IL DIVANO DEI GIUSTI -  MA SE INVECE DI VEDERE UN FILM, O UNA SERIE, SÌ IO MI STO GUARDANDO LE ULTIME PUNTATE DI “WEDNESDAY” DI TIM BURTON, CHE A DAGO PIACE MOLTO, A ME UN PO’ MENO, O UNA PARTITA DEI MONDIALI, LEGGESSIMO QUALCOSA DI CINEMA? VI CONSIGLIO DUE BOMBE APPENA USCITE. “CINEMA SPECULATION” DI QUENTIN TARANTINO E “LUCHINO” DI GIOVANNI TESTORI, UNA FOLLIA ASSOLUTA DA AVERE IMMEDIATAMENTE. SONO UN GRAN DIVERTIMENTO E SI IMPARANO UN A SERIE DI COSE CHE NON SI SAPEVANO... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

mercoledi 4 mercoledi 4

Che vediamo stasera? Uffa. Ma se invece di vedere un film, o una serie, sì io mi sto guardando le ultime puntate di “Wednesday” di Tim Burton, che a Dago piace molto, a me un po’ meno, o una partita dei Mondiali, leggessimo qualcosa di cinema?

 

quentin tarantino foto di bacco quentin tarantino foto di bacco

Vi consiglio due bombe appena uscite. “Cinema Speculation” di Quentin Tarantino e “Luchino” di Giovanni Testori, 100 pagine di testo inedito del poeta e 300 pagine di note del curatore Giovanni Agosti, una follia assoluta da avere immediatamente. Come è da avere, assolutamente in inglese il libro di Tarantino.

 

 

 

 

 

 

 

 

QUENTIN TARANTINO CINEMA SPECULATION QUENTIN TARANTINO CINEMA SPECULATION

Perché? Perché sono un gran divertimento come lettura e si imparano un a serie di cose che non si sapevano. Per quanto Tarantino non sia un regista-critico come lo furono l’amato Godard e l'odiato (da lui) Truffaut, e ci sembra sempre troppo americano, fuori dal contesto storico, in questo libro, oltre a un’analisi pazzesca di “Bullit” di Peter Yates, che devo assolutamente rivedere, o sui film di culto di Steve McQueen come "Getaway" di Sam Peckinpah, su “Taxi Driver” di Martin Scorsese e sul “Taxi Driver” che avrebbe fatto invece Brian De Palma, ma anche su film che anche io adoravo di John Flynn o su “The Funhouse” di Tobe Hooper, il vecchio Quentin ci svela quello che da anni volevamo sapere.

 

Cioè da dove viene tutta questa passione per il cinema della blaxploitation anni ’70. E allora ci porta, è nel primo capitolo del libro, dentro una sala piena di solo pubblico nero, 850 spettatori neri e composto di almeno 800 maschi machissimi, con lui unico bimbetto bianco, seduto assieme al fidanzato nero della mamma, che aspettano di vedere “Black Gunn”, ultimo violentissimo film con Jim Brown protagonista.

 

bullitt mcqueen mustang bullitt mcqueen mustang

Un pubblico che saluta il film meno interessante che lo precede, il modesto, delicato, “The Bus is Coming”, un film civile, con battute del tipo “Suck my dick!”, e se la gode come un pazzo. “Ti stai divertendo?” gli chiede il fidanzato della mamma. “Il pubblico è così divertente”, risponde.

 

getaway 9 getaway 9

“You are a cool kid, Q”, chiude l’uomo. Ma quando inizia il film con Jim Brown, tutto sparatorie, scopate e violenza nera, in mezzo a questi 850 maschi neri eccitati, Quentin capisce finalmente tutto. “E, francamente”, scrive, “io non sono stato più lo stesso”.

 

 

TESTORI LUCHINO COVER TESTORI LUCHINO COVER

Prendo invece in mano l’altro libro, di ben altro genere, “Luchino” di Giovanni Testori, che dovrà spiegarmi la storia di un rapporto complesso come quello tra Visconti e Testori, autore del romanzo da cui è tratto “Rocco e i suoi fratelli”, ma anche de “L’Arialda” messa in scena a teatro da Visconti con Pupella Maggio e Rina Morelli nel 1960, e mi fermo sulle prime pagine che mi svelano un segreto che da anni non capivo.

 

Forse non ricorderete un vecchio spaghetti western amato anche da Tarantino, “Ciakmull” di E.B.Clucher, prodotto da Manolo Bolognini, fratello di Mauro. Mi disse tanti anni fa un amico attore, Lucio Rosato, che il titolo al film lo aveva trovato Giovanni Testori, che bazzicava sui set dei film prodotti e diretti dai fratelli Bolognini. Possibile. Beh. Sì, leggo sull’introduzione al libro, perché Testori aveva un fidanzato, Alain Toubas, che aveva incontrato giovanissimo nel 1959, e che negli anni ’60 e primi ’70 spinge per farlo diventare un attore di cinema. E come lo fa? Coi fratelli Bolognini.

 

rocco e i suoi fratelli rocco e i suoi fratelli

Così, col nome di Alain Naya appare in “Bubù”, sceneggiato anche da Testori. E in questo curioso “Ciakmull”. E non avete idea di quando al museo sull’arte atzeca di Città del Messico io e il mio amico Sir Christopher Frayling, grande esperto i spaghetti western, abbiamo visto il volto del vero Ciakmull, un mitico diavolone atzeco o maya che ci guardava male perché non avevamo mai capito chi fosse davvero.

 

Era lì che lo aveva preso Testori per spingere il film col suo fidanzato, che cambia per la seconda volta il nome in Alain Corot per “Imputazione di omicidio per uno studente”, sempre di Bolognini. Che doveva essere però, un pessimo attore, visto che, scelto per un piccolo ruolo in “Ludwig”, incapace di dire una battuta in inglese, viene cacciato malamente dal set da Visconti e sostituito con, pare, un macchinista. Per carità! Testori, a questo punto, giurerà vendetta.

 

giovanni testori giovanni testori

E sembra che sia per questo che non pubblicherà, sostenendo che era andato distrutto, il saggio che stava scrivendo sul grande regista, “Luchino”, appunto, che è stato ora recuperato. In tutto questo, subito dopo le riprese di “Ludwig”, Visconti è colpito da una trombosi cerebrale. Ma Testori non si ferma lì. E pubblica una serie di poesie terribili contro Visconti ridicolizzato come “registore da due soldi/neanca tre”, e sembra che lo vada a maledire sotto la sua villa di Cernobbio mentre il regista, malata, montava il suo “Ludwig”.

mercoledi 2 mercoledi 2 mercoledi 1 mercoledi 1

scorsese schrader e phillips sul set scorsese schrader e phillips sul set scorsese sul set di taxi driver scorsese sul set di taxi driver TAXI DRIVER TAXI DRIVER inquadrature taxi driver inquadrature taxi driver rocco e i suoi fratelli rocco e i suoi fratelli getaway 6 getaway 6 getaway 7 getaway 7 getaway 8 getaway 8 LUCHINO VISCONTI LUCHINO VISCONTI bullitt mcqueen mustang bullitt mcqueen mustang luchino visconti luchino visconti

 

scorsese sostitui un attore in taxi driver scorsese sostitui un attore in taxi driver alain delon rocco e i suoi fratelli alain delon rocco e i suoi fratelli anna magnani luchino visconti anna magnani luchino visconti il regista luchino visconti con la sceneggiatrice suso cecchi d amico il regista luchino visconti con la sceneggiatrice suso cecchi d amico rocco e i suoi fratelli rocco e i suoi fratelli LA NOTTE DEI LUNGHI COLTELLI VISTA DA LUCHINO VISCONTI IN LA CADUTA DEGLI DEI LA NOTTE DEI LUNGHI COLTELLI VISTA DA LUCHINO VISCONTI IN LA CADUTA DEGLI DEI bjorn andresen e luchino visconti bjorn andresen e luchino visconti rocco e i suoi fratelli rocco e i suoi fratelli

george clooney quentin tarantino dal tramonto all’alba george clooney quentin tarantino dal tramonto all’alba quentin tarantino nft pulp fiction miramax quentin tarantino nft pulp fiction miramax quentin tarantino nft 1 quentin tarantino nft 1 quentin tarantino george clooney dal tramonto all’alba quentin tarantino george clooney dal tramonto all’alba

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO