GNAM! GNAM! - TREMANO I RISTORATORI DI MEZZA ITALIA: QUEST’ANNO LA GUIDA MICHELIN CHIUDE PIÙ TARDI DEL SOLITO - I MALIGNI SOSTENGONO DA SEMPRE CHE LA GUIDA TRAGGA EVIDENTI SPUNTI DALLE PAGINE FRESCHE DEI CONCORRENTI ITALIANI GIÀ IN LIBRERIA -

Lady Coratella: Gastrofichetti assatanati, chef rampanti e vecchi cucinieri incazzati, lamentano in coro lo scarso numero di riconoscimenti concessi ai locali italiani; riflesso – bofonchiano – della secolare, malcelata, antipatia competitiva per noi, cugini casinari d’Oltralpe...

Condividi questo articolo


Lady Coratella per Dagospia

GUIDA MICHELIN GUIDA MICHELIN

 

Tremano i ristoratori di mezza Italia. Un uccellino isterico spiffera da settimane un cinguettio inquietante: quest’anno la Guida Michelin chiude più tardi del solito e i suoi ispettori si stanno ancora agitando su e giù lungo lo stivale per le ultime verifiche.

 

I maligni, in realtà, sostengono da sempre che la Rossa tragga linfa e nutrimento - evidenti spunti, diciamo - dalle pagine fresche dei concorrenti italiani già in libreria da qualche tempo.

 

GUIDA MICHELIN GUIDA MICHELIN

Nel corso degli ultimi anni il fiume in piena della critica enogastronomica autarchica si è ridotto ad un ruscello di montagna e La Guida de L’Espresso di Enzo Vizzari domina il campo in materia di ristoranti, inseguita a distanza dal Gambero Rosso che non ha mai superato il trauma della scomparsa del suo fondatore Stefano Bonilli. Il panorama fotografato dagli italiani è rimasto sostanzialmente stabile (ancora forte il Piemonte e sempre vispa la Campania).

GUIDA 2016 VINI ITALIA ESPRESSO GUIDA 2016 VINI ITALIA ESPRESSO

 

A questo punto l'attesa per l'uscita in ritardo della Guida Gommata si fa sempre più ansiosa e tutti gli chef dei ristoranti in campionato confidano nella propria ascesa, oppure sulla caduta rovinosa del vicino troppo bravo. I giudizi nella formula inventata a Parigi restano comunque molto sommari e le indicazioni sulle singole tavole fin troppo sinottiche, ma una stella conquistata o una persa possono ancora dare una mano alla popolarità e alla cassa di un locale, ovunque si trovi.

 

GUIDA MICHELIN GUIDA MICHELIN

Gastrofichetti assatanati - improvvisati critici su blog di ricette a base di dado Star - chef rampanti e vecchi cucinieri incazzati, lamentano in coro lo scarso numero di riconoscimenti concessi ai locali italiani; riflesso – bofonchiano – della secolare, malcelata, antipatia competitiva per noi, cugini casinari d’Oltralpe.

 

Ma c’è un altro elemento da ricordare nello scorrazzare dell’ultima ora degli ispettori Michelin: sono pochi, decisamente insufficienti. Si tratta di professionisti selezionati e chiamati ad un rigore raro, ma sempre una manciata restano e faticano a coprire il meglio applicando gli stessi standard e rispettando i tempi.

GUIDA GAMBERO ROSSO GUIDA GAMBERO ROSSO

 

Così, mentre chef di primo pelo e vecchi marpioni attendono nervosi la possibile convocazione in Nazionale, molti si chiedono quali logiche prevarranno nelle promozioni e nelle retrocessioni.

GUIDA MICHELIN GUIDA MICHELIN

 

L’anno passato, firmando la sua prima Rossa, Sergio Lovrinovich non ha toccato la parte alta della classifica consolidata nel tempo della scoppiettante direzione di Fausto Arrighi. Ha puntato, invece, sulla nomina di alcune prime stelline, nomine discusse – come sempre – per l’ascesa di tavole davvero fragili (immaginate una luce simile che rischiara un centro sociale?) e per le mancate chiamate nell’Olimpo della hit parade.

 

Ma questo è il gioco delle guide, un gioco al massacro al quale ogni critico degno di questo nome si rifiuta di partecipare.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

IL FALCO VOLA VIA PRIMA DI ESSERE ABBATTUTO - LE DIMISSIONI DI WEIDMANN DALLA BUNDESBANK SONO UN FREDDO CALCOLO POLITICO: CON LA COALIZIONE SEMAFORO E LA SCONFITTA DEI CRISTIANO DEMOCRATICI, HA CAPITO CHE L’ERA DEL RIGORISMO È FINITA ANCHE IN GERMANIA. HA PREFERITO LASCIARE PRIMA DI ENTRARE IN ROTTA DI COLLISIONE CON IL GOVERNO SCHOLZ - IL MANCATO APPOGGIO DELLA MERKEL SUL "QUANTITATIVE EASING" E GLI EPICI SCONTRI CON DRAGHI: UNA VOLTA PARAGONÒ L'ALLORA PRESIDENTE DELLA BCE AL MEFISTOFELE DEL “FAUST”, CHE INDUCE L’IMPERATORE A STAMPARE CARTA MONETA…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute