LORENZETTO MORDE E PANARARI RISPONDE – MASSIMILIANO PANARARI FA “LE PULCI” A STEFANO LORENZETTO, CHE LO AVEVA BACCHETTATO PER DUE PASSAGGI DI UN SUO EDITORIALE: “IL ‘CE NE STANNO’ RIFERITO AI CINGHIALI NELL'ARTICOLO SU ‘LA STAMPA’ RICHIAMA APPOSITAMENTE LA LINGUA DELLA CITTÀ CHE SI TROVA ASSEDIATA DAGLI UNGULATI. IL ‘CARICO DA NOVANTA’ NON RIMANDA ALLE CARTE DA BRISCOLA, NÉ MEN CHE MENO ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA, MA HA A CHE FARE CON L'ESERCITO…”

-

Condividi questo articolo


1. LETTERA DI MASSIMILIANO PANARARI A DAGOSPIA

 

Caro Dottor Stefano Lorenzetto,

 

MASSIMILIANO PANARARI MASSIMILIANO PANARARI

buonasera, è un onore rientrare tra coloro a cui lei fa le pulci (ma non "pulciari", però, in questo caso, a proposito del romanesco). Il "ce ne stanno" riferito ai cinghiali nell'articolo su "La Stampa" richiama appositamente la lingua della città che si trova assediata dagli ungulati, diventati un problema quotidiano di cui si discute nella lingua comune di una città che amo profondamente (oltre a lavorarci, come lei ricorda: in UniMercatorum, in primis, e in Luiss).

 

Il "carico da novanta" non rimanda alle carte da briscola, infatti, né men che meno alla criminalità organizzata, ma ha a che fare con l'esercito, seppure non con lo scomparso servizio militare di leva. Ovvero alla potenza di fuoco dell'allora moderno cannone calibro 90 che negli anni Quaranta venne adottato dall'artiglieria del Regio esercito italiano.

 

Un saluto molto cordiale (e molto rispettosamente guardingo e attento per riuscire a parare o schivare possibili errori e refusi)

 

Massimiliano Panarari

 

 

2. Da “Pulci di notte” di Stefano Lorenzetto da “Anteprima. La spremuta dei giornali di Giorgio Dell’Arti” e pubblicato da “Italia Oggi”

(http://www.stefanolorenzetto.it/telex.htm)

 

STEFANO LORENZETTO STEFANO LORENZETTO

Editoriale di Massimiliano Panarari sulla Stampa: «Non stiamo parlando di cinghiali (di quelli ce ne stanno anche troppi in carne e ossa)». Professore, lei risulta nato a Reggio Emilia: anche se insegna alla Luiss, lasci perdere questi orribili romanismi.

 

Più avanti: «E su Youtube cala il carico da novanta». Ne deduciamo che lei fu militesente e che non gioca a briscola: si cala il carico da undici (l’asso, che vale 11 punti), non da novanta.

 

Da novanta è il pezzo di chi nella mafia gode di grande autorità o, tutt’al più, il pezzo di artiglieria del cannone contraereo utilizzato dall’Italia durante la Seconda guerra mondiale (90 ovviamente era il calibro).

stefano lorenzetto per la quinta volta nel guinness dei primati stefano lorenzetto per la quinta volta nel guinness dei primati massimiliano panarari massimiliano panarari massimiliano panarari massimiliano panarari STEFANO LORENZETTO STEFANO LORENZETTO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - IL SISTEMA, PIÙ SECCO DI UN COLPO DI MANGANELLO, CON IL QUALE LA DUCETTA STA OCCUPANDO TUTTE LE CASELLE DEL POTERE NON S’ERA MAI VISTO, SOTTO NESSUN GOVERNO - UN'ABBUFFATA COMPULSIVA DI INCARICHI PER AMICI E FEDELISSIMI, SPESSO SENZA ALCUNA COMPETENZA, RIVINCITA DI UN'ESTREMA DESTRA SVEZZATA A PANE, LIVORE E IRRILEVANZA - LA PRESIDENZA DI FINCANTIERI, SEMPRE IN MANO A MILITARI O AMBASCIATORI, È STATA OFFERTA A BIAGIO MAZZOTTA SOLO PER RIMUOVERLO DALLA RAGIONERIA DELLO STATO - FABRIZIO CURCIO E' STATO SOSTITUITO ALLA PROTEZIONE CIVILE PER FAR POSTO A FABIO CICILIANO, DIRIGENTE MEDICO DELLA POLIZIA DI STATO, CHE GIORGIA MELONI HA MOLTO APPREZZATO NEL SUO RUOLO DI COMMISSARIO STRAORDINARIO PER L’EMERGENZA DI CAIVANO - A SETTEMBRE GIUSEPPE DE MITA, CARO AD ARIANNA E A MEZZAROMA, SARÀ PRONTO AD APPRODARE COME DG A SPORT E SALUTE, LA SOCIETÀ PUBBLICA CASSAFORTE DELLO SPORT 

DAGOREPORT - EIA EIA ALALA’, VENEZIA ECCOLA QUA: "IL POTERE ORACOLARE DEL CINEMA… SETTIMA ARTE O... DECIMA MUSA?" - CON L’AMPOLLOSISSIMA PRESENTAZIONE (CON PAUSE RITARDANTI E ACCELERAZIONI IMPROVVISE, PIÙ DA TURI PANDOLFINI CHE DA TURI FERRO), ABBIAMO FINALMENTE CAPITO PERCHÉ LA MELONA HA SPEDITO PIETRANGELO BUTTAFUOCO ALLA PRESIDENZA DELLA BIENNALE DARTE: SODDISFARE IL SUO ERUDITO TROMBONISMO DA MEGALOMANE D’ANNUNZIO SICULO-MUSULMANO - SEMMAI, CI CHIEDIAMO: PERCHÉ L’OTTIMO BARBERA, UNO DEI POCHI DIRETTORI DI SINISTRA CAPACE DI ORGANIZZARE UNA MOSTRA D’ARTE CINEMATOGRAFICA PIENA DI STAR E OTTIMI FILM, SI PIEGA AD ACCETTARE DI REGGERE PER DUE ANNI LA RASSEGNA VENEZIANA PRESIEDUTA DAL FILODRAMMATICO AEDO DELLA FUFFA CULTURALE DI DESTRA? – VIDEO STRACULT!

FLASH! – QUANTI VITTORIO FELTRI CI SONO IN CIRCOLAZIONE? DUE GIORNI FA, SU “IL TEMPO”, FELTRI1 HA ELOGIATO ROBERTO D’AGOSTINO PER IL SUO DOCU-FILM “ROMA SANTA E DANNATA”. PASSANO 48 ORE E SU “IL GIORNALE” SPUNTA IL FELTRI2 CHE, RISPONDENDO A UN LETTORE, ATTACCA DAGO PER LA POSIZIONE CRITICA DI DAGOSPIA VERSO IL GOVERNO MELONI: “SEDICENTE ESPERTI DI ARIA FRITTA”, “CORBELLERIE”, “RICOSTRUZIONI COMICHE”, “SULLA PAGINA SI RIVERSA BILE” – QUALE SARA’ IL FELTRI APOCRIFO: IL PRIMO O IL SECONDO? (MAGARI E’ SOLO UN CASO DI BIPOLARISMO SENILE)…

FLASH! – IL GOVERNO DUCIONI NON SA DOVE ARRAMPICARSI PER RACCATTARE SOLDI PER LICENZIARE LA LEGGE DI BILANCIO SECONDO LE DURISSIME REGOLE DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ (TAGLI DI 10/12 MILIARDI NEL BILANCIO PUBBLICO) - E LA FIAMMA TRAGICA DI PALAZZO CHIGI, NONOSTANTE IL FALLIMENTO DELLA TASSA SUGLI EXTRA-PROFITTI BANCARI, STAREBBE STUDIANDO UNA NUOVA IMPOSTA PER SPILLARE MILIARDI DI EURO A BANCHE E ASSICURAZIONI (PARE CHE NE AVREBBERO GIÀ PARLATO CON IL PRESIDENTE DELL’ABI, PATUELLI)….

FLASH! - L’IRRITAZIONE DI SERGIO MATTARELLA, PRESIDENTE DEL CSM, NON ACCENNA A DIMINUIRE PER IL RIFIUTO DI DIMETTERSI DALLA CARICA DI CONSIGLIERA DEL CSM DI ROSANNA NATOLI, AVVOCATA DI PATERNÒ (CATANIA) E VICE PRESIDENTE DIMISSIONARIA DELLA SEZIONE DISCIPLINARE (MOLTO AMICA DEL PRESIDENTE DEL SENATO IGNAZIO LA RUSSA, CHE A PATERNÒ HA IL SUO FEUDO ELETTORALE). E NULLA È SERVITO IL PRESSING DEL COLLE SUL VICEPRESIDENTE DEL CSM: FABIO PINELLI SI È LIMITATO A FARE IL PESCE IN BARILE CON NATOLI - LA PROSSIMA SETTIMANA È PREVISTA LA RESA DEI CONTI TRA SERGIONE E LO SFUGGENTE PINELLI…