IL CINEMA DEI GIUSTI - NON PERDETEVI IL COMMOVENTE “ESTRANEI”, CON ANDREW SCOTT E PAUL MESCAL INTRECCIATI IN UNA STORIA D’AMORE - MA PIÙ CHE UNA STORIA D’AMORE FRA DUE MASCHI CHIUSI IN UNA SPECIE DI ASSURDA TORRE SOLITARIA, E' UN FILM SULLA SOLITUDINE DI CRESCERE GAY NELL’EUROPA OMOFOBA DI QUESTI ANNI E SUL POTERE DELL’AMORE COME FORZA SALVIFICA SU TUTTO. ANCHE SULLA MORTE - TUTTI BRAVISSIMI. SI PIANGE. IN SALA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

estranei 1 estranei 1

 

Non perdetevi il commovente “Estranei”, scritto e diretto dall’Andrew Haigh nel non scordato “45 anni” e il meno fortunato “Lean on Pete”, con Andrew Scott e Paul Mescal, intrecciati in una storia d’amore. L’ho visto domenica scorsa al Quattro Fontana in mezzo a una folla di adulti in lacrime che non hanno retto neanche “The Power of Love” di Frankie Goes to Hollywood che chiude magnificamente il film.

 

all of us strangers all of us strangers

Ma più che una storia d’amore fra due maschi chiusi in una specie di assurda torre solitaria in una Londra dove non senti più i rumori della città, Haigh fa di “Estranei” un film sulla solitudine di crescere gay nell’Europa omofoba di questi anni e sul potere dell’amore, come spiegava appunto il pezzo di Frankie Goes to Hollywood ai tempi dell’aids, come forza salvifica su tutto. Anche sulla morte.

 

estranei 2 estranei 2

Tratto dal romanzo del celebrato scrittore giapponese Taichi Yamada, scomparso un anno fa, Haigh non solo sposta l’azione da Tokyo a Londra, ma fa del protagonista, che qui diventa lo scrittore Adam, interpretato da Andrew Scott, un personaggio gay e senza moglie né figli. Nella torre totalmente vuota incontra ovviamente non una bella ragazza, ma un bel ragazzo, il Paul Mescal di “Aftersun” che presto troveremo in “The Gladiator 2”, solo e in cerca di compagnia.

 

estranei 3 estranei 3

Pur non cambiando nulla rispetto al momento narrativo fondamentale della storia, quando Adam, orfano da quando aveva 12 anni di padre e madre, li incontra come se fossero vivi, sono i favolosi Jamie Bell (il ragazzino di “Billy Elliot”) e Claire Foy, e si apre con loro, apparentemente giovani adulti della sua stessa età, Haigh sa però che l’aver fatto diventare gay il suo protagonista porta a qualcosa del tutto diverso rispetto alla storia di Yamada. Perché Adam dovrà spiegare ai genitori, soprattutto all’amata madre, trentenne di fine secolo, che cosa sia significato per lui scoprirsi gay e affrontarlo senza genitori.

 

all of us strangers all of us strangers

Affrontare una solitudine profonda, perché non confortata dalla presenza della famiglia. Ma una famiglia che, al tempo dei dodici anni di Adam, non era ancora del tutto pronta a accettare l’omosessualità del figlio. Solo questo meccanismo trasporta il film verso una dimensione totalmente sconosciuta che è quella che davvero ha commosso il pubblico. Rivedere una giovinezza complessa dove il rapporto coi genitori su un tema così importante della vita è discusso fra personaggi adulti che cercano di comprendere il dolore della solitudine di un figlio. Questo meccanismo stravolgerà anche il rapporto con Harry, che pure rappresenta l’amore che può salvarci dalla solitudine. Tutti bravissimi. Si piange. In sala.

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)