“HO AVUTO UN CANCRO, MI SONO OPERATA AD AGOSTO. ADESSO PORTO UNA PARRUCCA” -CONCITA DE GREGORIO PARLA PER LA PRIMA VOLTA DELLA SUA MALATTIA A “BELVE”: “QUANDO HANNO SCRITTO CHE MI SONO FATTA LO STESSO TAGLIO DI CAPELLI DI GIORGIA MELONI, SONO STATA SUL PUNTO DI CHIAMARE IL DIRETTORE, PERCHÉ PREFERIREI AVERE I MIEI CAPELLI" - SULLE RAGIONI DEL SUO SILENZIO CONFESSA: “VOLEVO EVITARE CHE TUTTI SI RIVOLGESSERO A ME CON ARIA DOLENTE” – "IL MOMENTO PIÙ BRUTTO? È STATO CAPIRE COME DIRLO AL PIÙ PICCOLO DEI MIEI FIGLI, CHE VIVE IN AUSTRALIA. IO VOLEVO FARLO DI PERSONA. MA…” - VIDEO

Condividi questo articolo


CONCITA DE GREGORIO A BELVE PARLA PER LA PRIMA VOLTA DELLA SUA MALATTIA

concita de gregorio a belve 1 concita de gregorio a belve 1

Concita De Gregorio si racconta con grande sincerità a Belve, parlando per la prima volta della sua malattia.

 

“Cosa ha pensato quando hanno scritto che si è fatta lo stesso taglio di capelli di Giorgia Meloni?” le chiede la Fagnani. Una domanda alla quale la giornalista risponde svelando: “Sono stata sul punto di chiamare il direttore, perché io preferirei avere i miei capelli, ma adesso porto una parrucca. ho avuto un anno impegnativo: ho avuto un cancro, mi sono operata ad agosto; ora faccio terapia tutti i giorni. ora ne parlo al passato perché ho tolto tutto, ma non si può mai parlare completamente al passato. diciamo però che siamo sulla buona strada”. E sulle ragioni del suo silenzio confessa: “Volevo evitare che tutti si rivolgessero a me con aria dolente chiedendomi come stai, perché quello è solo un pezzo della tua vita, non è tutta la tua vita”.

 

francesca fagnani 2 francesca fagnani 2

La Fagnani le chiede qual è stato il momento più brutto. E la De Gregorio racconta: “E’ stato capire come dirlo al più piccolo dei miei figli, che vive in Australia. Io volevo farlo di persona. ma a quel tempo facevo una terapia molto fitta. Ho convinto i medici che mi avrebbe fatto meglio vedere mio figlio che fare la terapia senza vederlo”.

 

Comunicato

 

Torna Belve, il programma ideato e condotto da Francesca Fagnani, finalmente in prima serata il martedì su Rai2. Un ciclo di puntate dedicate a donne (e uomini) indomabili, ambiziosi, forti, non necessariamente da amare, ma che non si potrà fare a meno di ascoltare.

concita de gregorio a belve 2 concita de gregorio a belve 2

 

Concita De Gregorio si racconta a Francesca Fagnani senza filtri, su lavoro e vita privata. Sugli anni alla direzione dell’Unità, la Fagnani ricorda che, in quanto direttrice, si è trovata a dover risarcire i danni per articoli firmati dai suoi giornalisti e giudicati diffamatori dalla magistratura. La Fagnani chiede quanto abbia pagato, e la De Gregorio: “Ho pagato moltissimo, sto ancora finendo”. La Fagnani insiste: Quanto? E la giornalista: “Ho sborsato, di tasca mia con il mio lavoro in questi dieci anni, più di due milioni di euro”.

 

concita de gregorio a belve 3 concita de gregorio a belve 3

Sul diverbio con il giornalista Alessandro Sallusti, reo di averla chiamata per nome e non per cognome come faceva con gli altri colleghi, la Fagnani le fa notare che lei ha una rubrica che si chiama Invece Concita… E la giornalista spiega: “E’ una questione di contesto e di consenso: io con i miei lettori stabilisco un rapporto confidenziale e dispongo del mio nome, perché voglio farlo. Però se non ti do il permesso di chiamarmi per nome…”. E continua: “E’ un metodo: con le donne usano soltanto il nome e mai il cognome; questa falsa confidenza ha un sotto testo, il non detto è derubricarti a una persona intima e non conferirti autorevolezza”.

 

concita de gregorio a belve 6 concita de gregorio a belve 6

Sulla sua vita privata e il rapporto di coppia, Concita De Gregorio spiega: “Io sarei per la libertà assoluta, se tutti fossero consapevoli che non esiste il possesso dell’altro sarebbe più semplice”. La Fagnani chiede se abbia vissuto in una coppia aperta e la giornalista risponde: “Noi siamo una coppia solidale, sono trent’anni che siamo insieme, ci vogliamo molto bene. In trent’anni le cose cambiano e tante cose succedono, ma io non posso governare il desiderio e il pensiero dell’altro”.

 

BELVE

Belve è prodotto da Rai-Direzione Intrattenimento Prime Time in collaborazione con Fremantle Italia. Ideato e condotto da Francesca Fagnani, e scritto da Fabio Pastrello, Antonio Pascale e Gabriele Paglino, per la regia di Duccio Forzano.

 

L’appuntamento con Belve è dal 21 febbraio tutti i martedì in prima serata su Rai2 per cinque puntate; sempre disponile on demand su RaiPlay.

 

 

Seguici su:

Facebook @Rai2ufficiale e @RaiPlay.it

concita de gregorio a belve concita de gregorio a belve

Twitter @RaiDue e @RaiPlay

Instagram @instarai2 e @raiplay_official

Tik Tok @raiplay

 

#BELVE #FRANCESCAFAGNANI

concita de gregorio a belve 4 concita de gregorio a belve 4 concita de gregorio a belve 8 concita de gregorio a belve 8 concita de gregorio a belve concita de gregorio a belve concita de gregorio a belve 5 concita de gregorio a belve 5

 

concita de gregorio a belve 4 concita de gregorio a belve 4 concita de gregorio a belve 2 concita de gregorio a belve 2 francesca fagnani. francesca fagnani. concita de gregorio a belve 5 concita de gregorio a belve 5 concita de gregorio a belve 9 concita de gregorio a belve 9

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA