“NOI SIAMO CONTRO L’IPOCRISIA. LE VELINE? IMPRESCINDIBILI, DETTANO IL CLIMA DA VARIETÀ” - ANTONIO RICCI PRESENTA LA NUOVA STAGIONE DI "STRISCIA LA NOTIZIA" DOPO LE POLEMICHE INNESCATE DALLA QUERELA DI CLAUDIO BAGLIONI PER IL LIBRO CONTRO DI LUI PUBBLICATO DA TG SATIRICO - IL CANTANTE VIENE ACCUSATO DI AVER COPIATO I TESTI DELLE SUE CANZONI: “È UNA VERGOGNA, BAGLIONI - COSÌ DEMOCRATICO, E MELENSO - QUERELA QUEL PACIOCCOSO DI GERRY SCOTTI; È UN SADISMO INAUDITO” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Renato Franco per il “Corriere della Sera”

 

antonio ricci 19 antonio ricci 19

Le veline hanno senso? «La domanda più profonda che tutti dovrebbero porsi è un'altra: ho senso io nella vita? Le veline sono delle ballerine, sono figure imprescindibili e provocatorie di Striscia la notizia; dettano il clima da varietà in un telegiornale come il nostro, lo differenziano dagli altri». Antonio Ricci difende la sua idea nata nel 1988; passati 34 anni, loro sono ancora lì (quest' anno Anastasia Ronca e Cosmary Fasanelli): «Finché se ne parla hanno senso».

antonio ricci 4 antonio ricci 4

 

Il via martedì (alle 20.35 su Canale 5) per evitare la partita dell'Italia, mentre la tornata elettorale inconsueta è benedetta da Ricci: «La grande fortuna di Striscia è iniziare in un giorno così, con la data del voto è andata benissimo, ho gufato in questo senso; abbiamo evitato tutti i problemi e le polemiche dei giorni precedenti, ci avrebbero attaccato per qualsiasi servizio per la par condicio. Così invece il buffet sarà molto ricco».

 

antonio ricci antonio ricci

I conduttori sono Alessandro Siani (per quattro settimane) e Luca Argentero (per una settimana, poi arriva Vanessa Incontrada): «Striscia è un ambiente familiare - spiega l'attore che con Doc ha fatto strage di ascolti -, sono quei posti che hai sempre visto fin da ragazzino, è come andare per la prima volta a New York dopo averla vista in tanti film, alla fine ti sembra di essere a casa tua. Quando sono arrivato qui ho sentito il peso della storia televisiva di questo programma che racconta l'Italia da 34 anni. Entrare a farne parte - e io sono solo lo zero di un milione - mi emoziona».

 

alessandro siani mister felicita alessandro siani mister felicita

Siani riflette con ironia: «Qui non c'è mai routine, si racconta l'Italia in tante sue sfaccettature, la cosa che più mi intriga è arrivare dopo la domenica delle elezioni, un momento cruciale per l'Italia, un weekend che ci può cambiare come è successo all'Inghilterra e all'Ungheria... Luca è il conduttore della porta accanto, le veline sono le ragazze della porta accanto. Io sono tra due porte, mi sento come Vespa a Porta a porta».

cristina marino luca argentero cristina marino luca argentero

 

Lo slogan è «La voce dell'intransigenza», «perché - spiega Ricci - questa è la missione di Striscia, essere contro l'ipocrisia, noi siamo tra chi non ci sta, noi vogliamo mettere dei paletti, vogliamo continuare a dire, parafrasando Vasco, che c'è chi dice no». Quanto a intransigenza, non si spegne invece la polemica sulla decisione di Baglioni di querelare anche Gerry Scotti per diffamazione.

 

vanessa incontrada vanessa incontrada

Colpa di Tutti poeti con Claudio, il libro che era disponibile sul sito della trasmissione, un libro che dimostrerebbe che Baglioni avrebbe attinto per i testi delle sue canzoni da poeti e scrittori come Pavese e Oscar Wilde. Ricci assume la faccia più sorniona di cui è capace, il tono è canzonatorio: «È una vergogna, Baglioni - così democratico, e melenso - querela quel pacioccoso di Gerry Scotti; è un sadismo inaudito. Non capisco poi perché non lo abbia fatto anche con Michelle Hunziker che era di fianco a Gerry e non si è dissociata. Non è forse questo concorso esterno in diffamazione? Poi Michelle è in astinenza, avrebbe bisogno di una copertina sui giornali... Ma noi siamo tranquilli, ribatteremo colpo su colpo, andremo avanti fino al Tribunale dei diritti dell'uomo».

claudio baglioni claudio baglioni claudio baglioni claudio baglioni

 

Condividi questo articolo

media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute