IL CINEMA DEI GIUSTI - CI CREDIAMO A CLAUDIA GERINI CHE INTERPRETA FEDERICA ANGELI, LA GIORNALISTA DI “REPUBBLICA” AL CENTRO DELLA CRONACA DEI FATTI DI OSTIA IN LOTTA COL CLAN DELLA FAMIGLIA SPADA? BEH, FRANCAMENTE SÌ. E, DEVO DIRE, METTE NEL PERSONAGGIO UNA FORZA DA ATTRICE DI GRAN CLASSE - TUTTO RUOTA ATTORNO A LEI IN QUESTO INSTANT MOVIE SUL CASO ANGELI, “A MANO DISARMATA” - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

CLAUDIA GERINI IN A MANO DISARMATA CLAUDIA GERINI IN A MANO DISARMATA

Ci crediamo a Claudia Gerini che interpreta Federica Angeli, la giornalista di Repubblica al centro della cronaca dei fatti di Ostia in lotta col clan della famiglia Spada? Beh, francamente sì. E, devo dire, mette nel personaggio una forza e un’aderenza da attrice di gran classe piuttosto sorprendente. Tutto ruota attorno a lei in questo instant movie sul caso Angeli, A mano disarmata, tratto dal libro della stessa giornalista, diretto da Claudio Bonivento, già produttore storico di Mery per sempre, Ragazzi fuori, e da un po’ regista con un occhio al poliziesco, e interpretato da Claudia Gerini, appunto, e da un cast di vecchie conoscenze.

CLAUDIA GERINI IN A MANO DISARMATA CLAUDIA GERINI IN A MANO DISARMATA

 

Rodolfo Laganà è il vecchio capo clan, Mirko Frezza lo Spada della testata, Francesco Venditti il marito della Angeli, Francesco Pannofino è il capo servizio con bretella del giornale, lo stesso Claudio Bonivento addirittura il direttore di Repubblica. Tutti volti che fanno molto film di genere come era nelle intenzioni di Bonivento che ritrova qui la grinta da film realtà di Altri uomini, il suo esordio nella regia. Anche se è un piccolo film, girato in economia, magari il pubblico ha bisogno, come ha dimostrato il successo de Il traditore, di storie legate alla realtà italiana più di quanto pensassimo. In sala dal 6 giugno.

CLAUDIA GERINI IN A MANO DISARMATA CLAUDIA GERINI IN A MANO DISARMATA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

LE AUTOSTRADE ITALIANE SONO DIVENTATE SDRUCCIOLEVOLI. SE I BENETTON PIANGONO, I GAVIO NON RIDONO - PARE CHE IL FONDO ARDIAN, CHE HA INVESTITO IN MODO MASSICCIO NEL CONCESSIONARIO ITALIANO, STIA RICONSIDERANDO LE SUE PROSPETTIVE, ALLA LUCE DEI DANNI SUBITI ANCHE DALLA RETE GUIDATA DA RUBEGNI. CHE STROMBAZZAVA LE SUE MISURE DI SICUREZZA E 5 GIORNI DOPO ASSISTEVA AL CROLLO DI UN VIADOTTO SULLA SAVONA-TORINO - DOPO LE ELEZIONI SI CAPIRÀ L'ATTEGGIAMENTO DEL GOVERNO VERSO I CONCESSIONARI

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute