“SIAMO SCESI DALLA MACCHINA, ABBIAMO CHIESTO ALLA RAGAZZE SE STESSERO BENE. CI HANNO DETTO DI SÌ...” - DAVIDE ROSSI, FIGLIO DI VASCO, RACCONTA LA SUA VERSIONE DEI FATTI DOPO LA CONDANNA A UN ANNO E DIECI MESI DI RECLUSIONE PER AVER PROVOCATO UN INCIDENTE NEL 2016 E POI ESSERE FUGGITO NONOSTANTE CI FOSSERO DUE RAGAZZE FERITE – IL RUOLO DI VIRGINIE MARSAN, FIGLIA DI LISA MELIDONI, VEDOVA DI CARLO VANZINA…

-

Condividi questo articolo


Giulio De Santis per il “Corriere della Sera”

 

DAVIDE ROSSI E VASCO DAVIDE ROSSI E VASCO

Lesioni stradali gravi e omissione di soccorso. Sono le accuse per le quali Davide Rossi, figlio di Vasco, è stato condannato a un anno e dieci mesi di reclusione per aver provocato un incidente e poi essere fuggito nonostante ci fossero due ragazze ferite: il sinistro risale alla notte del 16 settembre del 2016 ed è avvenuto nel quartiere della Balduina, dove vive il figlio del Blasco.

 

Il pm aveva chiesto la condanna del 35enne a due anni e otto mesi di carcere. Il giudice ha disposto anche la revoca della patente nei confronti di Rossi junior, provvedimento che sarà esecutivo quando (eventualmente) la sentenza diventerà definitiva. «Penso di essere stato condannato perché mio padre è una persona in vista» è stata la sua reazione a caldo. E Vasco Rossi: «Sono convinto che Davide abbia detto la verità e ho fiducia nella magistratura». Il difensore di Davide Rossi, Carla Serra, ha sottolineato come «la sentenza non abbia tenuto conto delle risultanze probatorie. In ogni modo faremo appello».

DAVIDE ROSSI DAVIDE ROSSI

 

Oltre a Rossi, il tribunale ha condannato Simone Spadano, 36 anni, a nove mesi di reclusione per favoreggiamento perché avrebbe aiutato il 35enne a evitare le conseguenze del sinistro. Infine, con il dispositivo della sentenza il giudice ha disposto l'invio degli atti in Procura perché sia valutata la deposizione di Virginie Marsan, 36 anni, attrice, figlia della moglie del defunto regista Carlo Vanzina, Lisa Melidoni.

 

davide rossi davide rossi

Anche Marsan ha reso durante il processo una versione favorevole a Rossi e adesso il pm deve valutare se le sue parole integrino l'accusa di falsa testimonianza. La notte del 16 settembre di cinque anni fa Rossi, secondo l'accusa, è alla guida della sua Audi. In macchina con lui c'è solo Spadano. Il 35enne percorre via Elio Donato a velocità elevata. Al termine della strada c'è uno stop e pertanto dovrebbe fermarsi prima di immettersi in via Duccio Galimberti. Invece non rispetta il segnale e, quando imbocca la strada principale, urta la Fiat Punto condotta da Francesca Morelli. Accanto siede l'amica Rossella Nicoletti. L'impatto è molto violento.

 

virginie marsan virginie marsan

La prima, 29 anni, riporta un trauma al collo giudicato guaribile in 30 giorni. L'altra ragazza, 27 anni, la frattura di una costola. Dall'Audi, secondo l'accusa, scende Spadano: ha la patente scaduta ma si assume la responsabilità dell'incidente sostenendo di essere lui alla guida, come scrive nel modulo di contestazione amichevole. Intanto Davide Rossi si allontana, scompare. Qualcosa non torna alle giovani ragazze. Per loro alla guida dell'Audi c'era il figlio del cantante. Di conseguenza denunciano Rossi junior e Spadano. «Le due ragazze sono state risarcite», osserva l'avvocato Fabrizio Consiglio, difensore di Spadano. L'accusa a Virginie Marsan nasce invece dalla sua testimonianza a favore di Rossi durante il processo: «La sera dell'incidente ero nell'Audi, e a guidarla c'era il suo amico. Nessuno si era fatto male, per cui non è stata chiamata l'ambulanza. Dopo quella sera non ho più rivisto Davide».

 

Una versione non convincente per il giudice. E anche Davide Rossi aveva cercato di avvalorare il racconto della ragazza: «Siamo scesi dalla macchina, abbiamo chiesto loro se stessero bene. Ci hanno detto di sì e siamo andati via con la Marsan».

davide rossi davide rossi

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute