IL DIVANO DEI GIUSTI - CHE VEDIAMO STASERA? IN CHIARO, A PARTE IL POTENTE “CREED. NATO PER COMBATTERE", AVETE ANCHE IL CURIOSO “CAPTAIN FANTASTIC”, MA IL MIGLIOR FILM DELLA PRIMA SERATA È IL GIAPPONESE “FATHER AND SON” - IN SECONDA SERATA TORNA LA COMMEDIA SEXY A EPISODI, “E ADESSO SESSO” MA OCCHIO AL MASSACRATISSIMO “MALIA (VERGINE E DI NOME MARIA)” L’ITALIA BACCHETTONA SI IRRIGIDÌ DI FRONTE A UNA RIVISITAZIONE DELLA BEATA CONCEZIONE NELLE BARACCHE DELLE PERIFERIE DI TORINO - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

creed nato per combattere. creed nato per combattere.

Che vediamo stasera? In chiaro la programmazione è più interessante del previsto. A parte il potente “Creed. Nato per combattere” diretto da Ryan Coogler con Sylvester Stallone in versione Rocky che allena il figlio di Apollo Creed, cioè Michael B. Jordan, ma ci sono anche la strepitosa Tessa Thompson, Graham McTavish, Phylicia Rashad, Rai 4 alle 21, 25, vedo che su Cielo alle 21, 15 passa il curioso, politico, ecologista “Captain Fantastic”, scritto e diretto da Matt Ross con Viggo Mortensen, Frank Langella, Abigail Spencer, Kathryn Hahn, Steve Zahn, dove la morte improvvisa della madre fa tornare in città il marito anti-capitalista, Viggo Mortensen, e i loro sei figli cresciuti nei boschi da lui educati in maniera totalmente originale.

 

captain fantastic captain fantastic

Il film ebbe successo a Cannes nel 2016, passò a Un certain regard, e Mortensen venne poi candidato agli Oscar come miglior protagonista. Ross chiese ufficialmente Noam Chomsky di poter usare le sue frasi sull’America e il capitalismo. Chomsky gli disse che le potevano tranquillamente usare nel film, a patto che non venissero modificate. Il miglior film della prima serata è però “Father and Son” del geniale Hirokazu Koreeda con Masaharu Fukuyama, Machiko Ono, Yoko Maki, Lily Franky, Jun Kunimura, Shogen Hwang, Tv2000 alle 20, 55.

 

father and son father and son

La storia è, sulla carta, molto semplice. Immaginate che il bambino che avete cresciuto per sei anni, che portate ogni mattina a scuola, il bambino che amate, non sia vostro figlio, ma il figlio di un'altra coppia, completamente diversa da voi, che ha invece il vostro vero figlio. Allora procedete allo scambio di figli. Ma chi vi dice che funzionerà? Giustamente premiato a Cannes con il Gran Premio della Giuria, parte da questa storia per ragionare sulle mille complicazioni sentimentali, sociali che ne derivano e sul significato della famiglia. Tema ricorrente in tutti i suoi film.

 

father and son father and son

Così, la ricca famiglia borghese dove è vissuto da figlio unico amatissimo il piccolo Keita, composta dal padre in carriera Ryota Nonomiya, cioè la rockstar Masahuro Fukuyama, e dalla bella mamma un po’ triste Midori, Machiko Ono, inizia a vedere nel proprio figlio delle differenze che prima si limitavano a banali osservazioni paterne. E inizia a vedere nell’altro figlio, quello della coppia rozza, popolare e frikkettona dei Saiki, cioè Yoko Maki e Riri Furanki, delle somiglianze inaspettate. I bambini sono stati scambiati all’ospedale da un’infermiera presa dai fumi di una mal digerita idea di lotta di classe. Ora tutto è chiaro.

father and son father and son

 Si procederà allo scambio dei bambini, ma solo dopo un periodo di frequentazioni fra le due famiglie, quella ricca e snob e quella rozza e popolare, ma molto più allegra della prima, anche perché piena di bambini, con un padre che sa aggiustare qualsiasi giocattolo rotto. Il dramma è che quando i bambini verranno scambiati, le cose non funzioneranno affatto come si sperava.

 

Tutta colpa di Freud Tutta colpa di Freud

Gioca a un livello decisivamente meno alto la commedia famigliare di Paolo Genovese “Tutta colpa di Freud”, Cine 34 alle 21, con Marco Giallini psicanalista romano con tre figlie problematiche, che sono la libraia Vittoria Puccini che si innamora di Vinicio Marchioni ladro di libri, Anna Foglietta lesbica che sta diventa etero, una diciottenne, Laura Adriani che si innamora di Alessandro Gassman.

 

l’assedio di fuoco l’assedio di fuoco

Il film che davvero mi vedrei stasera, Iris alle 21, è il raro revenge-western-movie “L’assedio di fuoco” (bel titolo “me cojoni” eh?ma è bello anche quello originale “Riding Shotgun”) diretto dal regista monocolo ungherese André de Toth con Randolph Scott, Wayne Morris, Joan Weldon, Charles Bronson nel primo western della sua carriera come Pinto, Fritz Feld, mitico attore ebreo-berlinese arrivato a Hollywood negli anni ’20 con la compagnia di Max Reinhardt, ma  specializzato in ruoli di cameriere che qui fa Fritz, penso il cameriere. Leggo che la storia potrebbe essere letta come un commento cattivo alla crociata anti-comunista del maccartismo. De Toth era un regista di grande intelligenza. Leggo che ebbe sette moglie e ben 19 figli!

sette minuti dopo la mezzanotte sette minuti dopo la mezzanotte

 

Su Canale 20 alle 21, 05 passa l’action “Shooter” dello specialista Antoine Fuqua con Mark Wahlberg, Rhona Mitra, Danny Glover, Ned Beatty, Elias Koteas, Rade Serbedzija. Così così. Wahlberg è un cecchino dell’esercito americano che ha avuto problemi per una missione finita male. Viene richiamato e si trova al centro di una cospirazione politica. Bang! Bang!

 

il castello di vetro 2 il castello di vetro 2

 Su Rai Movie alle 21, 10 avete il fantasdy-psicologico “Sette minuti dopo la mezzanotte”, diretto dal bravissimo Juan Antonio Bayona, quello di “La società della neve”, con Lewis MacDougall, Felicity Jones, Sigourney Weaver, Toby Kebbell, Geraldine Chaplin, dove un ragazzino bullizzato e con madre malata trova in un mostro che vede solo lui nella notte una qualche protezione. Su Rai 5 alle 21, 15 promette qualcosa di buono “Il castello di vetro”, viaggio in una famiglia disfunzionale con padre ubriacone ma di gran cuore diretto da Destin Daniel Cretton con Brie Larson, Woody Harrelson, Naomi Watts, Max Greenfield, Sarah Snook, Shree Crooks. Critica così così.

 

il pistolero di dio il pistolero di dio

Passiamo alla seconda serata con il western “Il pistolero di Dio” diretto da Lee H. Katzin con Glenn Ford, Carolyn Jones, Barbara Hershey, David Carradine, Iris alle 22, 40. Firmata da certo Richard Carr, è in realtà una vecchia sceneggiatura non firmata dal blacklisted Dalton Trumbo e doveva vedere come protagonista Gregory Peck e non un Glenn Ford già bollitissimo. La coppia Barbara Hershey & David Carradine, giovani e innamorati, però era fantastica. Li ritroveremo nel primo film di Martin Scorsese da protagonisti, “Boxcar Bertha”.

n io e napoleone n io e napoleone

 Su Rai Movie alle 22, 55 passa il bellico “Behind Enemy Lines” di John Moore con Owen Wilson, Gene Hackman, Joaquim De Almeida, David Keith. Su Cine 34 alle 23, 35 avete “N. Io e Napoleone”, il Napoleone all’Isola d’Elba di Paolo Virzì con Daniel Auteuil, Monica Bellucci, Elio Germano, Francesca Inaudi, Valerio Mastandrea, Massimo Ceccherini, Sabrina Impacciatore. Il film non era male. E’ su questo set che Ceccherini ebbe un pesante scontro con Virzì. Su Iris alle 0, 35 avete una rara commedia diretta e interpretata dal comico Ricky Gervais, “The Invention of Lying – Il primo dei bugiardi” di Ricky Gervais e Matthew Robinson con Ricky Gervais, Jennifer Garner, Jonah Hill, Louis C.K., Jeffrey Tambor.

e adesso sesso e adesso sesso

 

Su Cine 34 all’1, 50 torna la commedia sexy a episodi, inventata da Dino Risi, nel film- omaggio dei Vanzina “E adesso sesso” con Francesca Nunzi, Paolo Triestino, Elena Russo, Tony Sperandeo e Gigi Burruano, Adolfo Margiotta, Max Giusti, Youma, Eva Henger, Eldeweiss, Maria Grazia Schiavo, Andrea Cambi, Giulia Weber, Sergio Solli, Regina Bianchi, Dino Cassio. Molto divertente. L’episodio siciliano favoloso, ma anche quello burino in marchigiano con Paolo Triestino… Rai Movie alle 2, 25 propone “Il cecchino”, noir diretto da Michele Placido subito dopo “Romanzo criminale”, con Daniel Auteuil, Mathieu Kassovitz, Olivier Gourmet, Francis Renaud, Nicolas Briançon. Non funzionava benissimo.

 

il mio corpo con rabbia il mio corpo con rabbia

Occhio che su Rete 4 alle 2, 35 passa l’erotico-pera movie “Il mio corpo con rabbia”, diretto da Roberto Natale, sceneggiatore qui nell’unica sua regia, con Peter Lee Lawrence, la mitica Antonia Santilli, Silvano Tranquilli, Massimo Girotti, Zora Gheorghieva. La copia sarà piena di tagli per le scene erotiche della Santilli. Uffa. Iris alle 2, 45 presenta una rarità come “La donna dell’altro”, diretto nel 1959 dal russo Victor Vicas, molto attivo fra Francia e Germania, con Giulietta Masina, Carl Raddatz, Richard Basehart, Karin Baal. Gert Froebe, drammone su una coppia di lituani poverissimi tratto da un romanzo al tempo famoso di Herman Sudermann.

 

la donna dell’altro la donna dell’altro

Il produttore tedesco Kurt Ukrich della Berolina Film era rimasto colpito, come molti, dall’interpretazione di Giulietta Masina in “Le notti di Cabiria”, che vinse la Palma d’Oro a Cannes nel 1957 e l’Oscar come miglior film straniero nel 1958, e le fece un contratto per tre film. Ne girò solo due, questo è il primo, girato in Polonia spacciata per Lituania, e “La gran vita” di Julien Duvivier è il secondo. Ma non funzionarono benissimo e non venne mai girato il terzo, che doveva vederla nel ruolo di Jenny in “L’opera da tre soldi” di Bertold Brecht e Kurt Weill, diretta da Wolfgang Staudte. Prese il suo posto Hildegard Knef.

 

morbosita 2 morbosita 2

Cine 34 alle 3, 15 si butta sull’erotico con “Morbosità” di Luigi Russo con Eva Czemerys, Gianni Macchia, Paul Muller, Jenny Tamburi, storiella su due sorelle non castissime nella provincia marcia, cioè Modena. La Tamburi p la sorella verginella della scatenata Eva Czemerys, che si concede a tutti quelli che possano essere utili a lei e al sua amico Gianni Macchia. L’avrò visto? Rete 4 alle 3, 55 presenta un ancor più raro “A vent’anni è sempre festa” diretto nel 1957 da Vittorio Duse con Nunzio Gallo, Luisa Rivelli, Memmo Carotenuto, Adriana Benetti, dove una scuola d’agraria mette in scena un numero di avanspettacolo.

malia. vergine e di nome maria 7 malia. vergine e di nome maria 7

Ci sarebbe anche il massacratissimo “Malia (Vergine e di nome Maria)” di Sergio Nasca con Turi Ferro, Andréa Ferréol, Marino Masè, Clelia Matania, Iris alle 4, 25. L’Italia bacchettona si irrigidì di fronte a una rivisitazione della Beata Concezione nelle baracche delle periferie di Torino, con attori in gran parte provenienti dal mondo della commedia sexy e dalle “malizie”. Piccola sociologia e un po’ di erotismo anni ’70. Come diceva Alvaro Vitali, sintetizzando il tutto: «Ho fatto un ruolo drammatico che però è durato solo tre giorni. L’hanno subito levato dai cinema perché era talmente drammatico…» (Amarcord).

 

malia. vergine e di nome maria 1 malia. vergine e di nome maria 1

E, ancora: «Ero uno dei protagonisti. Praticamente la chiave della storia… Avevo il ruolo di un chierichetto, un po’ pazzo, con diversi tic nervosi, che si innamora della nipote del parroco, interpretato da Turi Ferro. Un amore platonico… Ad un certo punto la ragazza muore, ma solo apparentemente e io con il mio amore platonico la metto incinta, ma mica l’ho violentata. L’ho sporcata moralmente e basta… Lei infatti è vergine”. A bloccare il film, che uscì col primo titolo il 10 settembre del 1975 a Catania e poi a Parma, fu un articolo del Cardinal Poletti su L’Osservatore Romano in data il 25 settembre 1975: «L’accostamento sacrilego e blasfemo», scrive il cardinale, «a colei che non solo per i cattolici italiani, ma anche per i cristiani di tutto il mondo è la più venerata creatura, è evidente».

malia. vergine e di nome maria 6 malia. vergine e di nome maria 6

 

Bastò questo, tre giorni dopo, a per far scattare il sequestro dei manifesti dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Bari. A questo punto la distribuzione e gli esercenti, senza materiale promozionale, decidono di non procedere con la programmazione. Come se non bastasse il celebre Dottor Di Bartolomei, Procuratore Generale della Corte d’Appello di Catanzaro, tuona contro il film - che non ha visto - definendolo «luridamente osceno e blasfemo, che oltraggia ogni limite tollerabile il buon costume e le tradizioni cristiane della nazione italiane».

malia. vergine e di nome maria 2 malia. vergine e di nome maria 2

 

Per non vedersi sequestrare la pellicola, il distributore lo toglie di mezzo e pensa a un nuovo titolo. Uscirà solo un anno dopo, il il 19 ottobre 1976, con il titolo Malìa (Vergine e di nome Maria). Il risultato fu un disastro. La chiudo qui.

captain fantastic captain fantastic captain fantastic captain fantastic malia. vergine e di nome maria 3 malia. vergine e di nome maria 3 il pistolero di dio il pistolero di dio a vent'anni e sempre festa 2 a vent'anni e sempre festa 2 a vent'anni e sempre festa 1 a vent'anni e sempre festa 1 the invention of lying the invention of lying malia. vergine e di nome maria 4 malia. vergine e di nome maria 4 malia. vergine e di nome maria 5 malia. vergine e di nome maria 5 morbosita 3 morbosita 3 owen wilson behind enemy lines 1 owen wilson behind enemy lines 1 owen wilson behind enemy lines 2 owen wilson behind enemy lines 2 il cecchino il cecchino the invention of lying the invention of lying morbosita 1 morbosita 1 ricky gervais the invention of lying ricky gervais the invention of lying n io e napoleone 1 n io e napoleone 1 n io e napoleone 2 n io e napoleone 2 e adesso sesso e adesso sesso e adesso sesso e adesso sesso e adesso sesso e adesso sesso e adesso sesso e adesso sesso e adesso sesso 3 e adesso sesso 3 e adesso sesso e adesso sesso e adesso sesso 1 e adesso sesso 1 e adesso sesso 2 e adesso sesso 2 il pistolero di dio1 il pistolero di dio1 captain fantastic captain fantastic n io e napoleone n io e napoleone monica bellucci n io e napoleone monica bellucci n io e napoleone valerio mastandrea n io e napoleone valerio mastandrea n io e napoleone captain fantastic captain fantastic Tutta colpa di Freud Tutta colpa di Freud tutta colpa di freud vittoria puccini vinicio marc x tutta colpa di freud vittoria puccini vinicio marc x cast femminile tutta colpa di freud cast femminile tutta colpa di freud l’assedio di fuoco 1 l’assedio di fuoco 1 mark wahlberg shooter mark wahlberg shooter l’assedio di fuoco 2 l’assedio di fuoco 2 l’assedio di fuoco 3 l’assedio di fuoco 3 il castello di vetro 1 il castello di vetro 1 l’assedio di fuoco 4 l’assedio di fuoco 4 captain fantastic 1 captain fantastic 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…