“SE È UNA GUERRA, CENSURATE I DATI SUI MORTI PER COVID CHE TERRORIZZANO LA POPOLAZIONE” - MASSIMO FINI: “DOVREBBERO VALERE LE LEGGI DI GUERRA IN QUESTO MOMENTO, TRA CUI IL DIRITTO ALLA CENSURA CHE DOVREBBE COLPIRE GLI SPECIALISTI CHE SOSTENGONO UNA LINEA DIVERSA DA QUELLA DEL GOVERNO. MA ANCHE QUESTA È UN'OPINIONE CHE POTREBBE CADERE SOTTO LA MANNAIA DELLA CENSURA...” - TRAVAGLIO LO RASSICURA: “NESSUNA CENSURA. NON CONDIVIDO (ALMENO IN PARTE), MA PUBBLICO”

-

Condividi questo articolo

Estratto dell’articolo di Massimo Fini per il “Fatto quotidiano”

 

MASSIMO FINI MASSIMO FINI

Siamo in guerra, si dice, contro il Covid-19. È proprio questo "stato di guerra" che ha reso possibile al governo, peraltro condizionato fortemente nelle sue scelte non solo nel campo medico ma anche, indirettamente, economico, quindi in un' area molto vasta, da un gruppo di tecnici (ma non si era sempre detto che un governo di tecnici o informato dai tecnici era il contrario della Democrazia? Mah) di calpestare una serie di diritti costituzionalmente garantiti a cominciare da quello della libera circolazione dei cittadini. Uno scempio che dovrebbe far ululare o perlomeno guaire gli idolatri della Costituzione.

 

travaglio conte travaglio conte

Ma siamo in guerra, è vero, e quindi sono legittime misure emergenziali e anticostituzionali. […] Siamo in guerra, dunque. Ma allora dovrebbero valere anche le leggi di guerra e i diritti di guerra. Uno dei più importanti è il diritto alla censura. E il primo ad autocensurarsi dovrebbe essere proprio il governo politico-tecnico. Non si capisce che senso abbia dare ogni giorno l'elenco dei morti per Covid se non quello di terrorizzare una popolazione già terrorizzata. […] La censura dovrebbe colpire epidemiologi, infettivologi, virologi e altri specialisti, chiamiamoli così, che sostengono una linea diversa da quella del governo o la mettono in dubbio, mandando così in ulteriore confusione i cittadini. In tempo di guerra questo si chiama "disfattismo" e i disfattisti finiscono in gattabuia. […] Ma naturalmente anche questa è un'opinione che potrebbe cadere sotto la mannaia della censura.

 

Risposta di Marco Travaglio

Caro Massimo, nessuna censura. Non condivido (almeno in parte), ma pubblico.

travaglio conte travaglio conte

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL DIVANO DEI GIUSTI – FATE PRESTO COL VACCINO: QUA NON SE NE PUÒ PIÙ DI RIVEDERE SEMPRE GLI STESSI FILM! CINE 34 CI RIPROPONE (ANCORA?) “LA VEDOVA INCONSOLABILE RINGRAZIA QUANTI LA CONSOLARONO”, SEGUITO DAL FORSE PIÙ RARO EROTICO PUGLIESE “CALORE IN PROVINCIA” – MA LA VERA PERLA DELLA NOTTE, UDITE UDITE, È IL FOLLE “PAGANINI” DI E CON KLAUS KINSKI, PERSONALISSIMO DELIRIO HERZOGHIANO SULLA VITA DEL GENIO IRREGOLARE. ANDREBBE VISTO ASSIEME AL BACKSTAGE INCREDIBILE PER CAPIRE LA PAZZIA DI KINSKI E LA VIOLENZA SULLE SUE ATTRICI… – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute