IL DIVANO DEI GIUSTI/1- E STASERA CHE VEDIAMO? IO SO GIÀ CHE ANDRÒ AVANTI CON LA SERIE DARKETTONA DI NETFLIX “1899. MAGARI UN PO’ LENTA, MA DI GRAN CLASSE. POI LE NAVI FANTASMA FUNZIONANO SEMPRE - IERI SERA MI SONO VISTO DUE FILM, AHIMÉ, ALQUANTO MODESTI. PARLO DI “SLUMBERLAND” E “OMICIDIO NEL WEST END” SU DISNEY+. NEL PRIMO SI MASSACRA IL GENIO DI WINSOR MCCAY E DELLA SUA MERAVIGLIOSA INVENZIONE DI OLTRE UN SECOLO FA, “LITTLE NEMO”, NEL SECONDO QUELLO DI AGATHA CHRISTIE E IL SUO “TRAPPOLA PER TOPI” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

1899. 2 1899. 2

E stasera che vediamo? Io so già che andrò avanti con la serie darkettona di Netflix “1899” della coppia svizzero-tedesca Jantje Friese and Baran bo Odar. Sì, magari un po’ lenta, ma di gran classe. E poi le navi fantasma funzionano sempre. E adoro Emily Beecham e mi piace anche il capitano tormentato della nave, Andreas Pietschmann. 

1899. 5 1899. 5

 

Ieri sera mi sono visto due film, ahimé, alquanto modesti. Parlo di “Slumberland” di Francis Lawrence con Jason Momoa su Netflix, e “Omicidio nel West End” di Tom George su Disney +. Nel primo si massacra il genio di Winsor McCay e della sua meravigliosa invenzione di oltre un secolo fa, “Little Nemo”, nel secondo quello di Agatha Christie e il suo “Mousetrap”, “Trappola per topi”. 

 

slumberland 9 slumberland 9

In “Slumberland”, che dovrebbe aprire le grandi produzioni Netflix natalizie, che proseguiranno presto con il “Pinocchio” di Guillermo Del Toro, si rielaborano in maniera, ahimé, moderna, i sogni di Little Nemo e il suo viaggio a Slumberland, il mondo dei sogni e il suo complesso rapporto col personaggio di Flip, un po’ clown, un po’ avventuriero, un po’ black-faced, anzi green-faced, e per questo può essere rappresentato con qualche accortezza oggi, a differenza del “selvaggio” Imp o Impie, considerato parodia razzista. 

slumberland 5 slumberland 5

Già si era tentata una versione moderna di “Little Nemo” negli anni ’80, con un disastroso “Little Nemo” di coproduzione nippo-americana, dove lavorarono fin troppi talenti, da Hayao Miyazaki e Isao Takamata a Masami Hata, da William Kurtz a Moebius, dove almeno Nemo era un bambino che viaggiava in pigiama e Flip era identico a quello disegnato da McCay, ben doppiato però da Mickey Rooney, che gli dava il giusto tono da spaccone, mentre Imp era già stato eliminato perché politicamente scorretto. 

 

slumberland 4 slumberland 4

Qui Nemo da bambino diventa la bambina Nemo, Marlow Barkley, e Flip, da personaggi di nano da circo e da vaudeville americano col volto pitturato di verde, il sigaro e il cappello a tuba, diventa Jason Momoa con le corna da bestia, i canini da lupo, un assurdo vestito e i piedi troppo grandi per le scarpe sul modello “La bella e la bestia”. 

 

slumberland 7 slumberland 7

Grazie a Flip, la piccola Nemo, già orfana di madre, che ha perso anche il padre, Kyle Chandler, guardiano del faro (ma perché?), quando si addormenta nella ricca casa dello zio sfigato, Chris O’Dowd, dopo aver incontrato Flip, vecchio compare di avventure del padre, si avventura nel mondo dei sogni di Slumberland.

 

slumberland 2 slumberland 2

 Non creda che si faccia né un buon servizio al povero Winsor McCay e ai suoi personaggi né al talento di Jason Mamoa, che non può fare Flip con le corna e la tuba in testa. Scritto da Michael Handelman, David Guion, già responsabili dell’ultima “Notte al museo” e ora attivati per massacrare un altro classico americano epr l’infanzia, “Harold e la matita magica”. Aiuto!

Omicidio nel West End Omicidio nel West End

 Purtroppo non è tanto meglio, su Disney+, “Omicidio nel West End”, diretto da Tom George, scritto da Mark Chappell, che pure prometteva di più.  Siamo nel 1953 a Londra e assistiamo nel West End alla centesima rappresentazione di “Mousetrap”, cioè “Trappola per topi” di Agatha Christie, quando viene ucciso Leo Kopernick, cioè Adrien Brody, il regista americano che avrebbe dovuto portare al cinema la commedia con le logiche un po’ cafone di Hollywood. 

Omicidio nel West End Omicidio nel West End

 

Indagano l’ispettore Stoppard, un Sam Rockwell totalmente spaesato, e una giovane poliziotta, Stalker, un’adorabile Saoirse Ronan. Testimoni e possibili sospettati del delitto sono attori e responsabili della commedia, dallo sceneggiatore, David Oyelowo, al produttore, Reece Shaersmith. 

Omicidio nel West End Omicidio nel West End

 

Troppa la voglia di fare una commedia stravagante alla Wes Anderson, ma non è sorretta né dalla regia né dalla sceneggiatura, al punto che dopo un inizio anche divertente, ci afflosciamo grazie a un plot che vuole stupirci più raccontarci una storia credibile. E Sam Rockwell non funziona per nulla.

Omicidio nel West End Omicidio nel West End 1899. 3 1899. 3 1899. 1 1899. 1 slumberland 3 slumberland 3 slumberland 6 slumberland 6 slumberland 1 slumberland 1 1899. 4 1899. 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”