I DAVID DEI GIUSTI – QUEST’ANNO SE LA VEDRANNO “IL TRADITORE” DI BELLOCCHIO (18 NOMINATION), “PINOCCHIO” DI GARRONE E “IL PRIMO RE” DI MATTEO ROVERE (15 CIASCUNO) - NULLA O QUASI A “SUSPIRIA DI GUADAGNINO, NOMINATO SOLO PER LE MUSICHE E LA CANZONE, AL PUNTO CHE ASSISTEREMO ALLO SCONTRO EPOCALE DIODATO CONTRO THOM YORKE – NELLA PIÙ PURA TRADIZIONE, NON TROVIAMO UN SOLO FILM COMICO TRA I TITOLI SELEZIONATI – CHI VINCE? FAVINO, È IL SUO ANNO, E SARÀ IL SUO ANNO ANCHE IL PROSSIMO – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

David di Donatello

Marco Giusti per Dagospia

 

il traditore marco bellocchio 5 il traditore marco bellocchio 5

Aritanghete con i David di Donatello… Quest’anno se la vedranno “Il traditore” di Marco Bellocchio, 18 nominations, “Pinocchio” di Matteo Garrone e “Il primo re” di Matteo Rovere, 15 nominations ciascuno, “Martin Eden” di Pietro Marcello, 11 nominations, e “La paranza dei bambini” di Claudio Giovannesi. Tra questi cinque titoli nella cerimonia del 3 aprile troverete anche il miglior film e il miglior regista. Nulla o quasi (che vi devo dì?) al “Suspiria” di Luca Guadagnino, nominato solo per le musiche e la canzone di Thom Yorke, al punto che assisteremo allo scontro epocale Diodato contro Thom Yorke. Pochino anche a “La dea fortuna” di Ferzan Ozpetek, che poteva piazzare almeno Edoardo Leo tra i migliori attori.

 

IL PRIMO RE IL PRIMO RE

Nulla a “La mafia non è più quella di una volta” di Franco Maresco, finito fra i documentari quando è difficile definirlo tale. Inoltre, nella più pura tradizione dei David che un tempo furono corpo e anima di Gianluigi Rondi, e oggi di Piera Detassis, non troviamo un solo film comico tra i titoli selezionati da quel che dovrebbe essere la nostra Industry. Ficarra e Picone che per protesta tolsero il loro film tra i votabili un paio d’anni fa contro la logica anti-commedia dei David vecchia gestione, si ritrovano quest’anno con il loro “Il primo natale”, 15 milioni di incasso, esclusi dai votanti. E’ la vita.

MASSIMO CECCHERINI MASSIMO CECCHERINI pinocchio garrone pinocchio garrone

 

Ci rifacciamo, ma solo in parte, con Roberto Benigni-Geppetto nominato come miglior attore non protagonista per “Pinocchio” (vince sicuro, tranquilli) e con Massimo Ceccherini nominato come autore della miglior sceneggiatura non originale sempre per il “Pinocchio” di Garrone. Molto contento per Ceccherini, che ha la sua prima candidatura ai David per un film “serio” e non come attore dopo una carriera dissipata nella commedia.

martin eden martin eden

 

la mafia non e piu quella di una volta di franco maresco la mafia non e piu quella di una volta di franco maresco

Vince? Penso proprio di sì. E intanto può recuperare lo smoking di Carlo Monni che già si mise a Cannes tre anni fa. Le cose più interessanti, come sempre, sono le piccole novità tra i nominati. Francesco Di Leva come miglior attore per “Il sindaco del Rione Sanità” di Mario Martone, fra un Toni Servillo (“5 è il numero perfetto”), Alessandro Borghi (“Il primo re”), Luca Marinelli (“Martin Eden”) e Pierfrancesco Favino (“Il traditore”).

 

il traditore marco bellocchio 7 il traditore marco bellocchio 7

Chi vince? Penso Favino, è il suo anno, e sarà il suo anno anche il prossimo, ma Di Leva è strepitoso. Novità anche trovare tra le candidate come migliori attrici protagoniste. Penso a Lunetta Savino per “Rosa” e la giovane Linda Caridi per “Ricordi?” contro le “solite” Jasmine Trinca, Valeria Golino, Valeria Bruni Tedeschi, Isabella Ragonese. Tra le non protagoniste invece, a parte Valeria Golino, sono quasi tutte presenze nuove, Anna Ferzetti per “Domani è un altro giorno”, Tania Garribba per “Il primo re”, Maria Amato per “Il traditore”, e Alida Baldari Calabria, la fatina giovane di “Pinocchio”.

 

suspiria guadagnino trailer 2 suspiria guadagnino trailer 2 suspiria guadagnino suspiria guadagnino

Boh… Buona la cinquina per l’opera prima, con Igort e il suo “5 è il numero perfetto” contro ”Bangla” di Phaim Bhuyan, “Il campione” di Leonardo D’Agostini contro “Sole” di Carlo Sironi, anche se io sono per “L’immortale”, opera prima di Marco D’Amore. Chi vince? Penso “Bangla”. Chiudiamola qui, ma non mi sembra che da queste nominations ci arrivi qualche indicazione interessante sullo stato di salute del cinema italiano, a parte quella che poco e nulla si possa davvero cambiare nella nostra industria cinematografica. Diodato contro Thom Yorke…

il traditore marco bellocchio 2 il traditore marco bellocchio 2 l immortale l immortale la mafia non e piu quella di una volta di franco maresco la mafia non e piu quella di una volta di franco maresco il traditore marco bellocchio 3 il traditore marco bellocchio 3 il traditore marco bellocchio 1 il traditore marco bellocchio 1 IL PRIMO RE IL PRIMO RE suspiria guadagnino trailer 8 suspiria guadagnino trailer 8 guadagnino suspiria guadagnino suspiria suspiria guadagnino trailer 1 suspiria guadagnino trailer 1 suspiria guadagnino trailer 11 suspiria guadagnino trailer 11 pinocchio di matteo garrone 8 pinocchio di matteo garrone 8 pinocchio di matteo garrone 13 pinocchio di matteo garrone 13 pinocchio garrone pinocchio garrone pinocchio garrone pinocchio garrone il traditore marco bellocchio 4 il traditore marco bellocchio 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute