IL CINEMA DEI GIUSTI - “LO SHINING È UN PO’ COME IL GPS, COME AVERLO NELLA TESTA”. INSOMMA… BENTORNATI ALL’OVERLOOK HOTEL! ANCHE SE CI ARRIVIAMO UN PO’ TARDI, DICIAMO ALLA FINE DEI 153 MINUTI, E DOPO UNA MAREA DI BATTUTE UN PO’ IMBARAZZANTI. ''DOCTOR SLEEP'' È PASTICCIATO MA ANCHE DIVERTENTE, E COMUNQUE RISPETTOSISSIMO ADATTAMENTO DELLE OPERE DI STEPHEN KING E KUBRICK. OGNI PARTE DEL FILM VA PER CONTO SUO E NULLA ARRIVA A UNA FINE O A UNA GIUSTIFICAZIONE

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Marco Giusti per Dagospia

 

Doctor Sleep di Mike Flanagan

 

“Lo shining è un po’ come il GPS, come averlo nella testa”. La dieta del vampiro? “Mangia bene e vivi a lungo”. Insomma… bentornati all’Overlook Hotel! Anche se ci arriviamo un po’ tardi, diciamo alla fine dei 153 minuti, e dopo una marea di battute un po’ imbarazzanti, di questo Doctor Sleep, scritto e diretto da Mike Flanagan, pasticciato, ma anche divertente, e comunque rispettosissimo adattamento delle opere di Stephen King e dello Shining di Stanley Kubrick. In fondo, è quello che aspettavamo fin dall’inizio, una precisa ricostruzione del vecchio Overlook Hotel più di Kubrick che di King, con tanto di stanza 237, la scritta REDRUM, il labirinto innevato, le gemelle fantasma, la vecchia nella doccia, il cameriere col cranio spaccato.

ewan mcgregor doctor sleep ewan mcgregor doctor sleep

 

Lì, un Danny Torrance cresciuto, interpretato malamente da Ewan McGregor, affronta non solo i fantasmi dell’hotel, a cominciare da quello del padre, un simil-Jack Nicholson interpretato da Henry Thomas, cioè il bambino di E.T. cresciuto, ma anche la terribile e bonissima Rose The Hat di Rebecca Ferguson, simil vampirella con tuba che vive succhiando vapore vitale dai ragazzini che hanno lo shining, la luccicanza. Anche se non è più quella bella luccicanza di una volta, perché oggi abbiamo troppe distrazioni, “si guarda troppo Netflix”, speiga Rose. Che ce voi fa?

 

Ad aiutare Danny nell’impresa c’è una ragazzina dotata di shining purissimo, la Abra di Kyliegh Curran, in diretto collegamento telepatico con lui, ma capace anche di entrare nella testa di Rose The Hat. Mettiamoci anche una banda di simil vampiri frikkettoni sempre affamati che vivono sui camper. Simil perché se gli spari muoiono e allora non sono immortali. “Io non avevo detto diventerai immortale”, spiega Rose, “avevo detto mangia bene e camperai a lungo”. Il problema, insomma, anche tra i vampiri è la dieta, oltre a Netflix. Inoltre la stessa Rose, che può volare tra le nuvole come un vero vampiro, poi arriverà in auto all’Overlook Hotel. Mi spiegate?

ewan mcgregor doctor sleep ewan mcgregor doctor sleep

 

Insomma… il povero Mike Flanagan, regista di horror più semplici, come Ouija, cerca con gran fatica di mettere insieme tutto questo pastrocchio, le oltre 500 pagine del sequel di Stephen King, il personaggio malmesso di Danny Torrance, prima alcolista per reprimere lo shining e smaltire la vacanza all’Overlook Hotel poi diventato il Doctor Sleep, un infermiere che aiuta a morire i vecchietti insieme a un gattino bianco, il personaggio della ragazzina superpiena di shining, la comunità mezza hippy di vampiri dominata da Rose The Hat che cercano adepti o cibo umano, il finalone nell’albergo kubrickiano ricostruito stanza per stanza.

DOCTOR SLEEP STEPHEN KING DOCTOR SLEEP STEPHEN KING

 

Ma ogni parte del film va per conto suo e nulla arriva a una fine o a una giustificazione. La storia del Doctor Sleep, ad esempio, non serve a nulla, anche se il gatto ci piace. Funziona solo il nuovo personaggio di Rose The Hat grazie a Rebecca Ferguson per la prima volta cattiva. Non parliamo poi dell’apparizione del fantasma del nuovo Dick Halloran, interpretato in Shining da Scatman Crothers e qui da Carl Lumbly.

 

Ma i fan si rifaranno con Carel Struycken, il gigante di Twin Peaks, e soprattutto con la prima apparizione cinematografica dopo 40 anni di Danny Lloyd, che fu il primo e unico Danny Torrance. Ora è diventato biologo e insegna a Elizabethtown. Qui fa il padre di un ragazzino che gioca a baseball, che per inciso è Jacob Tremblay, il protagonista di Room. Detto questo, ripeto, il film è anche divertente, ma è davvero un pasticcio. In sala.   

doctor sleep il sequel di shining by stephen king doctor sleep il sequel di shining by stephen king ewan mcgregor doctor sleep ewan mcgregor doctor sleep

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

"BUONISSIMA LA PRIMA" – MATTIOLI: "I VESPRI SICILIANI’ AL COSTANZI DI ROMA RESTERANNO UNA PIETRA MILIARE NELLA STORIA INTERPRETATIVA DELL'OPERA DI VERDI - TRIONFO PER DANIELE GATTI: CON LUI SUL PODIO L'ORCHESTRA SI SUPERA - QUALCHE BABBIONESCA CONTESTAZIONE PER LA REGISTA VALENTINA CARRASCO SU UNA SCENA DOVE LE BALLERINE SI SCAMBIAVANO SECCHIATE D’ACQUA: NOSTALGIA DEL TUTÙ? - LA SINDACA VIRGINIA RAGGI ARRIVA IN RITARDO, FA UN INGRESSO TIPO JOAN COLLINS IN UNA SERIE TIVÙ ANNI OTTANTA E VIENE IGNORATA DAI PIÙ'' - VIDEO

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute