IL DIVANO DEI GIUSTI/1 – CHE VEDIAMO STASERA IN STREAMING? IO SONO DIVENTATO SCEMO PER IL VIOLENTISSIMO, DAVVERO INUTILE E IN GRAN PARTE SCORDATO COME NEVE AL SOLE REVENGE MOVIE “BOY KILLS WORLD” – SU NETFLIX AVETE LA TRANS-SOAP-OPERA STRACULTISSIMA “LA VITA CHE VOLEVI”, CHE È UN GRAN DIVERTIMENTO – SU MUBI TROVATE “QUERELLE”, CAPOLAVORO QUEER DI RAINER WERNER FASSBINDER, CON TUTTE QUELLE SCOPATE TRA MASCHI CON TANTO DI SALIVA SPUTATA SUL PISELLO CHE FECERO SCALPORE QUANDO FU PRESENTATO A VENEZIA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

bill skarsgard boy kills world. 5 bill skarsgard boy kills world. 5

Che vediamo stasera? Vi dico che ho visto ieri steso sul divano che facciamo prima. Sono diventato scemo per il violentissimo, davvero inutile e in gran parte scordato come neve al sole “Boy Kills World”, Amazon, opera prima fracassona scritta e diretto da tal Moritz Mohr con Bill Skarsgård come il ragazzo cresciuto da uno sciamano misterioso per portare a termine una vendetta contro certa Hilda van der Koy, cioè Famke Janssen, la dittatrice di una città che da anni tiene sotto tacco e governa uccidendo ogni tanto con diretta tv i dissidenti.

boy kills world. 4 boy kills world. 4

 

Non capivo davvero a chi potesse interessare, eppure sono andato avanti fino al sanguinoso finale. Nel pomeriggio mi ero visto due puntate della trans-soap-opera stracultissima “La vita che volevi”, scritta e diretta da Ivan Cotroneo con Vittoria Schisano, prima protagonista di una serie con personaggio trans, e la dirompente Pina Turco. Il tutto ambientato tra Lecce, Salento e Napoli. E’ una versione anni 2000 del cinema popolare napoletano più classico.

 

vittoria schisano la vita che volevi vittoria schisano la vita che volevi

La bella Gloria (e giù momento musicale con la Gloria di Umberto Tozzi!) si è fatta una vita a Lecce dove è una apprezzata professionista nel campo artistico (che fa, però? Boh… non è chiaro… mostre, fotografie), ha anche un fidanzato. Quando arriva dal nulla, cioè da Napoli, Marina, la napoletanissima Pina Turco, incinta con due figli accanto, un maschio, Andrea, e una bambina, Arianna, in cerca di aiuto.

la vita che volevi 4 la vita che volevi 4

Scappa dai suoi uomini, il torvo giovinastro Alessio Lapice, che l’ha messa incinta, e il più maturo Sergio, padre di Arianna, che la stanno cercando. Sarà Pina Turco. Rivelare a Gloria, dopo essersi piazzata a casa sua, che il frutto del loro amore, quando Gloria era ancora maschio, è il suo primo figlio, Andrea. E questo scombina la vita di Gloria in quel di Lecce, anche perché si stava appena appena costruendo la casetta dei suoi sogni sulla costa salentina come metà del cinema romano.

 

la vita che volevi 5 la vita che volevi 5

Leggo su twitter/X cose terribili sulla serie, ma proprio perché è così melodrammatica e fumettosa è un gran divertimento. E questa altissima Vittoria Schisano è perfetta come protagonista trans della nuova scena melo neomatarazziana italiana. Anche meglio della Carlos/Carla Gazcon di “Emilia Perez”, perché è più adatta alla rilettura popolare che ha in testa Ivan Cotroneo, grande esperto di macchine televisive non tanto di gusto gay, quanto di macchine letterarie che rispecchiano la nuova realtà italiana.

 

la vita che volevi 2 la vita che volevi 2

Dove appunto i figli, i nipoti, i padri diventati trans, anzi diventati donne hanno bisogno di essere rappresentati in maniera semplice come fosse un film di Mario Merola. In questo è una serie davvero all’avanguardia. Anche se non ha questa scrittura perfetta o una regia di gran classe. Ho chiuso la nottata di ieri con “Querelle”, capolavoro e capolavoro queer di Rainer Werner Fassbinder tratto dalla commedia di Jean Genet con il povero Brad Davis (morto di Aids poco dopo), Jeanne Moreau, Franco Nero, recuperato su Mubi in copia più che decente e senza tagli.

querelle de brest 10 querelle de brest 10

Mi sono ricordato esattamente quando l’ho visto a Venezia, con quei colori meravigliosi, con tutte quelle scopate tra maschi con tanto di saliva sputata sul pisello che fecero scalpore sugli schermi della Biennale. E la canzone di Jeanne Moreau… Il presidente della giuria, il vecchio Marcel Carné rilasciò questa celebre dichiarazione: "In qualità di Presidente della Giuria, vorrei esprimere il mio disappunto per non essere riuscito a convincere i miei colleghi a inserire "Querelle" di R.W. Fassbinder tra i vincitori. Infatti, Mi sono trovato da solo a difendere il film.

 

querelle de brest 9 querelle de brest 9

Tuttavia, continuo a pensare che, sebbene controverso, l'ultimo film di R.W. Fassbinder, lo si voglia o no, lo si ami o lo si odi, un giorno troverà il suo posto nella storia del cinema." Verissimo. In realtà eravamo tutti impazziti per Querelle, per quello che rappresentava nel cinema di Fassbinder, morto prima della proiezione del film, e nella cultura mondiale. Ricordo il manifesto di Andy Warhol, perfino le cartoline di Natale di Miguel Bosé vestito come Querelle che mi fece vedere Franco Quadri. Altro che Ivan Cotroneo…

la vita che volevi 1 la vita che volevi 1 querelle de brest 2 querelle de brest 2 querelle de brest 1 querelle de brest 1 querelle de brest querelle de brest querelle de brest 3 querelle de brest 3 querelle de brest 2 querelle de brest 2 querelle de brest 4 querelle de brest 4 querelle de brest 5 querelle de brest 5 querelle de brest 6 querelle de brest 6 querelle de brest 8 querelle de brest 8 bill skarsgard boy kills world. 2 bill skarsgard boy kills world. 2 querelle de brest 7 querelle de brest 7 bill skarsgard boy kills world. 1 bill skarsgard boy kills world. 1 bill skarsgard boy kills world. 4 bill skarsgard boy kills world. 4 bill skarsgard boy kills world. 3 bill skarsgard boy kills world. 3 boy kills world. 1 boy kills world. 1 boy kills world. 2 boy kills world. 2 boy kills world. 3 boy kills world. 3 la vita che volevi 3 la vita che volevi 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…