FERMI TUTTI! SERINO ANNUNCIA CHE ROBERTO SAVIANO È SBARCATO SU TIK TOK. "E SI PRESENTA COME LO SCRITTORE CHE DA PIÙ DI 16 ANNI VIVE SOTTO SCORTA COME SE VIVERE SOTTO SCORTA FOSSE UN SURPLUS CHE I TIK TOKER POSSONO SUBITO AFFERRARE. IL “GIOVANE HOLDING”, CON IL SUO NUOVO ROMANZO DEDICATO A GIOVANNI FALCONE HA INAUGURATO ANCHE UNA NUOVA CORRENTE LETTERARIA: “I PROFESSIONISTI DELL’ANTI-LETTERATURA”. PERCHÉ NESSUN VERO SCRITTORE SI PRESENTEREBBE COSÌ: LA QUALITÀ DELLA SCRITTURA È PROPORZIONALE ALLA SCORTA CHE HAI? - VIDEO

-

Condividi questo articolo


SAVIANO SU TIK TOK

Gian Paolo Serino per Dagospia

 

roberto saviano roberto saviano

 

“Eccomi su Tik Tok. Allora mi presento. Sono Roberto Saviano e faccio lo scrittore. Da più di 16 anni vivo sotto scorta. Cioè vivo tra carabinieri, sotto scorta…”-

 

Inizia così il discorso inaugurale di Roberto Saviano che  è appena sbarcato su “Tik Tok” con un video che si apre proprio con queste parole, come se vivere sotto scorta fosse un surplus che i Tik Toker possono subito afferrare. Il “Giovane Holding”, che con il suo nuovo romanzo dedicato a Giovanni Falcone ha inaugurato anche una nuova corrente letteraria: “I professionisti dell’anti-letteratura”.

 

Perché nessun vero scrittore si presenterebbe così: la qualità della scrittura è proporzionale alla scorta che hai? Saviano mai come in questi giorni è più rintracciabile: poco sui giornali, che non stanno molto considerando la sua ultima fatica letteraria, è in ogni trasmissione televisiva. Luoghi sicuramenti “bonificati”

serino serino

 

Saviano scrive in un mondo decolorato: un mondo che da lui cerca un nuovo Pasolini stinto e slavato sotto scorta armata. In Pasolini la vita era una ruota di scorta da non usare mai perché allora la scorta della vita diventi tu.

SAVIANO SU TIK TOK SAVIANO SU TIK TOK

 

 

SAVIANO SU TIK TOK SAVIANO SU TIK TOK

 

roberto saviano roberto saviano

 

Condividi questo articolo

media e tv

“ANTONIONI E IL SUO NUDO PER “EROS”? NON LO RIMPIANGO, MA NON L’HO VISSUTO BENE” - LUISA RANIERI A “OGGI”: NON VOLEVO FARE LA BELLONA DI TURNO, CHE HA LA CARRIERA CHE DURA DUE ORE – DOPO IL MATRIMONIO CON IL COLLEGA LUCA ZINGARETTI, NON HA LAVORATO PER TRE ANNI: “ERA CENTO VOLTE PIÙ FAMOSO DI ME, AMATISSIMO. E SÌ, PER UN PO’ MI SI È FERMATA LA CARRIERA. VOGLIO PENSARE CHE SIA UN CASO, MA È MOLTO STRANO” – IN ITALIA IL SISTEMA E’ MASCHILE, PERO’ STA CAMBIANDO. LA MELONI PREMIER? SONO CONTENTA E PENSO CHE..."

politica

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO DAL PRESIDENTE DEL SENATO, IGNAZIO LA RUSSA: “NON È MIA ABITUDINE RIVOLGERMI ALL’AUTORITÀ GIUDIZIARIA NEANCHE DI FRONTE ALLE PIÙ INVEROSIMILI E OFFENSIVE BAGGIANATE DI QUOTIDIANI E RIVISTE. QUESTO ABITUALE MIO COMPORTAMENTO VACILLA PERÒ DI FRONTE A QUANTO SCRIVE OGGI DAGOSPIA. IL TENTATIVO DI ACCREDITARE, INVENTANDOLO DI SANA PIANTA, UN DISSIDIO INTERNO A FDI A MILANO PROPRIO DURANTE LA CAMPAGNA ELETTORALE REGIONALE COSTITUISCE UN INGIUSTO DANNO ARBITRARIAMENTE CAGIONATO ANCOR PIÙ CHE A ME AL PARTITO FDI….”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute