UNA LUNGA STORIA DI COVID - GINO PAOLI: “IL POST PANDEMIA SARA' PEGGIO CHE ORA, QUESTA SITUAZIONE HA ALIMENTATO EGOISMO. ALTRO CHE ALTRUISMO…” – “NELL'INDOTTO DELLA MUSICA CI SONO 80MILA PERSONE, E ORA SONO ALLA FAME VERA, PERCHÉ LA CULTURA VIENE CONSIDERATA SEMPRE PER ULTIMA. IO NON HO PROBLEMI MA LE TANTE PERSONE CHE LAVORAVANO CON ME, DAI MUSICISTI AI TECNICI, COME FANNO A SOPRAVVIVERE E A PORTARE A CASA LA PAGNOTTA?"

-

Condividi questo articolo

gino paoli gino paoli

Da Un Giorno di Pecora

 

“Come vedo la situazione alla fine di questa pandemia? Molto male, peggio del Covid stesso, perché questa situazione ha sviluppato l'egoismo tra di noi, altro che l'altruismo che tempo fa si sperava venisse fuori”. La pensa così il cantautore Gino Paoli, che oggi è intervenuto al programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora.

 

gino paoli gino paoli

Nel corso dell'intervista, Paoli ha poi parlato della situazione drammatica che stanno vivendo i lavoratori del settore musicale. “Nell'indotto della musica – ha spiegato Paoli a Rai Radio1 - ci sono 80mila persone, e ora sono alla fame, ma alla fame vera, perché la cultura viene considerata sempre per ultima, nessuno li aiuta. Io non ho problemi ma le tante persone che lavoravano come, dai musicisti ai tecnici, come fanno a sopravvivere e a portare a casa la pagnotta? C'è gente che cambierà mestiere, che soffre, ed è pesante vedere come non siano considerate le persone che lavorano in questo settore”.

gino paoli gino paoli gino paoli gino paoli STEFANIA SANDRELLI E GINO PAOLI STEFANIA SANDRELLI E GINO PAOLI gino paoli gino paoli gino paoli ad amici gino paoli ad amici gino paoli gino paoli MOGOL GILETTI GINO PAOLI MOGOL GILETTI GINO PAOLI GINO PAOLI GINO PAOLI gino paoli a malindi kenya gino paoli a malindi kenya GINO PAOLI GINO PAOLI ornella vanoni gino paoli ornella vanoni gino paoli gino paoli 1 gino paoli 1 IL PESTO DI GINO PAOLI IL PESTO DI GINO PAOLI gino paoli gino paoli

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute