“LA QUARANTENA HA COLPITO IL MIO SETTORE MA MI HA DATO QUESTO DONO” – GIUSI BATTAGLIA, AKA ‘GIUSINA IN CUCINA’, ADDETTO STAMPA PER CINEMA E TV, SI È REINVENTATA FOOD VLOGGER PER IL CORONAVIRUS. E DISCOVERY LE HA AFFIDATO UN PROGRAMMA – “LO VIVO COME UN GIOCO, IL MIO LAVORO RESTA LA MIA PRIORITÀ. MA…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

Rita Vecchio per www.leggo.it

 

giusi battaglia giusina in cucina giusi battaglia giusina in cucina

C’è chi in quarantena non si abbatte. E anzi, trova il modo per realizzare il suo sogno. Giusi Battaglia, oramai chiamata da tutti Giusina, ha condotto il programma “Giusina in cucina - Gusto e tradizione palermitana” in due puntante one shot in onda il 2 maggio alle 15:45 su Food Network (Canale 33). Palermitana trapiantata a Milano, quarantatreenne ufficio stampa cinematografico, teatrale e televisivo, continua durante le settimane di clausura forzata a causa del Coronavirus le sue ricette (cosa che fa sui social per hobby oramai da anni). A vederle anche Gesualdo Vercio, Senior Programing Director Discovery Italia.

giusi battaglia giusina in cucina 2 giusi battaglia giusina in cucina 2

 

«Dobbiamo fare qualcosa. Un programma con le ricette palermitane, mi dice un pomeriggio di fine marzo. - racconta Giusi Battaglia - E io rispondo: bella idea! Ma non avevo capito che sarei stata io a condurre. Io faccio un altro lavoro e per me la cucina è e rimane solo un hobby». La sua cucina nell’hinterland milanese, due smartphone, quello di Giusina e quello del marito Sergio (ex cameraman) per riprendere, i due gemellini di 4 anni, Marco e Luca, che nel frattempo corrono per casa e il cane Nebbia che abbaia e i vicini che parlano. Nasce così, nell’intimità di casa e tra una call di lavoro e un’altra, il nuovo format: sei ricette della cucina siciliana, dalle arancine alla pasta con i broccoli “arriminati” alla cassata al forno.

 

giusi battaglia giusina in cucina 1 giusi battaglia giusina in cucina 1

Tutto vero, senza trucco e parrucco, senza luci e senza autori. «Il frutto di questo programma è tanto amore e passione. Senza alcuna velleità. La quarantena ha colpito il settore di cui mi occupo, i tour teatrali, la cinematografia e tutto lo spettacolo in generale. Ma mi ha dato un dono, questo. Non so se me lo merito, ma realizzo un sogno. Lo vivo come un gioco, però. Il mio lavoro resta la mia priorità. Insieme alla mia meravigliosa famiglia». 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

COSA ACCADDE QUELLA NOTTE – IL JAZZISTA MARCELLO ROSA SUONAVA AL RUGANTINO QUEL 5 NOVEMBRE DEL 1958, LA NOTTE CHE NACQUE LA DOLCE VITA - “ANITA EKBERG INIZIO' A BALLARE DA SOLA A PIEDI NUDI. MI SI AVVICINÒ UNA BRUNETTA BONAZZA E MI DISSE IN ROMANESCO: “‘SLACCIAME 'A GUEPIERE E ‘A SOTTANA, MO’ JE FACCIO VEDÈ IO A QUELLA’’-  IN PIENO PAROSSISMO, URLAVA: “DATEMI IL TAPPETO DI ALLAH!”, VOLEVA DIRE DATEMI GIACCHE E CAPPOTTI. E PARTI' LO SPOGLIARELLO. ERA LA BALLERINA TURCA AICHÈ NANÀ - TUTTI I MUSICISTI FURONO CONDANNATI A TRE ANNI CON LA CONDIZIONALE. CON I LORO STRUMENTI ECCITAVANO LA TURCA..."

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute