IL CICLONE TIKTOK HA RESO PIU’ POVERO IL BUSINESS DEI SOCIAL NETWORK – CHE VENGA BANDITA O MENO DAI PAESI OCCIDENTALI PER I TIMORI SULLA PRIVACY, L'APP CINESE HA ORMAI COSTRETTO I SUOI RIVALI AD ADOTTARE UN MODELLO MENO REDDITIZIO DAL PUNTO DI VISTA PUBBLICITARIO – “THE ECONOMIST”: “IN MENO DI SEI ANNI, TIKTOK HA RESO INSTAGRAM, FACEBOOK E CO. DIPENDENTI DAI VIDEO DI BREVE DURATA SELEZIONATI ALGORITMICAMENTE. IL PROBLEMA È CHE IL NUOVO MODELLO FA MENO SOLDI DI QUELLO VECCHIO. E SARA’ DIFFICILE TORNARE INDIETRO”

-

Condividi questo articolo


Articolo di “The Economist” - dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

TIKTOK CINA TIKTOK CINA

Il tempo di TikTok è finito? Mentre l'amministratore delegato dell'applicazione di social media, Shou Zi Chew, si prepara a un processo davanti al Congresso il 23 marzo, gli oltre 100 milioni di utenti di TikTok in America temono che il loro governo si stia preparando a vietare la piattaforma di proprietà cinese per questioni di sicurezza.

 

La loro angoscia contrasta con la gioia della Silicon Valley, dove le aziende di social media locali vorrebbero liberarsi del loro popolare rivale. A ogni mugugno di Capitol Hill, i prezzi delle azioni di Meta, Snap, Pinterest e altri aumentano.

 

TIKTOK XI JINPING TIKTOK XI JINPING

Il destino di TikTok è in bilico. Ma ciò che è già chiaro è che l'applicazione ha cambiato i social media per sempre, e in un modo che renderà la vita molto più difficile alle app sociali storiche. In meno di sei anni, TikTok ha liberato il mondo dai social network vecchio stile e lo ha reso dipendente dai video di breve durata selezionati algoritmicamente. Gli utenti lo adorano. Il problema per le app social è che il nuovo modello fa meno soldi di quello vecchio, e potrebbe farlo sempre.

 

La velocità del cambiamento è sorprendente. Da quando è entrato in America nel 2017, TikTok ha raccolto più utenti di tutte le app di social media, tranne una manciata, che esistono da più del doppio del tempo. Tra il pubblico giovane, poi, schiaccia la concorrenza. Gli americani di età compresa tra i 18 e i 24 anni trascorrono un'ora al giorno su TikTok, il doppio del tempo che trascorrono su Instagram e Snapchat e più di cinque volte il tempo che trascorrono su Facebook, che in questi giorni è principalmente un mezzo per comunicare con i nonni.

 

TASTO NON MI PIACE TIKTOK TASTO NON MI PIACE TIKTOK

Il successo di TikTok ha spinto i suoi rivali a reinventarsi. Meta, che possiede Facebook e Instagram, ha trasformato i feed principali di entrambe le applicazioni in "motori di scoperta" ordinati algoritmicamente e ha lanciato Reels, un clone di TikTok inserito in Facebook e Instagram. Prodotti simili sono stati creati da YouTube (Shorts), Snapchat (Spotlight), Pinterest (Watch) e persino Netflix (Fast Laughs).

 

L'ultimo restyling ispirato a TikTok, annunciato l'8 marzo, è stato realizzato da Spotify, un'applicazione musicale la cui homepage ora presenta videoclip che possono essere saltati scorrendo verso l'alto. (L'app gemella di TikTok in Cina, Douyin, sta avendo un effetto simile nel suo mercato nazionale, dove giganti digitali come Tencent stanno mettendo sempre più i video brevi al centro delle loro offerte).

 

Douyin tiktok Douyin tiktok

Il risultato è che i video di breve durata hanno conquistato i social media. Secondo le stime del broker Bernstein, dei 64 minuti che l'americano medio trascorre ogni giorno sui social media, 40 sono dedicati alla visione di videoclip, rispetto ai 28 minuti di soli tre anni fa. Tuttavia, questa trasformazione comporta un ostacolo. Sebbene gli utenti abbiano un appetito apparentemente infinito per i video brevi, il formato si sta rivelando meno redditizio del vecchio feed di notizie.

 

MARK ZUCKERBERG MARK ZUCKERBERG

TikTok monetizza il suo pubblico americano a soli 0,31 dollari l'ora, un terzo rispetto a Facebook e un quinto rispetto a Instagram. Quest'anno guadagnerà circa 67 dollari da ciascuno dei suoi utenti americani, mentre Instagram ne guadagnerà più di 200, secondo le stime di Insider Intelligence, una società di ricerca. E non si tratta solo di un problema di TikTok. Il mese scorso Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Meta, ha dichiarato agli investitori che "attualmente l'efficienza di monetizzazione di Reels è molto inferiore a quella di Feed, quindi più Reels cresce... più sottrae tempo a Feed e di fatto perdiamo denaro".

 

La spiegazione più confortante del divario di guadagno è che TikTok, Reels e le altre piattaforme di video brevi sono immature. "TikTok è ancora un bambino nel panorama degli annunci sui social media", afferma Jasmine Enberg di Insider Intelligence, che sottolinea come l'app abbia introdotto gli annunci solo nel 2019.

 

mark zuckerberg mark zuckerberg

Le piattaforme tendono a mantenere basso il carico pubblicitario mentre si fanno coinvolgere da nuovi utenti, e gli inserzionisti impiegano tempo a scaldarsi per i nuovi prodotti. "Non si può davvero agitare una bacchetta magica e dichiarare che i nuovi annunci sono 'premium' senza una storia di performance a supporto, quindi partono dalla fine della fila", afferma Michelle Urwin di Skai, un'agenzia di marketing digitale.

 

Meta fa notare che è già successo in passato. La funzione Stories di Instagram ha impiegato un po' di tempo per far iscrivere gli inserzionisti, ma ora è un grande guadagno. Meta sta aumentando la monetizzazione di Reels e prevede che smetterà di perdere denaro verso la fine di quest'anno. Ma Meta riconosce che ci vorrà ancora molto tempo prima che Reels sia redditizio come il vecchio news feed. "Sappiamo che ci sono voluti diversi anni per colmare il divario tra gli annunci delle Storie e quelli del Feed", ha dichiarato Susan Li, direttore finanziario di Meta, durante la conferenza stampa del mese scorso. "E ci aspettiamo che ci vorrà più tempo per Reels".

 

SOCIAL NETWORK SOCIAL NETWORK

Alcuni si chiedono se il divario non sarà mai colmato. Anche le video-app mature non riescono a tenere il passo con i vecchi social network quando si tratta di monetizzare il tempo dei loro utenti. Secondo Bernstein, YouTube, che esiste da 18 anni, guadagna per ora di utilizzo meno della metà di Facebook o Instagram. In Cina, dove i video in formato breve sono decollati qualche anno prima che in Occidente, l'anno scorso gli annunci di video brevi hanno monetizzato solo per il 15% circa rispetto agli annunci sulle app di e-commerce locali.

 

In primo luogo, il carico pubblicitario dei video è inevitabilmente inferiore a quello di un feed di notizie con testo e immagini. Guardando un video di cinque minuti su YouTube si possono vedere tre annunci; scorrendo Instagram per cinque minuti se ne possono vedere decine. La visione di un video sembra inoltre mettere i consumatori in uno stato d'animo più passivo rispetto allo scorrimento di un feed di aggiornamenti di amici, rendendoli meno propensi a cliccare per acquistare. Prenotare 1.000 impressioni per un annuncio video su Instagram Reels costa circa la metà rispetto a 1.000 impressioni per un annuncio sul feed di notizie di Instagram, riporta Tinuiti, un'altra grande agenzia di marketing, il che implica che gli inserzionisti vedono gli annunci Reels come meno propensi a generare clic.

 

pornhub instagram pornhub instagram

Le aste per gli annunci video sono meno competitive di quelle per gli annunci statici, perché molti inserzionisti non hanno ancora creato annunci in formato video. I grandi inserzionisti apprezzano gli annunci video (e segnalano un coinvolgimento record su TikTok, dove i prodotti sono diventati virali con l'hashtag #TikTokmademebuyit). Ma la lunga coda di piccole imprese, da cui i social network hanno ricavato miliardi, trova gli spot video difficili da produrre.

 

Secondo l'azienda, poco più del 40% dei circa 10 milioni di inserzionisti di Meta utilizza gli annunci di Reels. Per il restante 60% la creazione di spot video potrebbe essere facilitata dall'intelligenza artificiale. Un dirigente immagina un futuro prossimo in cui un piccolo rivenditore potrà creare un annuncio video su misura utilizzando solo comandi vocali. Fino a quel momento, metà della coda lunga è tagliata fuori.

 

instagram reels 3 instagram reels 3

Le app di video brevi sono ostacolate anche da un targeting più debole. Per il pubblico, parte del fascino di TikTok e dei suoi numerosi imitatori sta nel fatto che l'utente non deve fare altro che guardare e scorrere il dito quando si annoia. L'algoritmo sfrutta questo aspetto per capire quali tipi di video, e quindi di annunci, piacciono all'utente.

 

Ma questa congettura non sostituisce i dati personali raccolti dalla precedente generazione di social network, che convincevano gli utenti a compilare un lungo profilo che comprendeva tutto, dall'istruzione allo stato civile. Il risultato è che molti inserzionisti trattano ancora i video di breve formato come un luogo per la cosiddetta pubblicità di marca poco mirata, per aumentare la consapevolezza generale del loro prodotto, piuttosto che per gli annunci iper-personalizzati (e più preziosi) a risposta diretta in cui sono specializzati i social network della vecchia scuola.

 

instagram reels 7 instagram reels 7

Almeno in questo caso, gli imitatori di TikTok hanno un vantaggio rispetto a TikTok stesso. Utilizzando un patrimonio di dati costruito in un decennio e mezzo, quando non c'erano regole che impedissero di tracciare l'attività degli utenti su tutto il web, Meta sa già molto su molti degli utenti che guardano i suoi video e può fare ipotesi ben informate sugli altri. Se un nuovo utente sconosciuto guarda gli stessi video di un gruppo noto per essere ricco, laureato e con figli, c'è da scommettere che il nuovo utente abbia lo stesso profilo. TikTok afferma di aver investito molto nei suoi annunci a risposta diretta, compresi nuovi strumenti per misurarne l'efficacia. Ma deve ancora recuperare. "Meta sta sfruttando la propria storia", afferma Mark Shmulik di Bernstein.

 

instagram reels 9 instagram reels 9

Le app social non saranno le uniche a perdere in questo nuovo e più complicato ambiente pubblicitario. "Tutta la pubblicità si basa su quale sia l'alternativa migliore", afferma Brian Wieser di Madison and Wall, una società di consulenza pubblicitaria. Secondo Brian Wieser, la maggior parte degli inserzionisti stanzia un budget da spendere per gli annunci su una particolare piattaforma e "il budget è il budget", indipendentemente dalla sua portata. Se la pubblicità sui social media diventa meno efficace in generale, sarà una cattiva notizia non solo per le piattaforme che vendono gli annunci, ma anche per gli inserzionisti che li acquistano.

instagram reels 1 instagram reels 1 instagram reels 5 instagram reels 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...