IL FILM SU DONALD TRUMP? PEGGIO DEL PLUTONIO! – A DUE SETTIMANE DALLA PRESENTAZIONE AL FESTIVAL DI CANNES, “THE APPRENTICE”, IL BIOPIC SU “THE DONALD”, NON HA ANCORA TROVATO UN DISTRIBUTORE IN AMERICA – L’EX PRESIDENTE AVEVA MINACCIATO DI FARE CAUSA ALLA CASA DI PRODUZIONE DELLA PELLICOLA PER UNA SEQUENZA CHE MOSTRA IL TYCOON CHE STUPRA L’EX MOGLIE IVANA – IL FILM, CHE IN ITALIA È GIÀ STATO VENDUTO E SARÀ DISTRIBUITO DA “BIM FILM”, RISCHIA DI FARE LA FINE DI "LORO", IL BIOPIC DI SILVIO BERLUSCONI BY SORRENTINO, CHE...

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell’articolo di Chiara Ugolini per www.repubblica.it

 

the apprentice 4 the apprentice 4

Sembra un paradosso. Il film americano sul giovane Donald Trump non ha ancora trovato un distributore a due settimane dalla presentazione al festival di Cannes dove era in concorso. In Italia invece The apprentice (l’apprendista) di Ali Abbasi è già stato venduto e sarà distribuito da Bim Film nella prossima stagione.

 

Chi ha paura dell’ex presidente, […]? È la domanda che si pone Variety. Che sostiene che “ci sono diversi potenziali acquirenti tra i distributori cinematografici in sala e le piattaforme e che nuove offerte continuano ad arrivare però nessun contratto è stato chiuso” e sembra che nessuna grande compagnia di distribuzione si stia concretamente impegnando.

 

the apprentice 1 the apprentice 1

Il film del regista iraniano (Border, Holy spider) è un biopic che racconta l’ascesa del futuro presidente quando era ancora un giovane imprenditore emergente, schiacciato dalla figura di un padre opprimente e un fratello tormentato. Incarnato dal talentuoso e camaleontico Sebastian […]  il giovane Trump è un arrivista senza scrupoli, istruito da un avvocato ugualmente spregiudicato, Roy Cohn (interpretato da un sempre magistrale Jeremy Strong – Succession). Il film segue il percorso del giovane imprenditore nella New York degli anni Ottanta dove mette in piedi il suo impero.

 

Nel film si racconta anche il rapporto con la prima moglie Ivana, conosciuta in un locale di New York, corteggiata insistentemente fino a strappargli un sì (previo contratto prematrimoniale), poi la relazione (dopo la nascita dei figli) che va in crisi, lui – che nel frattempo ha cominciato diete drastiche, interventi di riduzione dell’addome, trapianti di capelli – che dice di non essere più attratto da lei. Ivana che gli mostra un libro sul “punto G” e Trump che reagisce con una violenza sessuale

the apprentice the apprentice

 

 Al di là del resto, dell’immagine poco lusinghiera dell’uomo nei confronti dei familiari, degli amici e nemici, c’è questa sequenza che ha fatto infuriare il candidato alla Presidenza e minacciato di andare per le vie legale contro il film. La ricostruzione di quel momento è frutto di un racconto della stessa donna durante il processo del divorzio, salvo poi ritrattare. Abbasi su questa scena ha dichiarato: “Questa cosa è molto nota. Questo incidente, Ivana Trump lo ha descritto durante la deposizione, sotto giuramento. […]”.

the apprentice 2 the apprentice 2 SEBASTIAN STAN NEI PANNI DI DONALD TRUMP PER IL FILM THE APPRENTICE SEBASTIAN STAN NEI PANNI DI DONALD TRUMP PER IL FILM THE APPRENTICE SEBASTIAN STAN NEI PANNI DI DONALD TRUMP PER IL FILM THE APPRENTICE SEBASTIAN STAN NEI PANNI DI DONALD TRUMP PER IL FILM THE APPRENTICE the apprentice 3 the apprentice 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...