INCASSI - CON I MASSACRI DI EL PASO E DAYTON NON CI POTEVA ESSERE WEEKEND PIÙ ADATTO PER L’ESORDIO DI “FAST & FURIOUS: HOBBS & SHAW” DI DAVID LEITCH, TRIONFO DEL MENAMOSE E DI ARMI DI OGNI TIPO - “ONCE UPON A TIME… IN HOLLYWOOD” DI TARANTINO INCASSA 20 MILIONI DI DOLLARI E UN TOTALE DI 78 MILIONI - IL FILM NON È ANCORA USCITO FUORI DAGLI USA MA GLI ESPERTI E LA SONY METTONO LE MANI AVANTI. CON UN BUDGET DA 90 MILIONI DI DOLLARI, PER DIVENTARE UN PROFITTO, DEVE ARRIVARE ALMENO A 400 MILIONI DI DOLLARI….

-

Condividi questo articolo

Marco Giusti per Dagospia

 

FAST & FURIOUS HOBBS & SHAW FAST & FURIOUS HOBBS & SHAW

Con i massacri di El Paso e Dayton non ci poteva essere weekend più adatto per l’esordio di Fast & Furious: Hobbs & Shaw di David Leitch, trionfo del menamose e della parata di armi di ogni tipo capitanata dal duo di pelatoni muscolosi Dwayne Johnson e Jason Statham che se la vedono con Idris Elba, sorta di robocop impazzito che vuole cambiare il mondo con fake news salviniane e virus per migliorare la razza. Un pasticcio, certo, anche ideologico.

 

FAST & FURIOUS HOBBS & SHAW FAST & FURIOUS HOBBS & SHAW

Ma un pasticcio che in America frutta 60 milioni di dollari in tre giorni e altri 120 milioni da tutto il resto del mondo. 8 dalla Russia, 7,6 dall’Inghilterra, 6,9 dal messico, 6,5 dal Giappone. Più che un sequel della saga degli automobilisti incazzati e superveloci è uno spin off ricchissimo, 200 milioni di dollari di budget, che mischia elementi di Mission Impossible e di James Bond in una commedia alla Bud&Terence anche divertente. Per l’occasione Dwayne Johnson alias The Rock, un uomo che cita indistintamente Nietzsche e Bruce Lee, si innamora della bella Vanessa Kirby, sorellina di Jason Statham nonché figlia, come il fratellino, di mamma Helen Mirren, e torna pure a casetta da mammà in quel di Samoa.

 

FAST & FURIOUS HOBBS & SHAW FAST & FURIOUS HOBBS & SHAW

Idris Elba non ci crede nemmeno un attimo a fare il cattivo, al punto che all’inizio del film deve proprio dircelo che è lui il bad guy. Le battute che si dicono i due protagonisti sembrano uscite da qualche film di Bruno Corbucci o dai repertori di Montagnani e Banfi. E’ un fumettone, si sa, ma costruito per un pubblico violento da centro commerciale che poi si può ritrovare una pallottola in testa uscendo dalla sala. Se Hobbs&Shaw stravince con 60 milioni di dollari, The Lion King è secondo con 38 milioni, un totale di 430 e un globale di un miliardo 195 milioni di dollari. Omce Upon a Time… in Hollywood di Quentin Tarantino è quindi terzo con 20 milioni di dollari e iun totale di 78 milioni.

 

 

ONCE UPON A TIME IN HOLLYWOOD ONCE UPON A TIME IN HOLLYWOOD

C’è stato un naturale calo del 51 % nella seconda settimana, e non è ancora uscito da nessuna altra parte del mondo. Ma già gli esperti e la Sony mettono le mani avanti. Con un budget da 90 milioni di dollari e quel cast, Leonardo Di Caprio-Brad Pitt, per diventare un profitto deve arrivare almeno a 400 milioni di dollari, cioè funzionare fino a tutto settembre e piacere parecchio negli altri mercati.

 

tarantino pitt tarantino pitt

Non è un film che possa permettersi il lusso di piacere solo ai fan di Tarantino e agli europei. La strada sarà lunga e non così facile. Non è un film di supereroi, né una saga, né un sequel di un grande successo. E’ un film originale di un regista di culto. Ma alla Sony aspettano i risultati. Intanto Hobbs&Shaw sta facendo sfracelli.

trailer once upon a time in hollywood 5 trailer once upon a time in hollywood 5 once upon a time in hollywood 7 once upon a time in hollywood 7 once upon a time in hollywood 8 once upon a time in hollywood 8 trailer once upon a time in hollywood 1 trailer once upon a time in hollywood 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

LE AUTOSTRADE ITALIANE SONO DIVENTATE SDRUCCIOLEVOLI. SE I BENETTON PIANGONO, I GAVIO NON RIDONO - PARE CHE IL FONDO ARDIAN, CHE HA INVESTITO IN MODO MASSICCIO NEL CONCESSIONARIO ITALIANO, STIA RICONSIDERANDO LE SUE PROSPETTIVE, ALLA LUCE DEI DANNI SUBITI ANCHE DALLA RETE GUIDATA DA RUBEGNI. CHE STROMBAZZAVA LE SUE MISURE DI SICUREZZA E 5 GIORNI DOPO ASSISTEVA AL CROLLO DI UN VIADOTTO SULLA SAVONA-TORINO - DOPO LE ELEZIONI SI CAPIRÀ L'ATTEGGIAMENTO DEL GOVERNO VERSO I CONCESSIONARI

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute