IL CINEMA DEI GIUSTI - DEVO DIRE CHE QUESTO BUFFO “DRIVE-AWAY DOLLS” È MOLTO DIVERTENTE E NON CAPISCO PERCHÉ NON STIA FUNZIONANDO AL BOX OFFICE - MI FANNO MOLTO RIDERE QUESTE SCATENATE RAGAZZE LESBICHE, SCIROCCATE E STRAFATTELLE, IN FUGA DAL TEXAS ALLA FLORIDA, CHE SI FERMANO IN OGNI ASSURDO LESBO-BAR DURANTE IL TRAGITTO PER UNA SCOPATA RAPIDA, SENZA SAPERE NÉ DI TRASPORTARE LA TESTA DI UN MORTO IN UNA CAPPELLIERA E UNA MISTERIOSA VALIGETTA CHE CONTIENE… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

drive away dolls drive away dolls

Diciamolo subito. In quale altro film trovi un’apparizione di una scatenata Miley Cyrus nei panni della mitica Cynthia Plaster Caster, l’artista che negli anni ’60 si era specializzata nei calchi di peni eretti di rockstar celebri, come quello gigantesco di Jimi Hendrix? O trovi un personaggio, Curlie dello straordinario Bill Camp, odioso con tutti (“Non chiamarmi Curlie”), che si rende conto che nessuno verrà a salvarlo proprio perché è così odioso. E per questo sogniamo un film tutto su di lui. O sei travolta da un inizio tutto leccate e scopate tra ragazze texane che ti portano proprio in un altro mondo. Insomma.

 

drive away dolls drive away dolls

Anche se per tutto il tempo mi sono chiesto, da vecchio e noioso cinéphile, chi fosse il vero regista e chi il vero sceneggiatore tra i fratelli Coen e perché diavolo si siano divisi dopo una vita passata assieme e ben quattro Oscar vinti, ma vabbè…, devo dire che questo buffo “Drive-Away Dolls”, pur non all’altezza dei capolavori scritti e diretti a quattro mani, ma diretto dal solo Ethan alla sua prima uscita da solista, che lo ha scritto con la moglie Tricia Cooke, è comunque molto divertente e pieno di musica anni ’60 e ’90. E perfettamente in linea con un percorso di comedy-murder-thriller che va da “Blood Simple” a “Fargo”.

 

drive away dolls drive away dolls

E non capisco perché non stia funzionando al box office. Mi fanno molto ridere queste scatenate ragazze lesbiche, le strepitose Margaret Qualley, che è la texana Jamie, che deve scordare la relazione focosa con la poliziotta Sukie, e Geraldine Viswanathan, che è l’indiana Marian, più riservata, continuamente assorta nella lettura di “The Europeans” di Henry James. Le due sono in viaggio (fuga) dal Texas a Tallahasse in Florida su una macchina ottenuta col drive-away, cioè un noleggio limitato solo per un viaggio.

drive away dolls. drive away dolls.

 

Ma, sciroccate e strafattelle, si fermano in ogni assurdo lesbo-bar o lesbo-locale durante il tragitto nel profondo sud omofobo per una scopata rapida, senza sapere né di trasportare la testa di un morto, Pedro Pascal, in una cappelliera, e una misteriosa valigetta che contiene chissà cosa, né di essere inseguiti da due brutti pericolosi figuri, alla Fargo, Joey Slotnik e C.J. Wilson, agli ordini di un sulfureo Colman Domingo, anche lui legge Henry James, che deve assolutamente recuperare la valigetta e la capoccia del morto.

drive away dolls drive away dolls

 

Per tutto il film, ambientato nel 1999, magari anche scritto una ventina d’anni fa, passano dei filmati da film psichedelico anni ’60, alla The Trip di Roger Corman tanto per capirsi, per ricollegarsi alla gioventù sbandata di un politico di destra in carriera, Matt Damon, e al mitico personaggio di Cynthia Plaster Caster, che già Carlo Verdone trattò in “Maledetto il giorno che t’ho incontrato”, che è morta un paio d’anni fa. Alla fine si vede volentieri. In sala.

drive away dolls drive away dolls

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)