“CACCIARE IL DIRETTORE DEL MUSEO EGIZIO DI TORINO CHRISTIAN GRECO? UNA POLEMICA ASSURDA” – LO STORICO DI DESTRA GIORDANO BRUNO GUERRI – “IL VICESEGRETARIO LEGHISTA CRIPPA HA DETTO UNA SCIOCCHEZZA, IL CARROCCIO SBAGLIA. UNA PUNIZIONE NEI CONFRONTI DI GRECO PER GLI SCONTI AI VISITATORI MUSULMANI? MI VIENE DA RIDERE, È STATA UN’IDEA GIUSTA. IO HO PREVISTO L’INGRESSO GRATUITO AL VITTORIALE PER I RESIDENTI DI GARDONE RIVIERA, MENTRE QUELLI DELLA VICINA SALÒ PAGANO. LI HO DISCRIMINATI?”

-

Condividi questo articolo


Niccolò Caratelli per lastampa.it - Estratti

 

giordano bruno guerri giordano bruno guerri

Quella sul direttore del Museo Egizio di Torino, Christian Greco, «è una polemica assurda, che danneggia solo chi l’ha creata». Giordano Bruno Guerri, storico, da 15 anni presidente della Fondazione Vittoriale degli italiani (la casa di Gabriele D’Annunzio a Gardone Riviera), non si capacita di come si possa «mettere in discussione un professionista come Greco».

 

La parte dell’intellettuale di destra, come spesso viene etichettato (era finito anche nel totoministri del governo Meloni per la Cultura) gli sta stretta: «Sono stato confermato al Vittoriale per quattro volte, con governi di centrodestra e di centrosinistra – dice – a pesare devono essere solo i risultati del nostro lavoro».

 

Vale anche per Greco, giusto?

Giordano Bruno Guerri Giordano Bruno Guerri

«Certo, non lo conosco personalmente, ma ho visitato il Museo Egizio prima e dopo il suo arrivo: i risultati che ha ottenuto dal punto di vista scientifico, culturale ed economico, anche guardando alla crescita dei visitatori, sono indiscutibili. Non posso che stimarlo professionalmente come direttore».

Lei conosce bene, invece, Maurizio Marrone, l’assessore regionale di FdI che non riconfermerebbe Greco nel suo ruolo perché «ci sono figure più qualificate di lui».

«Sì, conosco Marrone, abbiamo partecipato a diversi eventi e convegni insieme. Credo sia un bravo politico, ma credo anche che, in questo caso, abbia sbagliato. Ci sarà in giro qualcuno meglio di Greco? Può anche darsi, ma vai a trovarlo…».

 

giorgia meloni christian greco giorgia meloni christian greco

È stata una dichiarazione ispirata da ragioni politiche?

«Se così fosse, sarebbe un errore clamoroso. Mi pare un’operazione più di livello locale, dettata dalla volontà di occupare poltrone sul territorio».

 

Però la polemica è diventata nazionale, le accuse del vicesegretario della Lega Crippa sono molto pesanti, no?

«Guardi, Crippa ha detto una sciocchezza, come a volte fanno i politici. Penso che, alla fine, quello che ne uscirà peggio sarà proprio lui e il suo partito».

Greco «razzista contro gli italiani» per aver previsto sconti sul biglietto per i visitatori musulmani?

crippa salvini crippa salvini

«L’idea di punirlo per questo mi sembra incredibile. Tra l’altro, quella è stata un’operazione tutt’altro che sbagliata, sia dal punto di vista culturale che economico. Mi viene da ridere: io ho previsto l’ingresso gratuito al Vittoriale per i residenti di Gardone Riviera, mentre quelli della vicina Salò, ad esempio, pagano. Li ho discriminati? ».

 

 

(...)

Anche Greco?

Lui resterà al suo posto, glielo assicuro. Questa polemica è una fiammata che si spegnerà velocemente. Ho visto che da Fratelli d’Italia hanno già preso posizioni più morbide e anche i leghisti capiranno di aver preso un abbaglio».

CHRISTIAN GRECO CHRISTIAN GRECO Matteo Salvini e la lega contro il direttore del museo egizio di torino - vignetta by vukic Matteo Salvini e la lega contro il direttore del museo egizio di torino - vignetta by vukic Christian Greco - direttore del museo egizio Christian Greco - direttore del museo egizio

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

DAGOREPORT - PER LE EUROPEE, LA ZELIG DI COLLE OPPIO HA GIÀ PRONTO UN PIANO PER AVERE LA MOGLIE DROGATA E LA SIRINGA PIENA: LASCIARE LIBERTÀ DI VOTO AGLI ULTRÀ DI ECR, GLI SPAGNOLI DI VOX E I POLACCHI DEL PIS, COSÌ SARÀ LIBERA DI TRASFORMARSI IN DEMOCRISTIANA E VOTARE PER LA “MAGGIORANZA URSULA” O PER LA NUOVA ARRIVATA ROBERTA METSOLA - CONTATI I VOTI (I FRATELLINI D’ITALIA SONO CERTI CHE SALVINI PRENDERÀ UNA BRUTTA BOTTA), LA MELONI SI RIMBOCCHERÀ LE MANICHE PER UN RIMPASTO DI GOVERNO: I PAPABILI A GIRARE I TACCHI SONO SANGIULIANO, ZANGRILLO E SANTANCHÉ (GIÀ SPINTA DA ARIANNA A DIMETTERSI DA COORDINATRICE FDI IN LOMBARDIA) - PER QUANTO RIGUARDA IGNAZIO LA RUSSA, LA DUCETTA SE LO TIENE FINCHE’ PUO’…

DAGOREPORT – ZELENSKY, T’HANNO RIMASTO SOLO: L’EX COMICO, CHE SI È AVVITATO SU UNA POSIZIONE DI TOTALE INTRANSIGENZA AI NEGOZIATI CON PUTIN, DEVE FARE I CONTI NON SOLO CON LA CHIUSURA DEI RUBINETTI DEGLI AIUTI DA PARTE DEGLI USA, MA ANCHE CON L’OPPOSIZIONE INTERNA. GLI UCRAINI SONO STANCHI DELLA GUERRA, COME DIMOSTRANO LE ACCUSE DEL SINDACO DI KIEV, VITALY KLITSCHKO – DI FRONTE AL FLOP DELLA CONTROFFENSIVA, INVECE DI TRATTARE CON PUTIN, ZELENSKY HA RISPOSTO CON LE PURGHE – BIDEN VUOLE LA PACE PRIMA DELLE ELEZIONI NEGLI USA: PER ASSENZA DI ALTERNATIVE, SI ARRIVERA' ALLA CESSIONE AI RUSSI DI CRIMEA E PARTE DEL DONBASS…