“UTENTI, FATE SENTIRE LA VOSTRA VOCE!” - IL CEO DI TIKTOK, SHOU ZI CHEW, CHIAMA GLI UTENTI AMERICANI ALLA MOBILITAZIONE DOPO CHE LA CAMERA DEI RAPPRESENTANTI HA APPROVATO UN DISEGNO DI LEGGE CHE COSTRINGE IL RAMO AMERICANO DELL'AZIENDA A RECIDERE I LEGAMI CON LA PROPRIETA’ CINESE O AD ESSERE BANDITA NEGLI STATI UNITI - IL DISEGNO DI LEGGE PASSA ORA AL VAGLIO DEL SENATO DOVE IL DESTINO È INCERTO, DATO CHE ALCUNI NON SONO CONVINTI DI PRENDERE UNA DECISIONE DRASTICA CONTRO UN'APP POPOLARE CHE HA 170 MILIONI DI UTENTI NEGLI STATI UNITI - RABBIOSA LA REAZIONE CINESE: “LA MOSSA SI RITORCERÀ CONTRO GLI STATI UNITI"

-

Condividi questo articolo


SHOU ZI CHEW SHOU ZI CHEW

(ANSA) - PECHINO, 14 MAR - Il ceo di TikTok, Shou Zi Chew, ha invitato gli utenti americani alla mobilitazione a tutela della popolare piattaforma di condivisione dei video di proprietà della cinese ByteDance in nome dei diritti costituzionali, dopo che la Camera dei rappresentanti ha approvato ieri un disegno di legge che costringerebbe l'azienda a recidere i legami con il proprietario di Pechino o ad essere bandita negli Stati Uniti. "Crediamo di poter superare questa situazione insieme. Proteggi i tuoi diritti costituzionali. Fai sentire la tua voce", ha detto Shou in un videomessaggio pubblicato su X, la piattaforma di Elon Musk.

 

SHOU ZI CHEW AL CONGRESSO DEGLI STATI UNITI SHOU ZI CHEW AL CONGRESSO DEGLI STATI UNITI

Approvato a larga maggioranza dalla Camera americana con una solida maggioranza bipartisan (352 voti a favore e 65 contrari), il disegno di legge passa adesso al vaglio del Senato dove il destino è incerto dato che alcuni temono una mossa drastica contro un'app popolare che ha 170 milioni di utenti negli Stati Uniti.

 

Il presidente Joe Biden ha fatto già sapere che firmerà la legge in forza del Protecting Americans from Foreign Adversary Controlled Applications Act, se il testo arriverà sulla sua scrivania, secondo la Casa Bianca. Dopo il voto, il numero uno di TikTok, Shou Zi Chew, ha esortato gli utenti dell'app negli Stati Uniti a parlare apertamente e condividere le loro storie, anche con i loro senatori. "Continueremo a fare tutto il possibile, incluso l'esercizio dei nostri diritti legali per proteggere questa straordinaria piattaforma che abbiamo costruito con voi", ha affermato in un video pubblicato su X.

SHOU ZI CHEW SHOU ZI CHEW

 

"Crediamo di poter superare questa situazione insieme. Proteggi i tuoi diritti costituzionali. Fai sentire la tua voce", ha aggiunto. La misura, che ha preso slancio negli ultimi giorni, impone alla società madre di TikTok, ByteDance, di vendere l'app entro 180 giorni o di vederla bandita dagli app store di Apple e Google negli Stati Uniti. Dà inoltre al presidente americano il potere di designare altre applicazioni come una minaccia alla sicurezza nazionale se sono sotto il controllo di un Paese considerato avversario degli Stati Uniti.

 

SHOU ZI CHEW AL CONGRESSO DEGLI STATI UNITI SHOU ZI CHEW AL CONGRESSO DEGLI STATI UNITI

La rinnovata campagna contro TikTok è arrivata all'improvviso, ha riferito il Wall Street Journal, con i dirigenti dell'azienda rassicurati quando Biden si è unito all'app a febbraio come parte della sua campagna per un secondo mandato. Rabbiosa la reazione cinese: la mossa "si ritorcerà inevitabilmente contro gli Stati Uniti", ha commentato mercoledì il portavoce del ministero degli Esteri, Wang Wenbin, accusando Washington di "bullismo". Malgrado gli Usa non abbiano mai trovato prove che TikTok sia una minaccia per la sicurezza nazionale, "gli Stati Uniti non hanno mai smesso di reprimere TikTok".

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…