INNAMORATE DI UN BANCOMAT DAL VOLTO DISUMANO - SARA CROCE: ''HORMOZ VASVI MI TRATTAVA COME UNA REGINA. REGALI, VIAGGI. POI SI È RIVELATO ORRENDO. UNA VOLTA ERO INDISPOSTA E NON POTEVO ASSECONDARLO, MI TRATTÒ MALISSIMO. ORA L'HO DENUNCIATO PER STALKING DOPO I 450 MESSAGGI MANDATI A MIO ZIO IN CUI DICEVA…'' - LORY DEL SANTO: "MILIARDARI CHE CHIEDONO INDIETRO I REGALI? E' SUCCESSO ANCHE A ME - NON L'HO MAI RACCONTATO MA UNA VOLTA SONO STATA ABUSATA UNA INTERA NOTTE IN UNA STANZA DALL'ALBERGO. PICCHIATA E TORTURATA. NON HO DENUNCIATO, PERCHE'…''

Condividi questo articolo

 

 

sara croce 16 sara croce 16

 

1. «VASFI MI PORTAVA IN PALMO DI MANO PURE MAMMA CI È RIMASTA MALE»

Elvira Serra per il “Corriere della Sera

 

Vogliamo partire dall' inizio?

«Fine settembre 2019, cena dell' Amfar a Milano. Ero andata con un' amica e ci siamo trovate al suo tavolo».

Lui è il magnate iraniano Hormoz Vasfi.

«Quella sera mi chiese il numero di telefono e cominciò a corteggiarmi. Mi mandava l' autista sotto casa a Garlasco, mi diceva di uscire con le mie amiche e che avrebbe pagato lui il conto, mi incoraggiava ad andare a fare un massaggio con mia mamma. Mi spediva fiori, regali. Così per un mese. Poi siamo andati insieme a Dubai, dove non è successo niente. Al rientro è cominciata la nostra storia».

hormoz vasfi e sara croce hormoz vasfi e sara croce

 

Sembrava fosse amore e invece era un più modesto calesse: Vasfi, 56 anni, in un atto di citazione di 30 pagine accusa Sara Croce, 22, ex Madre Natura di Ciao Darwin ed ex Bonas di Avanti un altro! , di averlo truffato, dopo averlo indotto a «credere nel futuro della relazione instaurata».

 

Lei lo ha denunciato per stalking, dopo i 450 messaggi audio mandati su WhatsApp allo zio e alla madre in 25 giorni per denigrarla. Lui chiede indietro tutti i regali fatti (compresa una lavatrice donata alla «suocera» a Natale e le cialde del caffè), lei dice di aver reso già tutto (ma sua madre non intende restituire l' elettrodomestico, in quanto un dono). I due ex fidanzati si chiariranno in Tribunale.

Chiediamo a Sara come è stato possibile arrivare a tanto, nello studio milanese del suo legale Angelo Pariani.

 

sara croce 8 sara croce 8

A dicembre Vasfi affittò un appartamento in via San Marco per lei, per un anno. Diede centomila euro di anticipo.

«Non lo chiesi io, che peraltro potevo andarci solo nel weekend».

Per Capodanno siete volati a New York. Nel milione di euro che lui rivorrebbe indietro ci sono anche i costi di quel viaggio, in business class.

«Quel viaggio fu un incubo. Partimmo con altri amici. In quei giorni io ero indisposta e non potevo assecondarlo, lui mi trattò malissimo. Arrivò a gettare dalla finestra alcune mie cose, rischiando di colpire qualcuno dal 48° piano a Manhattan. Anticipai il rientro e me ne tornai in Italia da sola. Ci lasciammo, lui bloccò il mio contatto sul cellulare.

Però mi seccava chiudere così la storia, quindi più avanti lo ricontattai da un altro cellulare per chiarirci e lui tornò un uomo attento e premuroso».

 

Poi arriva il lockdown. Stavate ancora insieme?

«Diciamo di sì, ma in case separate. Se fossi stata calcolatrice, come mi vorrebbe far passare, sarei andata a casa sua e non nel bilocale senza balcone di mia madre in Trentino».

Finisce il lockdown. A giugno, per il compleanno, lui la porta a cena da Cracco e si dispiace molto perché lei non posta neanche una foto su Instagram ai suoi 765 mila follower. Questa lamentela è ricorrente con suo zio.

«Io non pubblicavo le nostre foto un po' perché non mi sentivo sicura e un po' perché non volevo che mio padre lo sapesse. I miei si sono separati quando ero piccola e lui non lo vedo molto».

 

Cosa le ha detto?

sara croce sara croce

«Che mi serva di lezione. E in effetti ho imparato: adesso sto molto più attenta a chi frequento».

 

Ha paura?

«Sono molto agitata, mi sento spiata, non sono più tranquilla. Ho la sensazione che qualcuno mi controlli. Da qualche mese ho iniziato un percorso per farmi aiutare».

 

Cosa le piaceva di Vasfi?

«Mi portava in palmo di mano, mi apriva la porta, si alzava quando entravo della stanza. È un uomo affascinante, parla cinque lingue, fa discorsi interessanti. Ma poi si è rivelato orrendo».

 

E sua madre cosa dice?

«Mamma è disoccupata, faceva la barista. All' inizio era felice che avessi incontrato un uomo che mi trattava così bene. Ha una mentalità aperta, la differenza di età non è mai stato un problema. C' è rimasta male, non si aspettava che lui si comportasse così, ed è molto preoccupata per quello che sto attraversando».

 

 

 

TAYLOR MEGA E HORMOZ VASFI TAYLOR MEGA E HORMOZ VASFI

2. LORY DEL SANTO AI LUNATICI DI RAI RADIO2: "MILIARDARI CHE UNA VOLTA FINITA UNA RELAZIONE CHEDONO INDIETRO I REGALI? E' SUCCESSO ANCHE A ME. - POI RACCONTA IL SUO DRAMMA: "SONO STATA ABUSATA UNA INTERA NOTTE IN UNA STANZA DALL'ALBERGO. PICCHIATA E TORTURATA ANCHE PSICOLOGICAMENTE. NON HO DENUNCIATO, PERCHE'…

Da I Lunatici Radio2 https://www.raiplayradio.it/programmi/ilunatici/

 

Lory Del Santo è intervenuta ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format "I Lunatici", condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, in diretta dal lunedì al venerdì notte da mezzanotte alle sei del mattino.

TAYLOR MEGA E HORMOZ VASFI TAYLOR MEGA E HORMOZ VASFI

 

Lory Del Santo ha raccontato come sta passando questo periodo: "Sto bene, ho fatto tutti i test, sono negativi. Dicono sempre che nella vita bisogna essere positivi per andare avanti, in questo caso è vero il contrario. Comunque, battute a parte, va tutto bene. Io rispetto le regole, ma non mi informo molto sulla situazione. Sono una solitaria, scelgo di frequentare poche persone, sono tranquilla,ma dal punto di vista economico si soffre tantissimo. Vedo il baratro. Se prima non si cade, comunque, è inutile allarmarsi. Sto pensando di ritirarmi, avevo pensato di andare in pensione, non si sa mai qual è l'età giusta per andare in pensione per i lavoratori dello spettacolo. Medito il ritiro, però quando mi chiamano non resisto. Lavorare per me è come una droga".

hormoz vasfi yvonne scio hormoz vasfi yvonne scio

 

Sui miliardari che una volta finita la loro relazione con una ragazza chiedono indietro i regali o i soldi che hanno speso per loro: "E' successo anche a me. Possono fare causa solo se hanno fatto un prestito e c'è un contratto dove si indica chi ha ricevuto dei soldi. Altrimenti i regali indietro non si chiedono. E' capitato anche a me. Un fidanzato mi aveva fatto un sacco di regali, a un certo punto ha detto che sono stata con lui solo per interessi e mi ha richiesto indietro tutto. Io sono stata così ingenua che gli ho ridato tutto. Tornassi indietro, non lo rifarei.

 

 Un uomo di una certa età come può far breccia su una giovincella molto appariscente? Il regalo è la via più breve per arrivare a ciò che si desidera, non si restituisce nulla. Un uomo provò proprio a comprami. Erano gli anni '90, una persona mi offrì 10 milioni al mese per fare la sua fidanzata. Io ho sempre lottato per avere qualcosa, nessuno mi ha mai davvero aiutato. Ci ho riflettuto, ma non ci sono riuscita. Non mi piaceva fisicamente, non mi ispirava intellettualmente. Oggi mi corteggiano tantissimi uomini giovani, tra i 25 e i 35 anni. Anche sono fidanzata, la schiera non diminuisce. Credo sia una questione di carattere, ispiro fiducia, sensualità e poi sono molto protettiva, metto le persone a loro agio".

hormoz vasfi con amanda cronin e dakota fanning hormoz vasfi con amanda cronin e dakota fanning

 

Lory Del Santo, poi, ha raccontato di aver subito una violenza: "Mi sono tenuta dentro questo segreto. Non ho denunciato perché avevo paura di subire vendette e ritorsioni. Non dico che è sbagliato denunciare, ci mancherebbe altro. Ma quando è capitato a me, ho preferito chiudermi tutto dentro, per paura di vendette. Per fortuna sono riuscita a fuggire sana e salva, anche se avevo la faccia gonfia. Bisogna denunciare quando si subiscono certe cose, io non ce l'ho fatta. Ogni caso ha la sua particolarità, non si può generalizzare. Questa persona era amico di una mia amica. Ci eravamo conosciuti al ristorante, si rideva, si scherzava, tu pensi sempre che se una persona ti viene presentata da qualcuno che conosci sia una persona perbene.

 

LORY DEL SANTO CON GEORGE HARRISON LORY DEL SANTO CON GEORGE HARRISON

 Lui mi disse che aveva dimenticato una cosa in hotel e mi invitò a salire. Io dissi di no, ma poi ha insistito. Mi ha pregato di accompagnarlo, mi ha detto che doveva prendere una cosa e fare una telefonata, mi ha detto che non voleva farmi aspettare, che poi saremmo andati a cena, che avremmo raggiunto i nostri amici. Ho sbagliato, non dovevo andare in quella stanza, mi sono fidata. Sembrava una persona carina, educata, mi è stata presentata da una amica. Mi sono fidata anche perché mi sentivo più sicura, pensando che mi trovavo in un albergo. L'incubo è durato tutta la notte, questa persona era pazza, mi ha picchiato, abusato, poi mi ha fatto fare il bagno con i petali di rose.

 

lory del santo lory del santo

Ho pensato che a un certo punto si sarebbe addormentato, così è stato. Appena ho visto che dormiva sono scappata. Lui se ne è accorto, mi ha rincorso, ma io sono scappata via verso l'uscita. Ho subito una violenza fisica e psicologica. I petali di rose, il profumo nell'acqua, era un pazzo: Immaginavo di scendere e trovarmelo davanti come nei film. Una volta uscita dall'albergo, invece, mi sono sentita libera. E' stata una cosa strana, era l'alba, ho deciso di non denunciare, di dimenticare".

 

Sul momento che stanno vivendo le donne: "Adesso secondo me siamo arrivate alla parità dei sessi, ma ci sono tante donne che usano il loro potere in maniera negativa verso gli uomini. Li trattano in un modo che non mi piace. Li usano e li gettano. Si sono rovesciati i ruoli. Non m piace come cosa. Bisogna sempre essere rispettosi verso il genere umano".

sara croce 19 sara croce 19 lory del santo (101) lory del santo (101) soraya e adnan khashoggi soraya e adnan khashoggi adnan khashoggi adnan khashoggi sara croce 25 sara croce 25 adnan khashoggi con la terza moglie shahpari azam zanganeh adnan khashoggi con la terza moglie shahpari azam zanganeh adnan khashoggi adnan khashoggi ljuba rizzoli adnan khashoggi copia ljuba rizzoli adnan khashoggi copia lory del santo lory del santo sara croce 24 sara croce 24 sara croce 8 sara croce 8 sara croce 11 sara croce 11 sara croce 22 sara croce 22 sara croce 20 sara croce 20 sara croce 10 sara croce 10 sara croce 9 sara croce 9 sara croce 1 sara croce 1 sara croce 17 sara croce 17 sara croce 11 sara croce 11 sara croce 12 sara croce 12 gianmarco fiory gianmarco fiory gianmarco fiory gianmarco fiory gianmarco fiory gianmarco fiory sara croce 17 sara croce 17 andrea damante sara croce andrea damante sara croce sara croce 9 sara croce 9 sara croce 5 sara croce 5 andrea damante sara croce andrea damante sara croce sara croce 8 sara croce 8 sara croce 15 sara croce 15 sara croce 26 sara croce 26 sara croce 17 sara croce 17 sara croce 3 sara croce 3 sara croce 18 sara croce 18 sara croce 21 sara croce 21

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

‘’MARADONA NON È MORTO, È SOLO ANDATO A GIOCARE IN TRASFERTA” – LA MORTE DEL GENIO DEL CALCIO HA COLPITO PAOLO SORRENTINO MENTRE STA GIRANDO A NAPOLI. “E' STATA LA MANO DI DIO” - A MARADONA SONO STATI DEDICATI NUMEROSI FILM DIRETTI DA REGISTI DIVERSI TRA LORO COME EMIR KUSTURICA, MARCO RISI,  ASIF KAPADIA – NERI PARENTI HA AVUTO L'ONORE DI DIRIGERE IL PIBE DE ORO IN UN CINEPANETTONE: TIFOSI (1999), IN CUI IL CAMPIONE INTERPRETA SE STESSO E SI FA RAPINARE DA NINO D'ANGELO

politica

CONTE È DAVVERO IN BILICO? NON FINCHÉ DURA IL COVID NON SARA’ PIATTO E VACCINATO - A FEBBRAIO, INVIATI I PIANI DEL RECOVERY FUND, CONTE SI TROVERÀ DAVANTI A UN BIVIO: O SI RICORDERÀ CHE È STATO MESSO DA DI MAIO A PALAZZO CHIGI PER MEDIARE TRA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, E NON PER FARE IL MONARCA ASSOLUTO, OPPURE TORNERÀ A FARE L'AVVOCATO – MATTARELLA CHIEDE IL NOME DEL SOSTITUTO DI CONTE MA NON C’E’ ACCORDO (DI MAIO ACCETTARE UN ISCRITTO PD). CERCASI UN ESPONENTE DELLA SOCIETA’ CIVILE O DEL ''DEEP STATE'' - IL PATTO BETTINI/GIANNI LETTA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute