IL DIVANO DEI GIUSTI/1 – CHE VEDIAMO STASERA? ANDREBBE VISTA LA NUOVA SERIE DI FANTASCIENZA DI APPLE TV+, “CONSTELLATION”, CON NOOMI RAPACE – SU MUBI È STATO INSERITO “DIAZ. NON PULIRE QUESTO SANGUE”: GIRATO NEL 2012, CIOÈ UNDICI ANNI DOPO I FATTI DI GENOVA, CHE LASCIARONO UNA FERITA ANCORA APERTA. COME HANNO DIMOSTRATO I RECENTISSIMI FATTI DI PISA. RIMANE UN FILM IMPORTANTE, ANCHE SE È STATO MOLTO OSCURATO - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

noomi rapace constellation noomi rapace constellation

Che vediamo stasera? Andrebbe vista la nuova serie di fantascienza di Apple Tv+ “Constellation”, ideata da Peter Harness con Noomi Rapace, Jonathan Banks, James D’Arcy, dove Jo, un’astronauta, torna sulla terra dopo un incidente nello spazio, e le sembra che qualcosa nella realtà della sua famiglia sia profondamente cambiata, soprattutto nei legami con la figlia. Produzione ricca, bel cast. Ottime critiche. Otto episodi diretti da Joseph Cedar, Oliver Hirschbiegel, Michelle McLaren.

 

avatar. la leggenda di aang avatar. la leggenda di aang

Non sembra particolarmente riuscita la serie live di Netflix tratta da un celebre anime, “Avatar. La leggenda di Aang” con Gordon Cormier, Kiawentiio, Ian Ousley, anche perché gli autori della serie originale animata, Michael Dante DiMartino e Bryan Konietzko,durante la produzione hanno rotto con Netflix e si sono dissociati. Confesso che non capivo niente già nella serie originale, figuriamoci in questa.

 

 

 

diaz non pulire questo sangue 4 diaz non pulire questo sangue 4

In attesa di “Dune 2” di Denis Villeneuve in uscita il 28 febbraio, propongo un ripasso rivedendo su Amazon la prima parte di “Dune”. Magari ci aiuterà nelle quasi tre ore di film. In realtà in streaming non c’è moltissimo di nuovo. Posso segnalarvi l’uscita di “Wonka” di Paul Kinng con Timothée Chalamet su Amazon. Ottimo film. Sotto tutti i punti di vista, anche se molto diverso dal capolavoro di Roald Dahl.

 

diaz non pulire questo sangue 1 diaz non pulire questo sangue 1

Su Mubi sono stati inseriti due film di Daniele Vicari, “Velocità massima” con Valerio Mastandrea, uno dei rarissimi film sulle corse di macchine fatti in Italia, ma soprattutto “Diaz. Non pulire questo sangue”, girato nel 2012, cioè undici anni dopo i fatti di Genova, che lasciarono una ferita ancora aperta. Come hanno dimostrato i recentissimi fatti di Pisa e Firenze.

 

 

zendaya timothee chalamet dune zendaya timothee chalamet dune

“Diaz” è una ricostruzione fedele e precisa dei giorni di Genova e della “macelleria messicana” operata dalla polizia prima alla Diaz e poi nel carcere di Bolzaneto. Rimane un film importante, anche se è stato molto oscurato. Vicari è stato molto lucido nella scelta di un film che non si butta su nessun psicologismo e su nessuna dietrologia.

 

Poliziotti e ragazzi sono alla fine figurine riprese dalla realtà e dai racconti dei protagonisti che servono per la ricostruzione minuziosa dei fatti. Alla fine, tutti, anche i poliziotti coinvolti, diventeranno vittime della violenza. Claudio Santamaria, che domina totalmente il film con un’interpretazione magistrale di poliziotto cosciente fino all’ultimo di quel che sta accadendo, si trasformerà nei personaggi tragici che abbiamo visto in “Acab”, reduci di quella violenza e pronti a pagarne le spese.

 

toscana il film netflix di mehdi avaz toscana il film netflix di mehdi avaz

Su Netflix trovate, tra i film più visti un disaster movie svedese legato alla miniera più grande del paese, “Abisso”, scritto e diretto da Richard Holm con Tuva Novotny, Felicia Truedsson, Peter Franzen, l’ottimo esordio di Paul Dano, “Wildlife”, piccolo film ambientato nel Montana nel 1960.

 

Ci sarebbe anche un filmone sentimentale danese, “Toscana”, scritto e diretto da Mehdi Avaz dove un rubizzo cuoco danese, Anders Matthesen, si sposta in Toscana per seguire gli affari del padre, e si innamora di una bella italiana, la Cristiana Dell’Anna di “Gomorra”. Non si sembra affatto un capolavoro, ma leggo buone critiche dai giornalisti stranieri.

eureka stockade eureka stockade

 

Per i patiti di storia e di vecchio cinema australiano, esisteranno, Netflix propone il recupero del glorioso “Eureka Stockade”, drammone minerario del 1949 diretto da Harry Watt con Chips Rafferty, Jane Barrett, Jack Lambert, dove un immigrato irlandese, Peter Lalor, arrivando nel 1854 a Victoria, diventa portavoce dei minatori per farsi sentire dal governo che non vuole ascoltare nessuno in tema di diritti. Ci sarebbe anche un polveroso, ma interessante “Monsieur Vincent” diretto nel 1947 da Maurice Cloche con Pierre Fresnay come San Vincenzo de Paoli che nel 500 decise di mettersi dalla parte die più umili e dei più poveri. Vi mancava, eh?

diaz non pulire questo sangue 9 diaz non pulire questo sangue 9 constellation constellation avatar. la leggenda di aang. avatar. la leggenda di aang. diaz non pulire questo sangue 6 diaz non pulire questo sangue 6

 

velocita massima di daniele vicari velocita massima di daniele vicari claudio santamaria diaz non pulire questo sangue 3 claudio santamaria diaz non pulire questo sangue 3 diaz non pulire questo sangue 7 diaz non pulire questo sangue 7 toscana il film netflix di mehdi avaz 2 toscana il film netflix di mehdi avaz 2 diaz non pulire questo sangue 5 diaz non pulire questo sangue 5 avatar. la leggenda di aang 1 avatar. la leggenda di aang 1 diaz non pulire questo sangue 8 diaz non pulire questo sangue 8 toscana il film netflix di mehdi avaz. toscana il film netflix di mehdi avaz. diaz non pulire questo sangue 10 diaz non pulire questo sangue 10 toscana il film netflix di mehdi avaz toscana il film netflix di mehdi avaz diaz non pulire questo sangue 2 diaz non pulire questo sangue 2 noomi rapace constellation noomi rapace constellation noomi rapace constellation 1 noomi rapace constellation 1 velocita massima di daniele vicari velocita massima di daniele vicari

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…