IL CINEMA DEI GIUSTI - APPENA USCITO IN FRANCIA E LANCIATO SU “THE GUARDIAN” PER L’USCITA IN INGHILTERRA, “C’È ANCORA DOMANI” SCATENA GIÀ LE POLEMICHE - A PARTIRE DALL’INTERVISTA DELLA CORTELLESI AL GIORNALE INGLESE. "HO CAPITO CHE OGNI ITALIANO ABBIA RICONOSCIUTO NEL FILM UNA PARTE DELLA SUA STESSA FAMIGLIA” - HA RAGIONE, OVVIAMENTE. MA C’È CHI SCRIVE “CI SPUTTANA ALL’ESTERO, PARLI PER SÉ” O “CHE PALLE STE COMUNISTE FRUSTRATE” - IN FRANCIA LA CRITICA È DIVISA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

paola cortellesi c e ancora domani 1 paola cortellesi c e ancora domani 1

Appena uscito in Francia, il 13 marzo, ribattezzato “Il reste encor demain”, lanciato su “The Guardian” per l’uscita in Inghilterra e in altri 17 paesi il 26 aprile, “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi scatena già le polemiche. A partire anche dall’intervista rilasciata dalla Cortellesi al giornale inglese. “Ho capito che ogni italiano, giovane o vecchio, abbia riconosciuto nel film un piccola parte della sua stessa famiglia”, dice, “Non necessariamente per la violenza, ma per certe attitudini verso le ragazze e le donne”. Ha perfettamente ragione, ovviamente. E’ un ragionamento perfetto.

 

c'e ancora domani 1 c'e ancora domani 1

Ma nel paese di Pillon e Adinolfi dove si discute ormai su tutto, chi riconosce più gli sbagli di generazioni e generazioni di maschi? C’è chi scrive “Paola Cortellesi ci sputtana all’estero. Forse lei avrà riconosciuto qualcosa della sia famiglia, parli per sé” – “Che palle ste comuniste frustrate”. Come se non bastasse in questi giorni è uscito un altro film fortemente femminista legato all’Italia, “La nouvelle femme”, opera prima di Lea Todorov, dove Jasmine Trinca interpreta Maria Montessorri, personaggio già interpretato nel 2016 proprio dalla Cortellesi, che incontra una ragazza francese mai esistita, interpretata da Leila Bekti, che apre un mondo alla geniale italiana.

c e ancora domani paola cortellesi c e ancora domani paola cortellesi

 

 Un trionfo di femminilismo italiano, quindi. Come se non bastasse, “Il reste encor demanin” in Francia il film è accompagnato da dibattiti sulla violenza coniugale con storiche e femministe. La stessa regista-interprete in un’intervista di questi giorni a “le Monde” spiega: “L’italia conta un femminicidio ogni 72 ore: noi non ne possiamo più. Una minoranza di maschi non accetta ancora che gli si dica di no”. Lo sappiamo bene, purtroppo. Magari è ancora presto per capire il gradimento del pubblico, ma la critica francese è divisa.

c'e ancora domani 6 c'e ancora domani 6

 

Diciamo che piace ai giornali popolari, come “Le Parisien” (“Tratta un argomento oscuro in modo molto originale, oscillando tra umorismo, leggerezza e drammaticità”). Piaciucchia ai vecchi “Cahiers du Cinéma”, tre stelle su cinque, ma poi Vincent Poli lo bastona scrivendo “La scelta del pastiche neorealiste, biancoe. Enro, formato 4/3, non è del gusto migliore”. “Le Figaro” gliene dà due, definendolo “ingenuo e ipocrita”, e il più a sinistra di tutti, “Les inrockuptibles” addirittura una.

c'e ancora domani 4 c'e ancora domani 4

 

E “Libération” lo massacra, attaccandosi ancora al gusto: “Effetti troppo forti, cosparsi di pittoresco, ci mostrano con rammarico il gusto molto incerto di questo film-fenomeno”. Sul “gusto molto incerto”, in molti si sono incazzati, più per ridicolizzare il lato gauche caviar del giornale che per difendere il film. “Il gusto molto incerto ah aha il tranquillo disprezzo di Libé. Perché ovviamente il gusto più sicuro è il loro”. O anche “Parla del tuo gusto piccolo francese di merda”. O “Deve essere un buon film se non vi piace”. E siamo solo al primo giorno.

c'e ancora domani 3 c'e ancora domani 3 c'e ancora domani 2 c'e ancora domani 2

 

c'e ancora domani 5 c'e ancora domani 5 paola cortellesi con il cast di c e ancora domani paola cortellesi con il cast di c e ancora domani paola cortellesi c e ancora domani 2 paola cortellesi c e ancora domani 2

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)