con 6.942 euro e un totale di 5 milioni di euro, e “Living” con Bill Nighy decimo con 2.880 euro, 490 spettatori!, e un totale di 174 mila euro. Diciamo che la festa è finita, che i film rischiano di funzionare solo durante le feste e, anche in quel caso, non sempre si può avere un “Avatar” da 400 milioni di dollari da riempire le sale.

 

Inoltre l’effetto Avatar spinge nell’ombra tutto ciò che nulla ha a che fare con gli effetti speciali. Come se il cinema fosse solo quello. Uffa. Il pubblico, alla faccia della Meloni e della crisi, si è subito rinchiuso a casa a mangiare gli avanzi delle feste e a vedere quel che passa Netflix o Amazon. Qualsiasi serie, qualsiasi cosa. Se non ti piace cambi e fai serata.

Io mi sono visto prima Cacciari, con dei capelli diventati improvvisamente neri, Travaglio e Sallusti da Lilli Gruber che litigavano sulle vacanze a Cortina di Conte, altro che cinepanettone alla De Sica-Boldi, poi una serie gialla canadese con Alfred Molina su Sky, “Three Pines”, così così, poi una serie gialla inglese con Lesley Manville decisamente superiore, “I delitti della gazza ladra” (“Magpie Murders”), diretta da Peter Cattaneo. Ve la consiglio. Per il cinema aspettiamo Avatar 3.

james cameron avatar 4 james cameron avatar 4 Avatar - The Way of Water 4 Avatar - The Way of Water 4 I delitti della gazza ladra. I delitti della gazza ladra. I delitti della gazza ladra. I delitti della gazza ladra. I delitti della gazza ladra. I delitti della gazza ladra. I delitti della gazza ladra. I delitti della gazza ladra. Avatar - The Way of Water 6 Avatar - The Way of Water 6 close close three pines. three pines. three pines. three pines. three pines. three pines. three pines. three pines. CLOSE CLOSE Avatar - The Way of Water 7 Avatar - The Way of Water 7 close di lukas dhont. close di lukas dhont. Avatar - The Way of Water 5 Avatar - The Way of Water 5 close di lukas dhont. close di lukas dhont. red carpet close di lukas dhont red carpet close di lukas dhont le otto montagne le otto montagne il grande giorno aldo giovanni e giacomo il grande giorno aldo giovanni e giacomo il grande giorno aldo giovanni e giacomo 7 il grande giorno aldo giovanni e giacomo 7 il grande giorno aldo giovanni e giacomo 3 il grande giorno aldo giovanni e giacomo 3 il grande giorno aldo giovanni e giacomo 6 il grande giorno aldo giovanni e giacomo 6 il grande giorno locandina il grande giorno locandina M3GAN M3GAN M3GAN M3GAN i migliori giorni. i migliori giorni. the fabelmans 4 the fabelmans 4 the fabelmans 3 the fabelmans 3 IL GATTO CON GLI STIVALI 2 IL GATTO CON GLI STIVALI 2 il gatto con gli stivali 2. 3 il gatto con gli stivali 2. 3 the fabelmans 6 the fabelmans 6 the fabelmans 2 the fabelmans 2 the fabelmans 7 the fabelmans 7 the fabelmans 8 the fabelmans 8 the fabelmans 9 the fabelmans 9 tre di troppo fabio de luigi e Virginia Raffaele tre di troppo fabio de luigi e Virginia Raffaele luca argentero i migliori giorni luca argentero i migliori giorni claudia gerini i migliori giorni 1 claudia gerini i migliori giorni 1 locandina tre di troppo fabio de luigi locandina tre di troppo fabio de luigi MEGAN MEGAN Avatar - The Way of Water 2 Avatar - The Way of Water 2 alessandro borghi le otto montagne alessandro borghi le otto montagne luca marinelli le otto montagne luca marinelli le otto montagne alessandro borghi luca marinelli le otto montagne alessandro borghi luca marinelli le otto montagne AVATAR THE WAY OF WATER AVATAR THE WAY OF WATER

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?