IL CINEMA DEI GIUSTI - LA VERITÀ È CHE CI MANCAVA GEORGE CLOONEY, PERCHÉ È UNA DELLE POCHE STAR SIMPATICHE, VECCHIO TIPO CHE CI SONO RIMASTE. CI RICORDA UN PO’ LA VECCHIA HOLLYWOOD, CARY GRANT, CHE HA SEMPRE UN PO’ IMITATO. PER QUESTO “THE MIDNIGHT SKY” DOVE LO TROVIAMO VECCHIO E BARBOGIO È SALITO SUBITO NELLA PRIMA POSIZIONE DELLA TOP 10 DI NETFLIX – LA REGIA STAVOLTA FUNZIONA MEGLIO DEL SOLITO. NON CI SONO DEI VERI E PROPRI PISTOLOTTI MORALI, ANCHE SE L’ARIA È TUTTA DA PISTOLOTTO MORALE

-

Condividi questo articolo

 

The Midnight Sky di George Clooney

Marco Giusti per Dagospia

 

the midnight sky 12 the midnight sky 12

Dove avevamo lasciato George Clooney che ritroviamo ora sperduto su Netflix vecchissimo e malandato col barbone di Noé in mezzo all’Artico in questo vedibile ma nulla di più “The Midnight Sky” diretto da lui stesso? A parte gli spot della Nespresso, insomma…

 

Come regista, vado a controllare, nel 2017 nel modestissimo “Suburbicon”, che vedemmo a Venezia, pasticcio tratto da una vecchia sceneggiatura dei Coen brothers mal digerita da Clooney.

 

the midnight sky the midnight sky

Come attore sia nel non memorabile “Money Monster” a fianco di Julia Roberts e diretto da Jodie Foster nel 2016, che vedemmo a Cannes, sia nel magnifico “Hail, Caesar!” dei Coen.

 

Ecco. Ci mancava George Clooney. Questa è la verità. Perché è una delle poche star simpatiche, vecchio tipo che ci sono rimaste. Ci ricorda un po’ la vecchia Hollywood, Cary Grant, che ha sempre un po’ imitato. Per questo, penso, questo “The Midnight Sky” dove lo troviamo vecchio e barbogio è salito subito nella prima posizione della top 10 di Netflix.

the midnight sky the midnight sky

 

Hai un nuovo film con George Clooney e non lo vedi? Siamo nel 2049. L’aria della terra è diventata irrespirabile. La popolazione cerca rifugio non si capisce bene dove. Clooney, nei panni dello scienziato Augustine Lofthouse, l’uomo che ha scoperto tanti anni prima che ci sono pianeti vivibili tra le lune di Giove, pensa un po’, è rimasto solo nella sua stazione del Circolo Polare Artico perché sa che non gli resta molto da vivere. E’ un malato terminale, in dialisi.

 

Ma scova misteriosamente una bambinetta, Iris, interpretata da Caolinn Springall, nella stazione artica, rimasta lì chissà come. Quando scopre che non riesce più a comunicare con nessun’altra stazione sulla terra, e solo un’astronave in viaggio dalla luna di Giove K-23 sembra dar segni di vita, decide di spostarsi verso una stazione che ha un radar più potente per poterci parlare e spiegare cosa sta capitando sulla terra.

george clooney the midnight sky george clooney the midnight sky

 

Prende la bimba, lo zainetto con la dialisi, un fucile per spaventare i lupi e parte con la motoslitta. Contemporaneamente vediamo cosa capita nell’astronave Aether di ritorno sulla terra, dove troviamo un equipaggio che sogna di tornare a casa, composto da tre uomini e due donne, David Oyelovo, Demian Bichir, Kyle Chandler, Felicity Jones e Tiffany Boone.

 

the midnight sky 2 the midnight sky 2

Qui parte proprio un altro film, con una delle ragazze, la Sully di Felicity Jones, incinta del comandante, sappiamo solo che è femmina. Come sempre capita nei film di viaggi spaziali, qualcosa non va come dovrebbe andare. E la radio funziona davvero bene? Oltre a queste due situazioni del tutto diverse, una da post-atomico e l’altra da space-opera, ci sono i flashback che vedono il giovane Clooney scienziato alle prese con la ragazza della sua vita.

 

Tutto questo, ovviamente, alla fine confluirà in un’unica storia. Più o meno. Perché l’idea che stiamo vedendo due film, entrambi un bel po’ già visti, non ci abbandonerà facilmente. Devo dire che i paesaggi dell’Artico ricostruiti in Islanda sono piuttosto belli e le scene più spettacolari nello spazio sono molto ricche.

the midnight sky 1 the midnight sky 1

 

Anche la regia di Clooney, i suoi film sono spesso di una noia mortale, stavolta funziona meglio del solito. Non ci viene spiegato cosa sia capitato alla terra di così terribile. Non ci sono dei veri e propri pistolotti morali, anche se l’aria è tutta da pistolotto morale. Inoltre, anche se il film è stato ideato e girato prima dell’arrivo del Covid, le riprese sono state ultimate lo scorso febbraio, su tutto sembra incredibilmente aleggiare l’ombra di una solitudine reale da quarantena e da disastro globale che molto lo ricorda. Vedibile, dai. Solo su Netflix.  

the midnight sky. the midnight sky. the midnight sky the midnight sky

 

Condividi questo articolo

media e tv

CHRISTIAN RACCONTA VITTORIO DE SICA – “IL GIORNO DEL SUO FUNERALE AL VERANO C’ERA UNA “BUZZICONA”. SI È GIRATA E AVEVA LA MIA FACCIA. MI DISSE CHE ERA LA FIGLIA DI INES, LA SARTA DI MIO PADRE. CHIESI SPIEGAZIONI A MIA MADRE: “E QUESTA CHI È?”. E LEI MI DISSE…” - E POI QUEL “VECCHIO SCEMO” DI CHARLIE CHAPLIN, IL FILM DI ANDY WARHOL E QUEI “QUATTRO FROCI AMERICANI” – ROSSELLINI MI DISSE: “MEGLIO CHE CONTINUI A STUDIARE. FARE L’ATTORE È UN MESTIERE DA FANNULLONE” – LO SHOW DA FAZIO – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute