“ALAIN ELKANN, UNO CHE SENTE I PROBLEMI REALI DEL PAESE" – SELVAGGIA LUCARELLI SFOTTE L’INTERVISTA VERGATA DA ALAIN ELKANN (SU “LA STAMPA”, DI CUI È EDITORE IL FIGLIO JOHN) ALL’ARCHITETTO SPECIALIZZATO IN ALBERGHI, FRANÇOIS-JOSEPH GRAF CHE SE LA PRENDE CON I TURISTI VESTITI MALE: “NON SI PUÒ CONTINUARE AD AVERE IL PERSONALE DI SERVIZIO IN GIACCHE DA SERA CON I CLIENTI IN PANTALONCINI E CIABATTE” (DOPO L'ARTICOLO SUI "LANZICHENECCHI" SUL TRENO PER FOGGIA, UN ALTRO PEZZO DI GRANDE GIORNALISMO) 

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell'articolod di Alain Elkann per "La Stampa"

 

ALAIN ELKANN ALAIN ELKANN

François-Joseph Graf è un architetto, designer di interni e decoratore, oltre che collezionista di arte e uomo di talenti eclettici, che ha appena aperto a Londra l’albergo At Sloane.

 

Come definirebbe il nuovo albergo?

«Lo scopo era quello di ricreare a Londra l’ambientazione di una vecchia casa vittoriana. L’edificio conteneva diversi appartamenti e non possedeva interni avvincenti. Le scale non erano a norma di sicurezza, ma prima di demolire tutto l’interno abbiamo misurato le cornici e le decorazioni, per riprodurle. Abbiamo tenuto soltanto la facciata, cinque piani interni sono spariti per venire ricostruiti con l’aggiunta di un sesto piano». [...]

 

ALAIN ELKANN ALAIN ELKANN

È vero che voleva bagni ancora più belli di quelli dell’hotel Claridge’s?

«Mi fermavo al Claridge’s da quando ero bambino, quando c’era un servizio sontuoso e una qualità incredibile. I bagni degli uomini erano i più belli al mondo, ma poi è stato distrutto e restaurato in una maniera inaccettabile, perciò mi sono trasferito al The Connaught, incantevole e delizioso, in una posizione unica. I bagni di At Sloane sono un omaggio a quelli del Claridge’s». [...]

 

Qual è la differenza con La Mirande, l’albergo che ha progettato ad Avignone?

«Sono tornato a La Mirande dopo 35 anni dall’inaugurazione, per dare una rinfrescata e fare qualche camera nuova. Era il mio primo albergo, con una facciata Luigi XIV, sontuosa e pomposa, in una posizione meravigliosa accanto al palazzo papale. Alla vigilia della Prima guerra mondiale l’interno era stato rifatto in stile neogotico, ed era molto cupo, tutto dipinto di nero. Assieme al mio cliente avevamo deciso di rileggere la storia all’indietro e di far respirare agli interni la stessa atmosfera della facciata. Oggi è un po’ sbiadito, ma incantevole e ancora molto bello». [...]

François-Joseph Graf François-Joseph Graf

 

Lei capisce bene gli spazi, come funziona questa percezione?

«Sono molto attratto dallo scheletro, dalla forma della stanza. È come il taglio di una giacca, la stanza deve avere delle belle proporzioni. Poi, ricostruisco tutto l’interno: le decorazioni, la boiserie, i pannelli, gli stucchi, i pavimenti. I colori possono essere completamente diversi, come la scelta delle tappezzerie, i quadri e i mobili».

 

Lei vive a Parigi, ma viaggia molto?

«Ho viaggiato con mio figlio in tutta l’Asia, più di 100 volte in India, 25 volte in Cina, Giappone, Medio Oriente, Iran, Pakistan, Afghanistan, tantissimi posti meravigliosi e interessanti. Per avere uno sguardo nuovo, per trovare nuove proporzioni, nuovi disegni e profumi, bisogna viaggiare». [...]

 

ARTICOLO DI ALAIN ELKANN CONTRO I GIOVANI LANZICHENECCHI ARTICOLO DI ALAIN ELKANN CONTRO I GIOVANI LANZICHENECCHI

Ha dei progetti cui tiene particolarmente?

«Il prossimo. Quello che sto per sfornare è sempre il migliore».

 

E qual è?

«Un grande albergo a Monte Carlo, e una proprietà enorme nel Sud della Francia. Poi una grande casa a Marrakesh e qualcosa di avvincente nel Qatar. Nel frattempo sto aiutando il Musée d’Orsay a creare le nuove sale di Napoleone III». [...]

 

Qual è il suo albergo preferito di Parigi?

MEME SU ALAIN ELKANN E LA SUA INTEMERATA CONTRO I RAGAZZI LANZICHENECCHI MEME SU ALAIN ELKANN E LA SUA INTEMERATA CONTRO I RAGAZZI LANZICHENECCHI

«[...] Gli altri grandi alberghi palaziali dovrebbero dedicarsi meglio al proprio restauro, e sapersi adattare al XXI secolo. Non si può continuare ad avere il personale di servizio in giacche da sera con i clienti in pantaloncini e ciabatte. Questi grandi palazzi erano stati costruiti per delle famiglie, per una qualità della vita oggi completamente scomparsa. Oggi devono ricreare una nuova storia dei grandi alberghi».

 

La qualità del servizio è altrettanto importante?

«Certamente. I migliori al mondo sono l’Hotel du Cap-Eden-Roc di Antibes, il Royal Mansour Marrakesh, e alcuni Aman nell’Asia Orientale, e il Bristol di Parigi. Dopo, si cambia musica».

ALAIN ELKANN ALAIN ELKANN CAVIALE DEL TRAMONTO - MEME SU ALAIN ELKANN CAVIALE DEL TRAMONTO - MEME SU ALAIN ELKANN alain elkann carmen llera alain elkann carmen llera alain elkann con il libro alain elkann con il libro François-Joseph Graf François-Joseph Graf alain elkann alain elkann ALAIN ELKANN - VIGNETTA BY VUKIC ALAIN ELKANN - VIGNETTA BY VUKIC

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP