“IN COPPIA ERO UN PO’ PAZZERELLA, OGGI SONO FELICEMENTE SINGLE” – AMORI E BOLLORI DI IRENE GRANDI: “SECOLI FA POTEVO ESSERE CONSIDERATA UNA STREGA. NELLA MIA VITA HO COLLEZIONATO TANTI BUCHI NELL’ACQUA DAL PUNTO DI VISTA SENTIMENTALE” (HA DIVORZIATO DUE VOLTE, NDR) – “IL MIO UOMO IDEALE? VASCO. FORSE LUI NON MI VEDE IDEALE, PERCHÉ TROPPO LIBERA E BIRBONA. POTEVA NASCERE QUALCOSA DI PIÙ INTIMO TRA NOI? "NOOO…”

-

Condividi questo articolo


Renato Franco per corriere.it - Estratti

 

È fiera di sé?

irene grandi irene grandi

«Sono fiera del mio percorso, delle mie scelte, sono uscita spesso dalla comfort zone per battere strade sperimentali, a volte bizzarre per chi mi guardava da fuori. Ho scelto un cammino di evoluzione piuttosto che di ricerca del successo a ogni costo, intessuto di scelte non scontate — negli stili musicali, nelle collaborazioni —, dettate da un sentimento artistico più che strategico». Irene Grandi pubblica venerdì il suo nuovo singolo, Fiera di me, con cui anticipa il tour autunnale e l’album omonimo per celebrare i suoi trent’anni di carriera.

 

(...)

Di cosa invece non è andata fiera?

«Ho dedicato tanto della mia vita alla mia professione, alla mia identità di cantante. Nella mia vita personale però non ho messo tutto l’amore che ho profuso nel mio lavoro, ho collezionato tanti buchi nell’acqua dal punto di vista sentimentale (ha divorziato due volte, ndr). Oggi sono single e sono felice: nella relazione con me stessa e le altre donne mi sento forte, nella relazione di coppia invece sono stata più discontinua e pazzerella».

 

Trent’anni di carriera, tempo di bilanci: sperava di più?

irene grandi irene grandi

«Il risultato non dipende sempre da noi, le nostre azioni devono essere giuste per noi e in questo senso mi sento a posto a posto con me stessa: guardo molto più al percorso che alla meta».

 

Ha partecipato sei volte al Festival di Sanremo. Quello del cuore?

«Quello del 2000, con La tua ragazza sempre (arrivò seconda, ndr), è una canzone che è la mia carta d’identità, la prima collaborazione con Vasco, c’è dentro tanto di me. Anche il 2009 ce l’ho nel cuore: La cometa di Halley è un dei brani che mi piace di più del mio repertorio».

 

L’edizione più infelice?

«L’ultima, nel 2020. La settimana dopo siamo stati tutti rinchiusi per il Covid, è stato uno stravolgimento nella mia vita e in quella di tutti».

 

vasco irene grandi 44 vasco irene grandi 44

Si è definita «cattiva ragazza».

«Ogni tanto penso che forse una persona come me secoli fa poteva essere considerata una strega. Sono una donna che vuole essere indipendente, diversa, che vuole esprimere la sua unicità. Un tempo le donne venivano perseguitate per questo e oggi in alcune parti del mondo succede ancora».

 

Un lungo sodalizio e tante collaborazioni con Vasco significano tanta sintonia tra di voi. Cosa la colpisce di lui?

«Con poche frasi riesce a esprimere qualcosa che fa riflettere, sa colpire nel segno e darti un messaggio, di positività, di coraggio».

 

irene grandi 25 irene grandi 25

E c’è qualcosa che la snerva?

«Niente, giuro. Amo tutto di Vasco, mi piace così com’è, è l’uomo ideale. Forse lui non mi vede ideale, perché troppo libera e birbona come donna».

 

Dice che è «l’uomo ideale». Oltre alla vicinanza artistica c’è stato un momento in cui poteva nascere qualcosa di più intimo?

«Nooo, non ci è neanche passato per la testa, non mi è mai venuto in mente. Credo che anche lui abbia messo il pubblico piuttosto che il privato davanti a tutto, come ho fatto io».

irene grandi pino daniele irene grandi pino daniele irene grandi 13 irene grandi 13 irene grandi 12 irene grandi 12 irene grandi bollani irene grandi bollani

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)