IL DIVANO DEI GIUSTI – È UNA SERATONA. NON SOLO PERCHÉ PASSANO FILM CULTISSIMI COME “AVERE VENT’ANNI” CON LA COPPIA DELLE VENTENNI DISINIBITE E SEMPRE NUDE LILLI CARATI – GLORIA GUIDA (LA LORO SCENA D’AMORE CREDO SIA UNO DEI PUNTI PIÙ ESTREMI DEL CINEMA ITALIANO), O “LA PATATA BOLLENTE” DI STENO. MA PERCHÉ ARRIVA UN FILM TOTALMENTE STRACULT COME “LEONI AL SOLE” DELLA COPPIA VITTORIO CAPRIOLI-FRANCA VALERI, SUI FLANEURS DI POSITANO, GRANDE RITRATTO DI UN’EPOCA ORMAI LONTANISSIMA DELL’ITALIA DEI PRIMI ANNI’60 - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

 

blood red sky 2 blood red sky 2

Marco Giusti per Dagospia

 

Beh, voglio proprio vedere se davvero oggi si andrà al cinema col Green Pass o no. Io non sono riuscito ancora a farlo. Magari è meglio restare sul divano a vederci i film sulle piattaforme o in chiaro.

 

blood red sky blood red sky

Mi sono visto anche “Blood Red Sky”, thrillerone tedesco con vampiri e terroristi islamici tutti sullo stesso aereo diretto da Peter Thorwarth. Ottima Peri Baumeister come mammina vampiressa che pensava di andare a curarsi a New York, dove, si sa, non hanno di meglio da fare che curare i vampiri. Ci sono anche Roland Møller, Chidi Ajufo e Alexander Scheer. Tutti sullo stesso aereo.

gloria guida lilli carati avere vent'anni gloria guida lilli carati avere vent'anni

 

In chiaro, vi dico subito che è una seratona, non solo perché passano ancora una volta film cultissimi come “Avere vent’anni” di Fernando Di Leo, Cielo alle 21, 15, con la coppia delle ventenni disinibite e sempre nude Lilli Carati – Gloria Guida, la loro scena d’amore credo sia uno dei punti più estremi del cinema italiano non solo di genere di allora, che scopriranno di vivere in un paese pieno di contraddizioni e di violenza nascosta, o “La patata bollente” di Steno, La7 alle 21, 15, con Renato Pozzetto, operaio comunista cossuttiano del nord, che dovrà scegliere tra la fidanzata bona Edwige Fenech e Massimo Serato, che vive in casa con lui, e mai si era visto in un film italiano una simile scelta.

avere vent'anni 2 avere vent'anni 2

 

O “Donnie Darko” di Richard Kelly con Jake Gyllenhall, Rai 4 alle 21, 20, grande film generazionale di un regista che non riuscirà mai più a girare qualcosa di simile. Ma perché arriva un film totalmente stracult come “Leoni al sole” della coppia Vittorio Caprioli-Franca Valeri, Cine 34 alle 23, 20, sui flaneurs di Positano, con Philippe Leroy, Serena Vergano, Enzo Cannavale, Anna Campori, grande ritratto di un’epoca ormai lontanissima dell’Italia dei primi anni’60.

 

la patata bollente 1 la patata bollente 1

Poi, a tardissima notte, parecchie rarità. Penso alla doppietta di documentari su grandi registi proposta da Rai Tre, prima “Bergman 100” di Jane Magnusson all’1, 30, poi “Ciao, Federico!”, Rai Tre alle 3, 25, meraviglioso documentario su Federico Fellini e, in gran parte, sul suo “Satyricon”, firmato da Gideon Bachman, ma realmente seguito e supervisionato da Fellini stesso.

 

donnie darko donnie darko

Ci sono anche Roman Polanski e Sharon Tate sul set del film… Ricordo di averlo visto la prima volta al Cinema Centrale di Genova, presentato e commentato proprio da Bachman che ci disse di avere ore e ore di girato dai set di Fellini. E’ stato come la sua ombra per tanti anni.

 

leoni al sole 2 leoni al sole 2

Ma passa poi, Rai Movie alle 5 (ma come si fa?) anche il rarissimo, per la nostra tv, “Bob&Carol&Ted&Alice” diretto da Paul Mazursky alla fine del 1968, e scritto dallo stesso regista con Larrry Tucker, scatenata commedia sulla classe media americana che non solo si ammala di controcultura, ma scopre le gioie del sesso e dello scambismo tra coppie.

 

 

leoni al sole leoni al sole

I quattro del titolo sono i meravigliosi Robert Culp Natalie Wood Elliott Gould Dyan Cannon. “Prima facciamo un orgia. Poi andiamo a sentire Tony Bennett!”, è il grido di battaglia ultra-cool del film. Mazursky ci infila dentro anche il suo vero psicanalista, il dottor Donald F. Muhich, che mentre psicanalizza Dyan Cannon, elude tutte le domande sul sesso (“la sessione è finita, ne parliamo giovedì”).

penelope, la magnifica ladra. penelope, la magnifica ladra.

 

Era un film che nessuna grande star voleva fare, scapparono Warren Beatty, Robert Redford, Steve McQueen, Tuesday Weld, ma lo accettà la fantastica e fragile Natalie Wood, che da poco trentenne non faceva un film da tre anni, dal delizioso “Penelope, la magnifica ladra”, e rimase altri cinque anni ferma. Adoravo il cinema di Mazursky, che oggi mi piacerebbe rivedere. Ma ricordate “Harry e Tonto”?

 

afyon oppio afyon oppio

Come se non bastasse, sempre alle 5 su Iris, arriva lo zero-zero-zero movie “Afyon oppio” di Ferdinando Baldi con Ben Gazzarra alle prese con droga e trafficante fra Sicilia, Francia e Turchia, Afyon è il nome di una città turca. Ci sono anche Silvia Monti, futura Lady De Benedetti, Fausto Tozzi, Luciano Catenacci, Mario Piar, Jess Hahn. Film che non si vede da anni, ribattezzato sul mercato internazionale “The Sicilian Connection”.

 

la patata bollente 2 la patata bollente 2

 

Tra le altre proposte della prima serata vedo la ghost story “1921-Il mistero di Rookford” di Nick Murphy con Rebecca Hall, Dominic West, Imelda Staunton, Iris alle 21, “Il Postino” di Michael Radford con Massimo Troisi, Philippe Noiret, Maria Grazia Cucinotta e Renato Scarpa, Cine 34 alle 21, il buffo “How To Be a Latin Lover” di Ken Marino con Eugene Derbez, Salma Hayek, Rob Lowe, Kristen Bell, Michael Cera, Rai Movie alle 21, 10.

 

bob&carol&ted&alice bob&carol&ted&alice

In seconda serata, vedo che passa un’altra commedia con Christian Clavier, “Tutti pazzi in casa mia”, di Patrice Leconte con Rossy De Palma, Valerie Bonneton e Carole Bouquet, LA7 alle 23, 10. Non deve essere male neanche “Proprio lui?” di John Hamburg, Rai Movie alle 23, 10, commedia americana con Bryan Cranston che si ritrova una figlia a Stanford fidanzata con un miliardario svitato, James Franco, che non sopporta proprio.

 

il destino di un cavaliere alatriste il destino di un cavaliere alatriste

All’una e dintorni arriva “Il destino di un cavaliere- Alatriste” di Agustin Dias Yanes con Viggo Mortensen nei panni del cavaliere Diego Alatriste, soldato al servizio di Filippo IV di Spagna, siamo nel XVII secolo, che promette all’amico del cuore, morente, di occuparsi del figliolo. Ci sono anche Elena Anaya e Javier Camara.

 

elisabetta canalis decameron pie elisabetta canalis decameron pie

Arriva anche la scatenata commedia romantica con Omar Sy e Charlotte Gainsbourg “Samba” diretta dai regista di “Quasi amici”, Oliver Nakache e Eric Toledano, Rai Movie all’1, 05. Lui è un senegalese simpatico ma squattrinato che vive di espedienti in Francia da dieci anni, lei una dirigente d’alta classe molto scoglionata.

 

la ragazza dalla pelle di luna 2 la ragazza dalla pelle di luna 2

E’ terribile a detta di tutti “Decameron Pie” diretto dal modesto David Leland in Italia per un produttore padrone come Dino De Laurentiis, Tv8 all’1, 30, con Hayden Christensen, Mischa Barton, Tim Roth, ma anche Elisabetta Canalis e Anna Galiena. Rete 4 alle 2, 25 ripropone “La ragazza dalla pelle di luna” di Luigi Scattini con Zeudy Araya ai suoi esordi, Ugo Pagliai e Beba Loncar.

florinda bolkan flavia la monaca musulmana florinda bolkan flavia la monaca musulmana

 

E’ un buon film “In un posto bellissimo” di Giorgia Cecere, Rai Movie alle 3, 10, con Isabella Ragonese, brava madre di famiglia, che scopre che il marito Alessio Boni la tradisce e si consolerà con un ragazzo incontrato per strada, tal Feysal. Scordavo. Alle 3, 10 ritorna “Flavia, monaca musulmana” di GianFranco Mingozzi con Florinda Bolkan che fa la monaca musulmana in quel di Puglia e odia i cristiani. E’ ricostruito anche il massacro di Otranto.

la patata bollente la patata bollente avere vent'anni avere vent'anni flavia la monaca musulmana 2 flavia la monaca musulmana 2 flavia la monaca musulmana 5 flavia la monaca musulmana 5 flavia la monaca musulmana 4 flavia la monaca musulmana 4 flavia la monaca musulmana flavia la monaca musulmana flavia la monaca musulmana 4 flavia la monaca musulmana 4 la patata bollente la patata bollente flavia la monaca musulmana flavia la monaca musulmana elisabetta canalis decameron pie elisabetta canalis decameron pie decameron pie decameron pie mischa barton hayden christensen decameron pie mischa barton hayden christensen decameron pie afyon oppio 1 afyon oppio 1 penelope, la magnifica ladra. penelope, la magnifica ladra. penelope, la magnifica ladra penelope, la magnifica ladra leoni al sole leoni al sole bob&carol&ted&alice bob&carol&ted&alice bob&carol&ted&alice2 bob&carol&ted&alice2 bob&carol&ted&alice 3 bob&carol&ted&alice 3 gloria guida avere vent'anni gloria guida avere vent'anni

 

Condividi questo articolo

media e tv

È UN CONTROSCALA O UN SOTTOSCALA? CONTINUA LA FAIDA DEI RICCARDI: MUTI VS CHAILLY – ALLA FONDAZIONE PRADA DI MILANO RICCARDO MUTI PORTA A DICEMBRE LA SUA OPERA ACADEMY. CHE QUESTO AVVENGA NELLA SETTIMANA DELLA PRIMA DELLA SCALA (CON IL MACBETH DIRETTO DA RICCARDO CHAILLY) VIENE DERUBRICATO A SEMPLICE COINCIDENZA - “FIGURIAMOCI SE IO, A 80 ANNI E CON LA MIA CARRIERA, MI PREOCCUPO DI VENIRE QUI SOLO PER DARE FASTIDIO. SE DALL'ALTRA PARTE QUALCUNO SI RISENTIRÀ SARÀ UN PROBLEMA SUO…" - IL GRANDE SCAZZO TRA I DUE ALLA SCALA

politica

business

UN BEL BOTIN PER ORCEL - L’EX PRESIDENTE DI UBS AXEL WEBER E IL CAPO DELLA BANCA SVIZZERA, MARK SHELTON, HANNO TESTIMONIATO DAVANTI AI GIUDICI DI MADRID SUL CASO DEI BONUS NON PAGATI DAL BANCO SANTANDER AD ANDREA ORCEL. I DUE NON HANNO POTUTO CHE CONFERMARE CIÒ CHE AVEVANO GIÀ DETTO PIÙ VOLTE, CIOÈ CHE UBS AVEVA AVVISATO IL SANTANDER CHE NON AVREBBERO PAGATO LORO QUEI BONUS - ORCEL ORA INCASSERÀ IL DOVUTO, SI PARLA DI 76 MILIONI DI EURO. E ANA BOTIN? GLI AZIONISTI POTRANNO CONFERMARE UN PRESIDENTE SMENTITO DI FRONTE A TUTTO IL MONDO?

cronache

SE LA DAI PER FARE CARRIERA POI NON FARE LA VITTIMA – È FINITO ALLA FORCA JULIAN REICHELT, IL DIRETTORE DELLA “BILD”, LICENZIATO DOPO ESSERE STATO ACCUSATO DI ESSERSI PORTATO A LETTO DELLE COLLEGHE IN CAMBIO DI PROMOZIONI E BONUS IN DENARO CHE AVREBBERO DOVUTO COMPRARE IL LORO SILENZIO – A FAR PRECIPITARE LA DECISIONE DI MATHIAS DÖPFNER, PRESIDENTE E AD DI SPRINGER CHE DIFENDEVA REICHELT, È STATA L'INCHIESTA DEL “NEW YORK TIMES”: E ORA PURE LUI FINISCE NEL TRITACARNE DOPO CHE…

sport

cafonal

viaggi

salute