“RONCONE CONDIVIDE CON PARALDI LA NECESSITÀ ETICA DELLA CRONACA DI RACCONTARE TUTTA LA VERITÀ” – PASQUALE CHESSA RECENSISCE “IL POTERE DI UCCIDERE”, L’ULTIMO ROMANZO DI FABRIZIO RONCONE: “VICOLI CIECHI, NODI INESTRICABILI, CADENZE DI INGANNO SEGNANO I PERCORSI LABIRINTICI DEL PROTAGONISTA, MARCO PARALDI, ORA VINATTIERE UN TEMPO MITICO MAESTRO DI NERA QUANDO LAVORAVA A PAESE SERA, METAFISICO PROTAGONISTA DEL ROMANZO DI INTRIGHI POLITICI, RICATTI INDECENTI E STORIACCE CRIMINALI…"

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Pasquale Chessa per “il Messaggero”

 

FABRIZIO RONCONE FABRIZIO RONCONE

Al di là della intuizione fisiognomica, nell'invenzione romanzesca dei nomi e dei soprannomi c'è una verità subliminale che […] riflette le più intime verità della persona. Il Pigna è l'onorevole Pino Pignattaro, consapevole di essere un autentico «uomo di merda», un delinquentone che ha fatto carriera sulle ceneri di Mani Pulite. […] Picasso è un antiquario specializzato in «croste d'autore». […] L'Avvocato, un elegantone già «leggendario falsario della malavita romana», ormai in pensione.

 

[…] BlackBerry, un vero genio, è il miglior hacker di Roma. Per via della somiglianza, si chiama De Gregori il misterioso clochard che vede gli angeli. Il suo amico Ungaretti è un barbone che "abita" a ridosso delle antiche vestigia della Domus Aurea.

 

[…] Ci imbattiamo presto in Chicca, autentica principessa, amata sinceramente senza passare al fatto compiuto per paura di doverla sposare. Pericolo che non corre con la migliore amica dell'ignara Chicca, il suo nome è Agnese, organizzatrice di sontuose partouze.

 

pasquale chessa foto di bacco pasquale chessa foto di bacco

[…] Vicoli ciechi, nodi inestricabili, cadenze di inganno segnano i percorsi labirintici di Marco Paraldi, ora vinattiere un tempo mitico maestro di Nera quando lavorava a Paese Sera, metafisico protagonista del romanzo di intrighi politici, ricatti indecenti e storiacce criminali.

 

Il potere di uccidere è il titolo inventato per lui da un altro giornalista, lo scrittore Fabrizio Roncone, inviato del Corriere della Sera. Paraldi è un cronista disincantato che osserva il mondo dalla sua bottega di Campo dei Fiori. A mettere in moto la macchina narrativa (in una vigilia di Natale in cui si attende una storica nevicata) sarà Nazareno Balani, già tipografo nello stesso giornale, disperato per la scomparsa del figlio Max, di professione autista e factotum dell'onorevole Pignataro.

FABRIZIO RONCONE - IL POTERE DI UCCIDERE FABRIZIO RONCONE - IL POTERE DI UCCIDERE

 

Il personaggio Paraldi condivide con il suo autore il disprezzo per i malandrini corrotti che travestiti da moralisti hanno minato la credibilità della politica. E Roncone condivide con Paraldi la necessità etica della cronaca di raccontare tutta la verità. Paraldi vince la scommessa. Dopo le ultime righe, piace immaginare che Roncone sia riuscito a dare alla fascinosa principessina Chicca la carta vincente per sedurre carnalmente infine il tetragono Paraldi, alla fine eroicamente posseduto. Vincente sconfitto.

fabrizio roncone foto di bacco fabrizio roncone foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…