LA LETTERA CON CUI LE INVIATE E AUTRICI DE ''LA VITA IN DIRETTA'' RISPONDONO PER LE RIME A LORELLA CUCCARINI, SCHIERANDOSI IN DIFESA DI ALBERTO MATANO: ''ABBIAMO LAVORATO PER TUTTA LA STAGIONE E SIAMO SORPRESE E AMAREGGIATE E, STENTIAMO ANCORA A CREDERE, ALLE ACCUSE DI MASCHILISMO RIVOLTE AD ALBERTO. CI HA SEMPRE DEDICATO RISPETTO E RICONOSCIMENTO PROFESSIONALE, HA SAPUTO VALORIZZARE OGNUNO DI NOI. ABBIAMO PROVATO SMARRIMENTO QUANDO ABBIAMO LETTO CHE…''

-

Condividi questo articolo

Alberto Dandolo per Dagospia

matano cuccarini matano cuccarini

 

Dagospia può pubblicare la lettera inviata dalla redazione della ''Vita in Diretta'' a Lorella Cuccarini, in risposta alla durissima missiva pubblicata stamattina:

 

 

 

Cara Lorella,

 

dopo aver letto la tua mail, arrivata a ridosso dell'ultima puntata del programma, abbiamo provato smarrimento e incredulità per le tue parole.

 

Abbiamo trascorso mesi durissimi e difficili in cui abbiamo lavorato insieme, con te e con Alberto, con impegno e dedizione, per gli stessi obiettivi e non ci aspettavamo una conclusione come questa.

 

Fare finta di niente sarebbe la soluzione più semplice ma sentiamo il bisogno di dover dire la nostra, da donne.

 

alberto matano foto di bacco (1) alberto matano foto di bacco (1)

Abbiamo lavorato per tutta la stagione invernale in questo programma e siamo sorprese e amareggiate e, stentiamo ancora a credere, alle accuse di maschilismo rivolte ad Alberto.

 

La nostra esperienza di lavoro con lui è stata caratterizzata da rispetto e riconoscimento professionale.

 

Da grande giornalista, Alberto ha saputo valorizzare ognuno di noi nel proprio ruolo, con passione, generosità e intelligenza, avendo sempre come obiettivo la qualità del programma.

 

In bocca al lupo!

 

Maria Graziano

 

Maria Teresa di Furia

 

Elena Martelli

 

Ilenia Petracalvina

 

Shaila Risolo

 

Raffaella Longobardi

raffaella longobardi raffaella longobardi

 

Lucia Loffredo

 

Lucilla Masucci

 

Simona Giampaoli

 

Sonia Petruso

 

Erika Tuccino

 

Mara Pannone

 

Sara Verta

 

Donatella Cupertino

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

GAD, CI FAI O CI SEI? - ORA CHE SCRIVE PER “IL FATTO”, LERNER DENUNCIA “L'OMERTÀ” DELLA SINISTRA E DEI GIORNALI DOPO IL CROLLO DEL PONTE MORANDI. MA PERCHÉ NON SE N’E’ ACCORTO QUANDO ERA ANCORA A “REPUBBLICA”, CHE IMPIEGO’ CINQUE GIORNI, COME DEL RESTO IL "CORRIERE", PER SCRIVERE BENETTON ANZICHE' ATLANTIA? - LA SPIEGAZIONE DELL'ANIMA BELLA: “PESAVA IL FATTO CHE I BENETTON ERANO PARTE DEL CAPITALISMO DI RELAZIONE INSEDIATO NELLE PROPRIETÀ DEI GIORNALI”. AH, ECCO. QUANDO IL BORDELLO CHIUDE, BISOGNA FARE LE VERGINELLE....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute