FACILE PARAGONARE LA PREGHERINA DELLA D'URSO ALLA PREGHIERONA DEL PAPA, E LO FA ALDO GRASSO: ''LA RECITA SALVINI-D'URSO È SUONATA STONATA, INOPPORTUNA, ESIBIZIONISTICA. SE IL PONTEFICE HA SUSCITATO BRIVIDI ANCHE NEI NON CREDENTI'' QUEI DUE HANNO FATTO INCAZZARE PURE I CREDENTI, TANTO CHE È PARTITA UNA RACCOLTA FIRME CONTRO BARBARELLA (ARRIVATA A 234MILA SOTTOSCRITTORI)

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

1. RACCOLTA FIRME CONTRO BARBARA D'URSO

Da www.fanpage.it

 

BARBARA D URSO SALVINI ETERNO RIPOSO BARBARA D URSO SALVINI ETERNO RIPOSO

La preghiera di Barbara d'Urso e di Matteo Salvini a Live – Non è la d'Urso è destinata ad essere ricordata come uno dei momenti televisivi meno edificanti di sempre, o quantomeno del periodo di crisi che stiamo vivendo. Se non è un'opinione globale, è certamente quella condivisa dalle circa 230mila persone che nelle ultime ore hanno firmato una petizione su Change.org che chiede esplicitamente la chiusura dei programmi della conduttrice napoletana.

 

La petizione lanciata sul sito Change.org

La notizia della petizione rivolta ai vertici di Mediaset sta proprio nella risposta ampia avvenuta in un tempo molto breve. "Purtroppo sappiamo la caratura culturale dei suoi programmi – si legge nel testo che giustifica la raccolta firma – ma questa volta ha superato il limite invitando in diretta Salvini e PREGANDO in diretta insieme a lui. Ricordiamoci che l’Italia è un paese laico e che abbiamo i nostri luoghi di culto e sacerdoti. Questa operazione ha sfruttato ancora una volta il potere della religione sugli anziani, così da rafforzare la sua personalità e il suo programma, indegno culturalmente". Quindi arriva un'esplicita richiesta di cancellazione della trasmissione "dopo che per anni ha sfruttato lo spazio per avere sempre più potere fino a creare una ridicola esperienza religiosa in diretta, con un politico".

 

 

 

2- LA PREGHIERA DEI DEFUNTI IN TV, QUELLA RECITA CHE APPARE STONATA

Aldo Grasso per il “Corriere della Sera

 

Nel giro di pochi giorni la tv ci ha offerto due modi di concepire la preghiera.

Venerdì scorso, Papa Francesco ha pregato solo nella piazza vuota per implorare la fine della pandemia, facendosi interprete dei dolori del mondo e offrirli ai piedi della Croce. Sotto la pioggia, tutto era preghiera.

 

Domenica, a «Live. Non è la d' Urso» la conduttrice e Matteo Salvini hanno recitato «L' eterno riposo», la preghiera dei defunti, con una ostentazione quanto meno fuori luogo. Anche perché la preghiera richiede più cuore che lingua.

 

BARBARA D URSO SALVINI ETERNO RIPOSO BARBARA D URSO SALVINI ETERNO RIPOSO

Non è la prima volta che Salvini usa i simboli religiosi a scopi elettorali. E finora aveva usato il Coronavirus come una clava per stare sul palcoscenico, facendosi largo tra morti e tragedie. Se Papa Francesco ha suscitato brividi anche nei non credenti, la recita del duo d' Urso-Salvini è suonata stonata, inopportuna, esibizionistica.

 

Ne Il silenzio del corpo , Guido Ceronetti scrive: «La preghiera è una guarigione diceva Mohammad secondo Al-Bukhari. È profondo che abbia detto guarigione, ed è molto più esatto che guarisce. La preghiera non può guarire, ma è una guarigione; non dà la salute, è la salute». Che salute c' è in quella trasmissione, sempre così sguaiata e caravanserragliesca?

 

Non è certo questo il luogo per interrogarsi sul significato della preghiera, sappiamo solo che nella tradizione spirituale cristiana (cui la D' Urso dice di rifarsi), la preghiera è innanzitutto ascolto, bene espressa dalla supplica fatta dal giovane re Salomone che, in risposta all' invito rivoltogli da Dio di chiedergli qualunque cosa, dice: «Donami, Signore, un "lev shomea", un cuore capace di ascolto» (1Re 3,9).

 

«Ricorda Signore questi servi disobbedienti alle leggi del branco, non dimenticare il loro volto che dopo tanto sbandare è appena giusto che la fortuna li aiuti, come una svista, come un' anomalia, come una distrazione, come un dovere» (Fabrizio De Andrè, «Smisurata preghiera»).

 

 

3 - LA PREGHIERA DI SALVINI DALLA D'URSO FA INFURIARE I CREDENTI

selvaggia lucarelli vs aldo grasso 6 selvaggia lucarelli vs aldo grasso 6

Carmelo Lopapa per “la Repubblica

 

Dal talk show alla telepredica è un attimo, per il "teo-social" Matteo Salvini. Succede tutto in pochi istanti, domenica sera, nel salotto amico di "Live Non è la D' Urso" su Canale5. «Tolgo dieci, venti secondi alle mie parole per pensare ai diecimila italiani che sono morti e ci seguono da lassù: mi taccio e dedico un Eterno riposo», è la premessa del segretario leghista in collegamento video da casa. Non fa in tempo a finire di dirlo che la regina del format domenicale, dallo studio, è già con le mani giunte in preghiera: «Se vuoi, io lo posso recitare perché tanto tutte le sere dico il rosario, non me ne vergogno». E parte in tandem l' antica preghiera cristiana in memoria dei defunti.

 

BARBARA D URSO CON TRUCCATORE E PARRUCCHIERE BARBARA D URSO CON TRUCCATORE E PARRUCCHIERE

Pochi minuti e l' uscita televisiva diventa un caso, scatena le reazioni (in gran parte polemiche) sui social. Ancora ieri mattina l' hashtag #D'Urso era in cima alle tendenze Twitter con migliaia di commenti («Chiedo scusa ai morti», scrive Selvaggia Lucarelli, e tanti altri a seguire: «Abbiamo visto tutto», «squallido teatrino», «dovreste vergognarvi », oltre ai favorevoli).

 

Il mondo cattolico, quello più vicino alla Chiesa di Papa Francesco, prende le distanze dalla sortita. Solo l' ultima di una serie per il leader dell' opposizione, dal rosario in tasca, esibito in tv e nei comizi, al ringraziamento alla "Beata Vergine" via Twitter per la fiducia al decreto sicurezza bis, dalla cover della Madonna di Medjugorje sul telefonino fino all' affidamento dell' Italia al «cuore immacolato di Maria» nel comizio di chiusura delle Europee da Piazza Duomo. Chi conosce e frequenta il segretario parla di un' effettiva conversione di Salvini a una dimensione di fede, soprattutto "mariana".

 

In ogni caso, questa dell' Eterno riposo è una «inaccettabile strumentalizzazione, una ricerca di visibilità fuori luogo», commenta con l' Adnkronos don Antonio Rizzolo, direttore di Famiglia Cristiana . Così pure Giovanni D' Ercole, segretario della Commissione episcopale per le comunicazioni sociali: «Io ho cambiato canale». Il cattolico Graziano Delrio, capogruppo Pd, commenta quanto avvenuto con Repubblica citando i versetti di Matteo.

Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro

 

«Mi vengono in mente le parole del Vangelo che dicono: quando pregate, non siate simili agli ipocriti che amano pregare stando ritti nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze per essere visti dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa ».

 

Barbara D' Urso festeggia su Instagram la sua: «3 milioni di spettatori e il 22 per cento di share», altro che polemiche. Provocatorio Vittorio Sgarbi: «Non critico il cristiano Salvini che recita l' Eterno riposo, ma il Papa prega in una piazza vuota ». Per la Bestia social leghista obiettivo comunque centrato: si è parlato ancora di lui, anche in piena emergenza.

 

 

Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro Papa Francesco da solo in Piazza San Pietro

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELL'ITALIA MORENTE – DOPO AVER PERSO IL BIGLIETTO DELLA LOTTERIA PER MANIFESTA ARROGANZA, NON AVENDO PIU' UNA CAZZO DI QUERELA DA FARE, RENZI SCRIVE (SI FA PER DIRE) UN LIBRO DI FOSFORESCENTE INUTILITA' E LO PRESENTA PURE ALLA GALLERIA BORGHESE – TRA UN TRULLALERO E UN TRALLALA', TRA LA BOSCHI CAMUFFATA DA PRATO E NOBILI CON LA MASCHERINA DELLA ROMA, IL SENATORE SEMPLICIOTTO DI RIGNANO HA SPARATO UN PAIO DI CAZZATE: “QUELLA DI DAVIGO È UNA BESTIALITÀ GIURIDICA. AUTOSTRADE? SI È FATTO PRIMA A FARE IL PONTE CHE A FARE LA REVOCA. SI VOTA NEL 2023, ALLORA MEGLIO METTERE MANO ALLE REGOLE” (INSOMMA, PER RIMANDARLO A GIOCARE A FLIPPER, TOCCA ASPETTARE TRE ANNI. 'NA TRAGEDIA) – VIDEO

viaggi

salute