IL CINEMA DEI GIUSTI - ESCE OGGI "LA PRIMA REGOLA" DIRETTO DA MASSIMILIANO D'EPIRO, CHE RACCONTA DI SEI RAGAZZI DIFFICILI, GIÀ SOSPESI PER MOTIVI DIVERSI, OBBLIGATI A FREQUENTARE UN CORSO DI RECUPERO, TENUTO DA UN GIOVANE PROFESSORE BOSNIACO - IL FILM HA UNA SUA FORZA, UNA SUA REALTÀ E UNA SUA SOLIDITÀ CHE NON LO RENDONO MAI BANALE. E NON CREDO CHE SIA IL TIPO DI CINEMA CHE VORRANNO PROPORRE GLI SGARBI E I SANGIULIANO... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

la prima regola la prima regola

Marco Giusti per Dagospia

 

Altro che la scuola del merito. I giovani protagonisti di "La prima regola" diretto da Massimiliano D'Epiro, che una decina d'anni fa fece un bel film sull'uso smodato della cocaina, "Polvere", sono sei ragazzi difficili già sospesi per motivi diversi e obbligati dalla scuola a frequentare un corso di recupero. Un corso che non vorrebbero assolutamente fare tenuto da un giovane professore bosniaco da anni in Italia, non meno disperato di loro, interpretato dal bravissimo attore rumeno Marius Bizau, che dopo un inizio violento potrebbe rivelarsi qualcosa di estremamente positivo.

 

la prima regola la prima regola

Se razzismo e violenza dell'ambiente non giocassero con carte sporche. Tratto da un testo teatrale di Vincenzo Manna, qui anche cosceneggiatore del regista, "La prima regola" ha una solida struttura narrativa, dei personaggi davvero ben scritti e benissimo interpretati da un cast di sconosciuti o quasi, Harun Fall, Andrea Fuorto, Ileana D'amore, Luca Chirovani, Antonia Fotaras, Cecilia Montaruli, ben spalleggiato dai più esperti Fabrizio Ferracane come preside e Dario Peric, già "Helsinki" in "Casa di carta", come bidelli oltre al già citato Marius Bizau, e un'attenta ambientazione.

la prima regola la prima regola

 

Una scuola attaccata a una sorta di bidonville, chiamata lo Zoo, che raccoglie emigrati e emarginati di qualsiasi tipo male accettati dai fascisti e razzisti della zona. La violenza esterna, insomma, non può non riproporsi nelle dinamiche comportamentali dei sei ragazzi e finisce ovviamente per esplodere nel loro rapporto con il professore che ha la pretesa di "salvarli".

 

la prima regola la prima regola

Niente di nuovo, si dirà, dai tempi di "Blackboard Jungle" col professore e i ragazzi violenti, coltelli e brillantina, situazioni pesanti a casa. Ma il film ha una sua forza, una sua realtà e una sua solidità che non lo rendono mai banale. E non credo che sia il tipo di cinema che vorranno proporre gli Sgarbi e i Sangiuliano. Canzoni di Bogotà e Porto Leon. Abbastanza sorprendente. Esce domani in sala

la prima regola la prima regola la prima regola la prima regola la prima regola la prima regola la prima regola la prima regola

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGOREPORT – GIORGIA MELONI HA DECISO DI TAGLIARE DEFINITIVAMENTE LE VECCHIE RADICI (EURO-SCETTICISMO E SOVRANISMO): STA TRATTANDO UN’ALLEANZA TRA IL SUO GRUPPO ECR, CONSERVATORI E RIFORMISTI, E IL PPE IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE DEL 2024 – A NEGOZIARE CON BRUXELLES CI PENSA IL MINISTRO DEGLI ESTERI, ANTONIO TAJANI, GRANDE AMICO DEL PRESIDENTE DEL PPE MANFRED WEBER (BERLUSCONI, CHE SOGNAVA DI TRAGHETTARE GLI EX MISSINI NEL SALOTTO DEMOCRATICO EUROPEO, E' STATO SCAVALCATO) - NUOVO RAPPORTO TRA GIORGIA E URSULA CHE SOGNA LA RICONFERMA COME PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE – L’OSTACOLO POLACCO E I SOCIALISTI FIACCATI DAL QATARGATE

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO A MISURA DUOMO - PORTALUPPI CHIAMA, MILANO RISPONDE! IN CINQUECENTO SI SONO SCAPICOLLATI PER FESTEGGIARE L’USCITA DEL LIBRO ‘’PIERO PORTALUPPI’’, L’ARCHITETTO CHE HA CAMBIATO CON I SUOI LAVORI LA FACCIA DELLA CAPITALE LOMBARDA - IN CASA DEGLI ATELLANI, IL GIOIELLO RINASCIMENTALE TRASFORMATO UN SECOLO FA DA PORTALUPPI, PIERO MARANGHI, CURATORE DELL’OPERA, HA ACCOLTO GIBERTO ARRIVABENE E BIANCA D’AOSTA, TOMMASO SACCHI E CHIARA BAZOLI, NICOLA PORRO E STEFANO BARTEZZAGHI, VERONICA ETRO E MARCO BALICH, BARNABA FORNASETTI E MICHELA MORO…

viaggi

salute