IL CINEMA DEI GIUSTI – NON SAPETE IL PIACERE CHE HO PROVATO DI FRONTE AI PRIMI DIECI MINUTI DI QUESTO “LOCKDOWN ALL’ITALIANA”, OPERA PRIMA STRACULTISSIMA DI ENRICO VANZINA, SORTA DI INSTANT MOVIE O DI DIARIETTO LIBERATORIO DEI DUE MESI CHE ABBIAMO TUTTI PASSATI CHIUSI A CASA PER LA PANDEMIA – LO SO CHE CI SONO VARI PECCATUCCI, MA FINALMENTE SI RESPIRA ARIA DI SANA COMMEDIA ALL’ITALIANA INTERAMENTE DEDICATA A UN MOMENTO CHE TUTTI, MA PROPRIO TUTTI, ABBIAMO VISSUTO…. - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

Lockdown all’italiana di Enrico Vanzina

Marco Giusti per Dagospia

ENRICO VANZINA EZIO GREGGIO PAOLA MINACCIONI ENRICO VANZINA EZIO GREGGIO PAOLA MINACCIONI

 

“Che cosa fai? Entri con le scarpe?”. “Ma Gucci? Gucci è aperto!?”. Non sapete il piacere che ho provato di fronte ai primi dieci minuti di questo “Lockdown all’italiana”, opera prima stracultissima di Enrico Vanzina, anche sceneggiatore e produttore, assieme a Adriano De Micheli della gloriosa Dean Film, sorta di instant movie o di diarietto liberatorio dei due mesi che abbiamo tutti passati chiusi a casa per la pandemia.

 

Lo so che ci sono vari peccatucci, che non tutti gli attori sono perfetti, che certe situazioni si potevano amplificare, che la storia del tradimento e delle due coppie, una ricca, Ezio Greggio-Paola Minaccioni, e una proletaria, Ricky Memphis-Martina Stella, separate in case alla fine non sempre funziona, ma finalmente si respira aria di sana commedia all’italiana interamente dedicata a un momento che tutti, ma proprio tutti, abbiamo vissuto.

 

lockdown all'italiana lockdown all'italiana

Magari tragicamente, ovvio, ma anche in questo modo da commedia casalinga di mariti vs mogli o mogli vs mariti, col televisore sempre aperto a trasmettere, guarda un po’, film dei Vanzina o di Banfi, come è davvero stato nella realtà, con le chiamate su zoom o su skype con i faccioni di amici e conoscenti.

 

lockdown all'italiana 13 lockdown all'italiana 13

Manca il duo tragicomico milanese Gallera&Fontana, mancano i virologi da talk show, mancano, per fortuna però, i tragici bollettini giornalieri, ma già vedere Greggio con la mascherina penzolante dall’orecchio che cerca di rimorchiare sul pianerottolo di casa la maggiorata di Bergamo, tale Maria Luisa Jacobelli, che sembra uscita da qualche sogno tardoberlusconiano, è un momento di commedia da antologia proprio per la situazione. Nessuno di questi ragazzini geniali di tik tok o del web c’era arrivato, Enrico Vanzina sì.

1lockdown all'italiana0 1lockdown all'italiana0

 

Perché ha la commedia nel dna. “Cosa famo st’estate?” chiede svogliata al ricco marito avvocato Ezio Greggio, che già pregusta una serata di tv a guardare Barbara D’Urso, la moglie supersciura di Roma Nord Paola Minaccioni, anche collaboratrice alla sceneggiatura, prima che la situazione si chiuda in lockdown e, soprattutto, prima di scoprire che lui, il mostro, la tradisce da un anno con una commessa, Martina Stella, in formissima, di Giardinetti, a sua volta sposata con un tassinaro romano coatto, Ricky Memphis, attivo solo se parla di calcetto, “Stasera a quelli del Tormarancia li sfonnamo”.

LOCKDOWN ALL ITALIANA LOCKDOWN ALL ITALIANA

 

Dopo, ovvo, si scatena l’inferno. E volano i “Ma li mortacci tua!”, i “Come faccio a raggiungere il villone di Ansedonia?”, anche se, quando è chiaro che si dovrà tutti rimanere chiusi a casa insieme, anche le coppie che si sono appena rotte, la pragmatica Martina Stella se ne esce con un candido “per fortuna che faccio la commessa e porto a casa 1200 euro al mese”.

 

lockdown all'italiana 8 lockdown all'italiana 8

La situazione vede quindi le due coppie, ormai in crisi, dover convivere per forza nel lockdown generale. A poco serve qualche intrusione esterna, via web, Maurizio Mattioli, Biagio Izzo, Enzo Salvi, o dal vivo, Riccardo Rossi come vicino gay in crisi, o la bomba sexy bergamasca Jacobelli che abita al piano di sotto, perché la sostanza del film è tutta nei rapporti conflittuali ma da commedia all’interno della coppia e solo più avanti partirà una situazione da lotta di classe alla “Parasite”.

lockdown all'italiana 7 lockdown all'italiana 7

 

Potrà piacere o non piacere, lo so bene, ma, al di là delle stupide polemiche di qualche giorno fa, ancora una volta bisogna riconoscere a Enrico Vanzina di aver fatto un film che osa sporcarsi con qualcosa che abbiamo vissuto tutti e in parte stiamo ancora vivendo. Un film che non può non essere un instant stracult. In uscita giovedì. Incredibilmente al cinema. 

lockdown all'italiana 9 lockdown all'italiana 9 lockdown all'italiana lockdown all'italiana lockdown all'italiana 2 lockdown all'italiana 2 lockdown all'italiana 6 lockdown all'italiana 6 lockdown all'italiana 1 lockdown all'italiana 1 lockdown all'italiana 3 lockdown all'italiana 3 lockdown all'italiana 14 lockdown all'italiana 14

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

politica

business

IL VACCINO ALLA VACCINARA – IL DUPLEX ITALO-SVIZZERO SPALLANZANI-REITHERA È CONVINTISSIMO CHE L’ANTI-COVID POSSA CREARSI CON COMUNICATI STAMPA E BALLE ASSORTITE – SONO INDIETRO NELLA PRODUZIONE? CERTO: LE ALTRE 8 MULTINAZIONALI (PFIZER, ASTROZENECA, MODERNA, ETC) NON SONO PRUDENTI COME NOI (SIC!) – POI ARRIVA IL CENTRO CLINICO DI VERONA, CHE HA PRESO IN CARICO LA SPERIMENTAZIONE SPALLANZANI-REITHERA, E PRECISA: “IL VACCINO SARÀ PRONTO PER NATALE 2021” - (NON AVETE LETTO MALE: NATALE 2021!)

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

OPINIONI CONTROCORRENTE - BECCHI E ZIBORDI: SOLO TRUMP HA CAPITO CHE I LOCKDOWN SONO ANTISCIENTIFICI E DISTRUGGONO INUTILMENTE MILIONI DI VITE: IN CALIFORNIA MUORE UNA PERSONA A SETTIMANA DI CORONAVIRUS (10MILA PER ALTRE CAUSE) EPPURE BLOCCANO TUTTO - MEDICI SCETTICI SULL'EFFICACIA DELLE MASCHERINE NON FFP2, SOPRATTUTTO ALL'APERTO - I MORTI SONO 80-90ENNI CON PATOLOGIE PREGRESSE, QUINDI BISOGNA TENERLI AL RIPARO DAL CONTAGIO, MENTRE GLI ALTRI DOVREBBERO CONTINUARE A VIVERE E LAVORARE - NEL 57-58 L'ASIATICA FECE IL TRIPLO DELLE VITTIME MA FU L'ANNO DEL BOOM ECONOMICO PERCHÉ...