DOPO LE MEGERE DEL #METOO, LE ARRAFFONE DELLE MOLESTIE - NEL REGNO UNITO UN GRUPPO DI ATTRICI FONDA UN'AGENZIA PER MONITORARE LE VIOLENZE SESSUALI SUL SET, VISTO CHE (SECONDO LORO) IL MOVIMENTO #METOO NON HA CAMBIATO LE COSE - LE STAR PRETENDONO PURE CHE LE PIATTAFORME DI STREAMING, TEATRI ED EMITTENTI TELEVISIVE SI IMPEGNINO A VERSARE ALL’ORGANIZZAZIONE LO 0,1% DEI RISPETTIVI BILANCI – CHI SONO LE ATTRICI COINVOLTE: KEIRA KNIGHTLEY, EMERALD FENNELL, RUTH WILSON, NAOMIE HARRIS, CARA DELAVINGNE E…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Paola De Carolis per il "Corriere della Sera"

 

colette keira knightley colette keira knightley

Un ente indipendente cui rivolgersi per chiedere consigli, mediazioni e, in alcuni casi, assistenza in procedimenti legali contro il bullismo nel settore creativo: un gruppo di attrici britanniche, appoggiate da diversi colleghi maschi, si riunisce per una campagna che mira a creare e sostenere un garante per cinema, teatri, tv e piattaforme di streaming per sanare il settore.

 

Si tratta dei maggiori nomi del momento, da Keira Knightley, protagonista di «Anna Karenina», «La duchessa» ed «Espiazione», a Emerald Fennell, la Camilla di «The Crown» poi regista di «Saltburn», da Ruth Wilson a Naomie Harris, da Cara Delavingne a Carey Mulligan, recentemente candidata all’Oscar per «Maestro»: una lettera aperta per sottolineare che in un’industria che tutte amano «i casi di maltrattamenti e soprusi continuano ad abbondare».

 

emerald fennell emerald fennell

Per quanto il movimento #MeToo, nato sulla scia del caso di Harvey Weinstein, abbia portato maggiore attenzione al bisogno di rivoluzionare il trattamento di attrici e attori soprattutto laddove c’è una disparità di potere — attori giovani da una parte e produttori e registi affermati dall’altra — nella realtà l’ambiente cinematografico, televisivo e teatrale rimane problematico.

 

[…] Ogni attrice ha una sua storia: Wilson, ad esempio, aveva lasciato lo sceneggiato «The Affair» all’improvviso perché considerava eccessive le scene di nudo che le erano richieste ed era stanca degli apprezzamenti di un’assistente regista, «frasi che sarebbero state più adeguate nella bocca di un uomo negli anni 50».

 

«Non tutto si può risolvere con un unico intervento», spiegano. «Dato che il problema persiste crediamo che sia necessario studiare una serie di misure che possano portare a un cambiamento duraturo». Ecco allora la creazione della Creative Industry Independent Standards Authority (Ciisa): le attrici chiedono che piattaforme di streaming, teatri ed emittenti come Bbc , Itv , Sky e Channel 4 si impegnino a versare all’organizzazione lo 0,1% dei rispettivi bilanci.

ruth wilson ruth wilson

 

Che nonostante l’innegabile miglioramento continuino nel settore a verificarsi casi incresciosi è stato confermato da un sondaggio di Bectu, il sindacato dei lavoratori televisivi, secondo il quale il 92% degli interpellati è stato coinvolto in casi di bullismo o abuso di potere.

 

Un ritrovamento «sconcertante», stando all’ente, che mostra che «ciò che è stato fatto per migliorare le condizioni di lavoro non basta»: stando al sondaggio, solo il 14% dei membri sostiene che le misure adottate dai datori di lavoro nei casi di molestie sessuali siano migliorate, mentre il 60% preferisce non denunciare i soprusi subiti per paura di danneggiare la propria carriera.

 

Se otterrà i fondi richiesti, la Ciisa dovrebbe entrare in funzione l’anno prossimo: sarà diretta da Jen Smith, dirigente specializzata in inclusione, uguaglianza e pari opportunità che ha in passato lavorato per il British Film Institute e altre organizzazioni culturali britanniche […]

cara delavingne cara delavingne sesso in the affair sesso in the affair sesso in the affair 4 sesso in the affair 4 keira knightley e eleanor tomlinson in colette keira knightley e eleanor tomlinson in colette

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…