“SALVINI? L’ORA DEL COG*IONE PIGLIA A TUTTI” – A “L’ARIA CHE TIRA” UNO SCATENATO FELTRI TIRA BORDATE AL LEADER LEGHISTA, AL NUOVO GOVERNO (“RACCAPRICCIANTE”) E A DI MAIO (“PIU’ CHE AGLI ESTERI LO AVREI MANDATO ALL’ESTERO”) - POI SI SCAGLIA CONTRO ROMEO, CAPOGRUPPO DELLA LEGA AL SENATO: “QUESTO DICE CA**ATE” – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

Da www.ilfattoquotidiano.it

 

 “Questo governo è raccapricciante“. Sono le parole pronunciate a “L’Aria che Tira”, su La7, dal direttore editoriale di Libero, Vittorio Feltri, che, nel prendere in giro il neo-ministro degli Esteri Luigi Di Maio, inciampa in un errore, già commesso su Twitter, circa l’inesistenza del congiuntivo nella lingua inglese. In realtà, nella lingua inglese il congiuntivo è reso tramite il “subjunctive”.

VITTORIO FELTRI E MATTEO SALVINI VITTORIO FELTRI E MATTEO SALVINI

 

“Ci divertiremo – afferma il giornalista – perché la storia di Di Maio è esaltante. Piuttosto che agli Esteri l’avrei mandato all’estero, così ce lo toglievamo dalle scatole. Il vantaggio è che alla Farnesina si parla inglese, che non ha i congiuntivi, e lui almeno non avrà più il disturbo di doversi inventare i congiuntivi”.

 

Feltri non risparmia bordate neppure all’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Come dicono i toscani e gli emiliani, l’ora del coglione piglia tutti. Ecco, facendo cadere il governo gialloverde, Salvini è stato vittima dell’ora del coglione e ha combinato questo guaio, non c’è altra spiegazione”.

 

 

matteo salvini matteo salvini

Non ci sta Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato, che rinfaccia al direttore di Libero: “Sono tutti bravi a dare i consigli del giorno dopo, ma io, direttore, leggo il suo giornale e ricordo che per più di un anno ci ha detto continuamente: ‘Staccate la spina, è un governo-vergogna’“.

 

“Io mai – insorge Feltri – Non ho mai detto questo, anzi ho sempre scritto che ci sarebbe stato il pericolo di un governo di sinistra”.“Forse lei non l’avrà detto – ribadisce Romeo – però non c’era giorno in cui il suo giornale non dicesse alla Lega di staccare alla spina. E adesso, come sostiene Berlusconi, dite tutti che abbiamo favorito un governo di centrosinistra. Non è che si può dire il contrario di quello che si diceva il giorno prima”.

feltri salvini feltri salvini

“Ma cosa me ne frega a me di Berlusconi?“, ribatte il direttore di Libero, che poi richiama la conduttrice Myrta Merlino. E perde le staffe: “Questo dice cazzate“.

feltri romeo feltri romeo

 

“Il suo giornale lo leggo – ripete il senatore leghista – Tutti i titoli erano contro il governo gialloverde“.

“Ma cosa dice? Ricorda male! – replica Feltri – Lei non ricorda niente e non ha mai letto nulla. Avrà letto altri giornali”.

“Va bene”, risponde Romeo, sorridendo.

E il giornalista si infuria ancora di più: “Cos’è che ride e fa quei risolini lì? Lei dice delle cose false. Venga qua, così le faccio vedere le collezioni del mio giornale. Ma la smetta, per l’amor di Dio. Dice cazzate e falsità sul mio giornale”.

feltri salvini feltri salvini

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

"QUESTI SONO CAPACI DI FARMI FUORI, NON VOGLIO MORIRE" - IL DRAMMA DI SUSANNA, LA PROSTITUTA IN BICICLETTA SULLA SALARIA: “I MAGNACCIA SI SONO ROTTI IL CAZZO DI ME, MI HANNO FATTO CADERE CON LA BICICLETTA E ADESSO SONO TUTTA ROTTA - MI HANNO SPERONATO CON UNA MACCHINA, E ORA AL MIO POSTO SULLA SALARIA È PIENO DI RUMENE - PRIMA HANNO BRUCIATO LA MIA BARACCA, HANNO PROVATO AD AMMAZZARMI, FACCIO PAURA PERCHÉ TUTTI I CLIENTI VENGONO DA ME. QUANDO A UNA PUTTANA PIACE IL SESSO, LAVORA PIÙ DELLE ALTRE” - AUDIO

sport

cafonal

CAFONALINO DELL'ITALIA MORENTE – DOPO AVER PERSO IL BIGLIETTO DELLA LOTTERIA PER MANIFESTA ARROGANZA, NON AVENDO PIU' UNA CAZZO DI QUERELA DA FARE, RENZI SCRIVE (SI FA PER DIRE) UN LIBRO DI FOSFORESCENTE INUTILITA' E LO PRESENTA PURE ALLA GALLERIA BORGHESE – TRA UN TRULLALERO E UN TRALLALA', TRA LA BOSCHI CAMUFFATA DA PRATO E NOBILI CON LA MASCHERINA DELLA ROMA, IL SENATORE SEMPLICIOTTO DI RIGNANO HA SPARATO UN PAIO DI CAZZATE: “QUELLA DI DAVIGO È UNA BESTIALITÀ GIURIDICA. AUTOSTRADE? SI È FATTO PRIMA A FARE IL PONTE CHE A FARE LA REVOCA. SI VOTA NEL 2023, ALLORA MEGLIO METTERE MANO ALLE REGOLE” (INSOMMA, PER RIMANDARLO A GIOCARE A FLIPPER, TOCCA ASPETTARE TRE ANNI. 'NA TRAGEDIA) – VIDEO

viaggi

salute

CRI-SANTI SUBITO O PECCATORE? - IL ''SALVATORE DEL VENETO'' HA SUSCITATO LE LAMENTELE IMBARAZZATE DEI COLLEGHI VITTIME DEI SUOI ATTACCHI, E ALL'UNIVERSITÀ DI PADOVA PARE CHE MOLTI MICROBIOLOGI NON VOGLIANO PIÙ LAVORARE CON LUI - MENTRE IN OSPEDALE IL DIRETTORE GENERALE CHE LO ASSUNSE HA DAVANTI AGLI OCCHI IL REPORT CHE TESTIMONIA COME I FAMOSI KIT PER FARE TAMPONI CHE CRISANTI SI VANTÒ DI AVER PORTATO DALL’IMPERIAL COLLEGE DI LONDRA CONTRO ''LA BUROCRAZIA ITALIANA SORDA E DISTRATTA'', SI SONO RIVELATI INUTILI…