PER UNA “ELLE” DI TROPPO L'IMPRENDITORE MASSIMO D'ALESSIO NON PAGHERÀ 14 MILIONI DI TASSE – L’ERRORE NELLE NOTIFICHE DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE: LE NOVE CARTELLE ESATTORIALI SONO STATE NOTIFICATE IN VIA RENATO BIROLLI 52, SULLA PRENESTINA, A ROMA, MENTRE IL DOMICILIO DOVE IL CONTRIBUENTE AVREBBE DOVUTO RICEVERE GLI ATTI È IN VIA CARLO PORZIO BIROLI 52 SULLA CASSIA – D’ALESSIO SI È RIVOLTO AI GIUDICI, CHE GLI HANNO DATO RAGIONE…

-

Condividi questo articolo


Giulio De Santis per roma.corriere.it - Estratti

 

 

VIA BIROLI ROMA VIA BIROLI ROMA

Una cartella esattoriale di 13milioni e 928mila euro per mancati versamenti Iva, secondo l’Agenzia delle Entrate Riscossione, andata in fumo per un errore di notifica dell’atto reiterato per oltre dieci anni, a partire dal 2007: una «L» invece di due nell'indirizzo giusto di residenza. È sostanzialmente questa la motivazione con cui la Corte di giustizia tributaria (in due gradi di giudizio) ha dichiarato la prescrizione del titolo esecutivo contestato a Massimo D’Alessio, assistito dagli avvocati Fabio Calò e Giuseppina Tenga.

 

Sulla Prenestina anziché sulla Cassia

Per la stessa ragione i giudici hanno dichiarato prescritte altre otto cartelle esattoriali dal valore complessivo di circa 160mila euro. Questo l’errore commesso: le nove cartelle sono state notificate in via Renato Birolli 52, sulla Prenestina, strada dedicata a un pittore dove - almeno fino a oggi - non ci sono case ma solo stabilimenti industriali, mentre il domicilio dove il contribuente avrebbe dovuto ricevere gli atti è, in realtà, via Carlo Porzio Biroli 52 dove si trova un residence abitato in prevalenza da stranieri, sulla Cassia. Questa strada è dedicata a un militare e partigiano morto durante la seconda guerra mondiale. In ogni modo, leggendo il nome degli indirizzi, a fare la differenza è stata quindi una «L» di troppo, che ha trasformato «Biroli» in «Birolli», malgrado il nome di battesimo diverso.

VIA BIROLLI ROMA VIA BIROLLI ROMA

 

Notificata all'indirizzo sbagliato

Il procedimento nasce il 10 maggio del 2022, quando l’Agenzia contesta a D’Alessio con intimazione di pagamento il saldo di 13milioni e 928 mila euro, somma derivante dall’assenza di versamento di 15 cartelle esattoriali e due accertamenti. D’Alessio cade dalle nuvole. È allora che scopre come il 19 luglio del 2007 gli sarebbe stata notificata la cartella di quasi 14milioni di euro. Dove? In via Renato Birolli 52. Ma lui lì non risiede.

 

Irreperibilità assoluta del contribuente

Non a caso, già allora, secondo quanto scritto in sentenza, viene rilevata l’irreperibilità assoluta del contribuente. Seguono un’iscrizione ipotecaria e due atti interruttivi. Tutti notificati in via Renato Birolli 52. Pertanto, «il tentativo di notifica sarebbe avvenuto in un indirizzo non corretto» scrivono i giudici. Conclude la Corte riguardo alla cartella principale: «La notifica (…) non si è mai perfezionata e (…) la pretesa (…) risulta prescritta essendo decorsi 10 anni dalla notifica della stessa».

 

E per quello che concerne le altre otto cartelle? «Risultano non notificate – scrive la corte - in quanto l’Ader le ha trasmesse all’indirizzo di Via Renato Birolli n. 52 (strada che si trova a Est di Roma) e non presso l’indirizzo di residenza di via Carlo Porzio Biroli n. 52 (Nord di Roma)».

 

(...)

tasse tasse

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…

DAGOREPORT - DOVE VA IL PD, SENZA LA BANANA DELLA LEADERSHIP? IL FALLIMENTO DI ELLY SCHLEIN È SOTTO GLI OCCHI DI TUTTI. GENTILONI È UNA “SAPONETTA” SCIVOLATA DA RUTELLI A RENZI, PRIVO DI PERSONALITÀ E DI CARISMA. QUALITÀ ASSENTI ANCHE NEL DNA DI FRANCESCHINI, ORLANDO E GUERINI, PER NON PARLARE DI BONACCINI, CHE HA LO STESSO APPEAL DI UNA POMPA DI BENZINA - ECCO PERCHÉ, IN TALE SCENARIO DI NANI E BALLERINI, SOSTENUTO DAI MAGHI DELL’ULIVO BAZOLI E PRODI, BEPPE SALA POTREBBE FARCELA A RAGGRUPPARE LA SINISTRA E IL CENTRO E GUIDARE LE ANIME DIVERSE E CONTRADDITTORIE DEL PD. NELLO STESSO TEMPO TROVARE, ESSENDO UN TIPINO PRAGMATICO, UN EQUILIBRIO CON L’EGO ESPANSO DI GIUSEPPE CONTE E SQUADERNARE COSÌ UNA VERA OPPOSIZIONE AL GOVERNO MELONI IN CUI SCHLEIN HA FALLITO